Mercoledì , 25 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Myanmar. Politiche antidroga sono strumento prezioso di controllo e repressione
29 Settembre 2007
 

San Patrignano”, da sempre un campione della politica repressiva sulle droghe, ha ieri elogiato la dittatura del Myanmar per i risultati ottenuti contro il traffico di droga. Negli ultimi anni, le coltivazioni di oppio sarebbero infatti diminuite dell'80%, grazie anche ai finanziamenti delle Nazioni Unite. A parte il cattivo gusto di elogiare le politiche di repressione sulla droga di un regime totalitario che proprio in questi giorni ha puntato le armi sui propri cittadini, è forse il caso di ricordare quali sono i metodi e risultati della Junta birmana:

- arresto di giovani donne che hanno denunciato violenze sessuali dei soldati;

- sospetti narcotrafficanti torturati e uccisi dagli agenti antinarcotici;

- il Governo lascia che alcuni capi del narcotraffico continuino a produrre oppio in cambio di un loro aiuto a reprimere la resistenza;

- eradicazione selettiva, ovvero eradicazione esclusiva dei coltivatori nelle zone in cui operano organizzazioni antigovernative;

- campi espropriati a contadini ora coltivati da ex ufficiali dell'esercito;

- su 22 cittadine dichiarate “liberate da oppio” da Governo e Unodc (l'agenzia Onu sulledroghe), almeno 11 continuano a coltivarlo;

- se una città viene liberata dall'oppio, le altre vicine cominciano a produrre lontano dagli occhi dell'Unodc;

- esodo di massa di contadini dalle aree che rientrano nel progetto delle Nazioni Unite sulle colture alternative a causa dell'imposizione di tasse troppo alte (The Transnational Institute). Secondo l'Onu ed il Governo Usa, sarebbero un milioni i rifugiati nei Paesi limitrofi e all'interno del Paese;

- il Myanmar ha il piu' alto numero di bambini soldati al mondo (Rapporto Onu);

- i bambini soldato partono dall'età di 11 anni (Human Rights Watch);

- il 20 percento dell'esercito è composto di minori (Coalition to Stop the Use of Child Soldiers);

- il Governo è coinvolto nel traffico di esseri umani (Dipartimento di Stato Usa, 2006);

- oltre mille prigionieri politici;

- uso militare della violenza sessuale su donne e bambini come strumento di repressione;

- la produzione di metanfetamine, prodotte in laboratori nascosti, continua a crescere;

- per tre anni consecutivi, la Casa Bianca giudica gli sforzi antidroga della dittatura di Burma «dimostrabilmente falliti», e definisce il Paese uno dei maggiori centri del narcotraffico al mondo;

- lo stesso programma dell'Unodc che oggi finanzia le colture alternative in Myanmar, ha finanziato per anni la dittatura talebana in Afghanistan (oggi il primo produttore di oppio al mondo);

- servizi segreti militari coinvolti nel narcotraffico;

- arresti e tortura dei familiari dei contadini per “incoraggiarli” a scegliere colture alternative all'oppio.

Questi sono solo alcuni dei “successi” della giunta militare, che ogni hanno celebra con un grande falò di sostanze sequestrate e parate militari il suo impegno contro il narcotraffico.

Noi temiamo che la politica antidroga birmana, finanziata dalle Nazioni Unite come già quella dell'Afghanistan, sia un altro prezioso strumento di controllo e repressione di un brutale regime ai danni dei suoi cittadini. Tutt'altro che da elogiare.

 

da Notiziario Droghe Quotidiano


Articoli correlati

  Bruna Spagnuolo: Birmania. Figli di nessuno del 3° millennio.
  Bernardini, Zamparutti, Farina Coscioni. Dove eravamo rimasti?
  Myanmar. Un appello di Amnesty International
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Polly Toynbee intervista Aung San Suu Kyi
  Per non dimenticare Myanmar (ex Birmania). A Sondrio, lunedì 26
  Birmania. San Suu Kyi incriminata
  Peter Popham. Birmania. “Vincere i cuori”
  Mao Valpiana. Il metodo nonviolento dei monaci buddisti birmani
  Alberto Figliolia. Burma VJ, Cronache da un Paese blindato
  I blogger cinesi parlano di Birmania
  Valter Vecellio. Tre notizie da titolo TG!?...
  Cynthia Boaz e Shaaka Beyerle. La rivoluzione color zafferano
  Torino. Cittadinanza onoraria ad Aung San Suu Kyi
  Tutti contro la dittatura che opprime la Birmania. Però gli affari sono affari
  Aung Zaw. La nuova sfida di Aung San Suu Kyi
  Guido Biancardi. Sangue e democrazia
  Il monaco birmano U Gambira cittadino onorario di Morbegno
  Marcia Perugia-Assisi: raccogliamo l'appello per la pace e la democrazia del governo birmano in esilio
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Valter Vecellio. Punti e appunti per un possibile dibattito. Due
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy