Martedì , 07 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Occhi sul Pian di Spagna”. Mobilità ciclopedonale interprovinciale e attraversamento dell'Adda 
Proposte degli ambientalisti presentate agli enti gestori
07 Novembre 2018
 

Come associazioni ambientaliste, Legambiente, WWF, Cros Varenna, Orma, riunite nel gruppo “OCCHI SUL PIAN DI SPAGNA” abbiamo inviato una lettera agli enti (C.M. Montana Valtellina di Morbegno, Comune di Colico, Riserva naturale Pian di Spagna - Lago Mezzola, Comune di Gera Lario) che hanno sottoscritto l’Accordo per il “Programma interventi strutturali a sostegno mobilità ciclopedonale: realizzazione di passerella ciclo-pedonale sul fiume Adda nei Comuni di Colico (Lc) e Gera Lario (Co) per il collegamento del Sentiero Valtellina alla Riserva naturale Pian di Spagna - Lago Mezzola”, per richiamare la loro attenzione sulla necessità, prevista dal Piano di gestione, di proteggere quest’area da un attraversamento, specie nelle fasce più delicate, di numerosi camminatori e ciclisti che non siano specificamente interessati ad una visita consapevole.

Riteniamo utile favorire una mobilità ecosostenibile di collegamento interprovinciale e ci pare più appropriato parlare non di collegamento alla Riserva Naturale, ma di collegamento tra il Sentiero Valtellina e i percorsi esistenti nella Valchiavenna e verso il ponte del Passo, attraverso il completamento della ciclo-pedonale dal ponte sull’Adda lungo i segmenti della SS 36 e della SS 340 che ne sono sprovvisti.

La nostra presenza attiva in Pian di Spagna da vari anni ci ha permesso di conoscere a fondo la qualità di questa riserva naturale, la più grande dell’arco alpino e la sua vulnerabilità come pure la scarsa sensibilità delle popolazioni e di alcune amministrazioni per il rispetto e la sua valorizzazione.

Siamo favorevoli all’ipotesi, di cui siamo venuti a conoscenza, di due ciclabili, una che affianca la SS 340 per collegare il ponte del Passo al ponte sull’Adda, e l’altra lungo la SS 36 dal ponte dell’Adda fino a Verceia. Ci piacerebbe averne conferma e di conoscere una previsione dei tempi di realizzazione, in particolare della prima opera che riteniamo prioritaria. Se così sarà, le aree naturali verranno preservate dai collegamenti ciclopedonali diffusi.

Resta da definire l’attraversamento del fiume Adda.

Pensiamo che possa essere condivisa la convinzione che è bene risparmiare risorse pubbliche ed evitare la costruzione di manufatti impattanti sul paesaggio della foce e sui voli degli uccelli migratori. Di conseguenza il progetto, che persegue il semplice obiettivo di agevolare l’attraversamento sicuro del fiume a pedoni e ciclisti, deve esplorare tutte le soluzioni possibili, compreso l’utilizzo delle strutture esistenti, opportunamente adeguate.

Tuttavia l’eventuale costruzione di un nuovo ponte-passerella, qualora fossero escluse con valide documentate motivazioni le alternative, dovrà, a nostro parere:

A) collocarsi il più vicino possibile all’attuale ponte stradale/ferroviario;

B) avere una struttura lineare senza stralli, considerato che il corso dell’Adda rappresenta un percorso privilegiato dell’avifauna nelle migrazioni;

C) evitare in prospettiva di attirare un flusso massiccio di persone con incidenza negativa sulla biodiversità e complessità naturalistica, sulla Flora e Avifauna selvatica, sulle aree ora tutelate dal Piano della Riserva e sull’agricoltura; cosa che sarà possibile se saranno realizzate nel frattempo le ciclopedonali lungo la SS 340 e lungo la SS 36;

D) fare i conti con il fatto che gli interventi ricadrebbero in parte in fascia A di deflusso di piena (alveo fino alle arginature) ed in fascia B di esondazione del PAI;

E) rispettare tutte le norme che tutelano la Riserva Naturale;

F) collegarsi agli strumenti di pianificazione del territorio (PTR, PIANO RISERVA, PTCP, PGT).

 

Legambiente, WWF, Cros Varenna, Orma


Foto allegate

Articoli correlati

  “I VENERDÌ DELLA RISERVA” Quarto incontro
  Riprendono, dopo le feste, “I VENERDÌ DELLA RISERVA”
  “No al cemento nel Pian di Spagna!”
  William Vaninetti. Pensieri spettinati
  Inverno al Pian di Spagna
  Pian di Spagna: ricorso contro lo scempio nella zona umida tutelata a livello internazionale
  Questa sera il primo de “I VENERDÌ DELLA RISERVA”
  “I VENERDÌ DELLA RISERVA” Penultimo incontro
  Riserva Pian di Spagna – Lago di Mezzola. Ambientalisti denunciano autorizzazione edilizia in zona protetta
  Secondo appuntamento con “I VENERDÌ DELLA RISERVA”
  Pian di Spagna: Ordinanza 23 agosto 2012 ignora le criticità
  Ultimo appuntamento per “I VENERDÌ DELLA RISERVA”
  Giornata mondiale zone umide 2019
  “No a nuove case nella Riserva del Pian di Spagna!”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy