Martedì , 18 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Flavia Buldrini. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
Macerta, 18/06/2016. Presentazione di “Girasoli di mare” (foto di Mirco Fontanella)
Macerta, 18/06/2016. Presentazione di “Girasoli di mare” (foto di Mirco Fontanella) 
15 Agosto 2016
 

Questi versi sono intrisi di un intenso pathos, intessuti dell’avventurosa vicissitudine personale dell’autrice, la quale ha seguito il padre militare nei suoi vari spostamenti a Mogadiscio, Bruxelles, Roma. Si avverte la risonanza di questa esperienza forte che si è impressa a caratteri di fuoco nella sua visione esistenziale: «Uncinate dalla scure/ le parole si divincolano./ Cercano respiro/ a terra/ e/ rantolano./ È una pace che non verrà/ Desideri smarriti naufragano/ dentro un gorgo d’odio/ Si addensa fitta nebbia/ tra corpi lacerati./ Le stelle barcollano,/ qualcuno inciampa/ cade. Colpisce/ per troppa luce».

È una poesia elevata, come una vertiginosa cattedrale eretta sull’abisso della sofferenza, innalzata tanto più in alto quanto affondata nell’humus della mortale miseria, canto sublime che echeggia il grido della terra martoriata: «“La nostra terra è impastata più di morti che di vivi”/ la tua voce sopra l’orrore/ dipinge di versi sentieri/ indica la strada del rifugio./ E la luce che colora i tuoi tramonti/ addolcisce il sole cocente e la deriva dei naufraghi,/ corpi sventrati dagli uomini/ che li vollero servi di regalità spodestate./ Avverto una velatura pesante/ scendermi negli occhi./ Mi appare lontano oggi/ il declinare sentimenti d’amore/ resto appesa al tuo dirmi del mondo». Un lirismo appassionato pervade la dolorosa vicenda umana franta nella drammatica dialettica di vita e morte trascesa dall’impeto divino dell’estasi contemplativa: «Lenzuola di nuvole/ dalla trama del cielo/ scendono/ a coprire di vento/ quanto resta della mattanza/ convogli abbandonati/ ustionati dell’arsura/ attendono all’orizzonte/ un sudario di stelle»; «Senti,/ percepisci/ t’inveri/ all’alba/ come d’estate/ il sogno…/ trasparente velo/ in appannata vista./ S’allaga di sole/ il pensiero del mare./ Rifrazioni di luce/ i miei passi./ Trascolora/ la guerra/ nei campi di grano».

L’angoscia è il retroscena sempre presente dietro il sipario della bellezza, la quale sprigiona un fascino tanto più folgorante quanto più scaturisce da un vissuto travagliato – come scriveva Musset (“nulla ci rende così grandi come un grande dolore”) –, apparendo come velata da una segreta mestizia: «Lontano/ un lago di luce violata/ si dissolve/ nella foschia dell’orizzonte./ Gabbiani/ affamati/ disegnano/ lente spirali/ sopra tetti grigi./ Non torneranno più le rondini»; «Notti stellate da incendi/ sparigliano il gioco del cielo/ sorriso ferito/ bacio umido/ amore deserto/ ombra di luce e refrigerio/ il vento respira/ sui tuoi occhi/ e spettina le parole»; «Nuvole d’onde trafugate al mare/ l’esilio s’abbevera di sabbia, sassi e sangue/ inghiottito dalla nostalgia/ radice bruciata/ parascenio vuoto/ interrato/ a scavar parole/ nell’inferno dei viventi».

La consapevolezza della tragicità della condizione esistenziale suscita la profondità della meditazione: «L’avvertimento del vento/ giunge da lontano/ ombra nomade/ deserta luce/ dolore consueto/ pietosa onda/ asciuga gli occhi del mare/ ché non bruci/ all’arsura inquieta/ del distacco»; «arrampica il vuoto la luce/ cerca il respiro del cielo/ d’un tempo senz’ora/ in ferrosa spirale/ il contatto di mani/ gronda l’orrore del/ fine-pena mai».

Spiccano intuizioni incisive e acute: «Come da una bottiglia/ scorre la vita»; «Il sipario leggero/ svela il dolore/ che affatica»; «i peccati attendono sempre d’essere vestiti d’amore». Nonostante l’orrore, resiste, tenace e ineffabile, l’amore: «Paratie al mare/ Alte risuonano dall’onda/ Rovine di scogli/ Ormeggiate a nascondere/ Lacrime/ Assordanti/ (…) Per amarvi/ Annebbiato Fantasma/ Resisto al dissenso/ Ormai/ Lontana/ Attendo». Il dolore è connaturato all’essenza stessa della vita, incastonato nella sorte dell’uomo: «Migrano/ a stormi/ ombre/ esauriti fuochi/ stelle di vetro/ nidi fucilati/ gorgoglii di sangue/ fili agugliati/ nella logorata trama del nostro niente»; «Mi pesano sulla schiena/ tanti ultimi respiri/ piango dalla bocca/ lacrime impastate di sangue».

Un mistero indecifrabile sottentra all’affannosa lotta quotidiana: «Se non custodissimo quel segreto/ sarebbe vano il viaggio/ scommessa risolta/ realtà svelata/ dubbio divelto alla radice./ I bonsai sono aborti di piante/ nani che piangono alla mensa dei buffoni./ Deserto è la parola svelata/ anche quella di Dio».

L’altrove s’affaccia dalla realtà sofferta come un palpito d’infinito, una vertigine d’assoluto: «Sarà faticoso trascinare/ nuvole basse/ a sfiorare il mare/ spianare le onde/ dimentiche di vele/ appesantiti sudari/ di abissi colmi fino all’orlo/ la riva è il perimetro/ del nostro dirci/ nelle lenzuola d’acqua/ annebbiate dalla sera/ parlavi di matrimonio/ tra stelle e cielo, tra cielo e terra,/ tra stelle e stelle/ tra cielo e cielo/ questa sera annotta prima/ almeno sembra/ affidiamo al silenzio/ un supplemento d’anima».

I versi di Patrizia Garofalo hanno il sapore di un’inquietudine che trae la sua sorgente nascosta dagli abissi interiori, come dai flutti indomiti del mare, dove sbocciano le gemme di luce delle parole, quali girasoli appunto: «Girasoli di mare/ senza rifugio/ radicati negli abissi/ il buio dei fondali/ trattiene gli ultimi fiati/ in asfissia/ di luce».

 

Flavia Buldrini

(da Literary, 7/2016)


Articoli correlati

  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Da un campo di guerra...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Tutto converso in bene...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. S'appanna il giorno...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Unisono di voci...
  Un progetto poesia con “Girasoli di mare” al “Donegani” di Sondrio
  Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lasciare andare al dondoĺo...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Immagino una musica...
  Girasoli di mare a Macerata
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ecografia di un fiore...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Se le parole potessero...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Nell'impura liquidità diventa assenza...
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ravv́a i capelli del vecchio...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Niobe
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Un foglio di guerra
  In libreria/ Luciano Nanni. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Specchiano d'acqua...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il tramonto dell’alba...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Una coperta di stelle...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Sarà faticoso trascinare...
  In libreria/ Asmae Dachan. “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Stelle cadenti
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Malacopia
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Vestire stelle filanti...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Accolgono...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Donna Vittoria
  In libreria/ “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ 25 Aprile Tellusfolio
  Annagloria Del Piano. Poesie per una terra promessa: Girasoli di mare
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Desideri
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Eppure mi hai svegliato
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Eventi/ “Girasoli di mare” a Macerata, sabato 18 giugno
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  Eventi/ Whats Art. Poesia e musica sulla migrazione
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Obliqua traiettoria...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Il silenzio a lungo trattenuto...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Ebbi a morir nel rimandarti a mente...
  In libreria/ Antonio Barbuto. Noterella in margine a “Girasoli di mare” di Patrizia Garofalo
  In libreria/ Patrizia Garofalo. Girasoli di mare
  In libreria/ Stefano Valentini. “Girasoli di Mare” di Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Con un battito d’ali...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Girasoli di mare
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lamina tagliente...
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Torno nello spazio dei tuoi occhi
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.8%
NO
 26.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy