Lunedì , 20 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Patrizia Garofalo: Barbarah Guglielmana, Davanti alla tenda
Foto P. Garofalo
Foto P. Garofalo 
10 Novembre 2015
   

/ L'infanzia che m'ha dato/ Questo caro sgomento mio d'esistere/ ...

Giovanni Giudici

(da Prove Del Teatro, 1953)

 

Mi cambio e mi nascondo

Al di là gli abiti del mio corpo,

al di qua le sue spoglie.

 

La tenda trasparente nelle trame rotte.

 

 

Poche volte mi è capitato di entrare dentro una scrittura così fortemente corporea e cogliere l'intensità della autrice nel cantare ogni effetto che gli eventi le cuciono addosso. L'immediatezza del cogliere con i cinque sensi l'espandersi del dolore, del vuoto, della recita a soggetto della vita, del sé che guarda dentro le trame rotte della tenda creano un diretto contatto poeta - lettore in uno spazio borgesiano di dialogo espansivo o meglio congetturale.

Pregevole l'elaborazione grafica della copertina che fotografa l'animo della poetessa nell'incandescenza magmatica del suo essere, una spirale di mille colori, un fuoco d'artificio nel suo esplodere prima di rifrangersi in mille vie di senso nella costante ricerca di dare voce alla passione e ai ricordi.

tu non eri ancora venuto/ o eri già venuto/ ma non aveva più importanza -È un parlare in solitudine ad un amore finito, con il petto stretto senza più percezione neanche della pelle anzi dolorosamente svestiti di essa Il dondolio/ delle piante selvatiche/ era il solo lusso/ che mi concedevo/ come un sacchetto/libero solo al vento e ancora cadrei nelle tue braccia/ fischiando il mio canto un legame che pur riconosciuto, non accetta ruoli né perdita d'autonomia. Appeso al muro l'abbandono di nuda svestita marchia a sangue la fisicità del dolore. Passati d'amore, di forte sentire, di sofferte lontananze spingono le gambe alzando ed abbassando la gamba/ nella melma/ ... lo sentivo, ero spinta/ ...Guardando le nuvole sfilacciate/ E le rose sfiorite nel loro sapore di maggio e profumano di nostalgia anche le lettere, le cui parole non inviate restano appese all'anima e alle “gambe”. Parlando sottovoce e scrivendole di me// Senza lettere, senza carta, senza dire, Senza tutti quei senza/ ...era così che mi muovevo, lisciandomi/ L'ansia e mangiando una catenina d'oro -E l'immediatezza della scrittura di Barbarah Guglielmana offre una successione senza respiro di immagini, sogni, fantasticherie della creazione poetica in un “non tempo” e “non luogo”. In questo spazio l'autrice arriva diretta e accoglie il lettore nella dimensione più ampia di un'umanità condivisa e dismette l'abito dell'io lirico. Rimango sul ponteggio della mia esistenza,/ Sostenuta da un'impalcatura di vecchia muratura

Forse il mio spogliarmi/ sembrava la stessa cosa che il vestirmi, senza pensarmi corpo.

Ma è sempre corpo quello che irradia l'anima e la fa bella E oggi nella nebbia un sorso di pazzia divina// E di nuovo vergine, ancora una volta/ Un capriccio della musica che non invecchia/ mi ha rifecondata. La natura nel suo essere foriera di rinnovamento ed eternità suggerisce lo stacco dal quotidiano, la libertà della follia, la sazietà del cogliere bacche e boccioli E il rossetto me l'ero quasi tutto mangiato, ma gli angoli della mia bocca/ ricordavano che avevo sorriso e se anche quelle lacrime si staccavano come mandorle mai la poesia dell'autrice è dimentica della grande ed unica occasione che offre la vita, quella di sentirla ovunque, di gustarla, di morderla questa vita così breve che non possiamo lasciare senza un senso. Scoperte scompigliate/ dove il tempo è fuggitivo e/ l'uomo ripara cadaveri di sogni -La vita è qui, sembra suggerire l'autrice, è da saper cogliere, e aver il coraggio di guardarci dentro magari davanti alla propria tenda dalla stoffa logorata dagli anni e aperta al rimandare al cuore i ricordi d'infanzia con il segno della pioggia disegnato con il nonno su tanti fogli, tanti fogli, tanto tempo e divertimento, quaderni su quaderni con il campanile della chiesa del paese, righe dritte e righe oblique/ un po' oblique a destra e un po' oblique a sinistra e il verso si ripete intonando un cantilena che fonde la musicalità con il colore della nostalgia che si scioglie in carezzevole andamento ma in quella chiesa con due campanili/ quando ci torno penso ai nostri disegni,/ che conoscevano già la strada della vita/ dritta e obliqua/ obliqua a destra e obliqua a sinistra/ in salita e in discesa, tra terra e il cielo/ con noi in mezzo/ a disegnarci -Forse è necessaria la ferita della tenda apertura al passato e proiezione al presente per ritrovarsi interi senza spegnere le luci del sipario.

 

Patrizia Garofalo

 

 

Barbarah Guglielmana, Davanti alla tenda

LietoColle, 2014, € 13,00


Articoli correlati

  Natale Tf2014/ Barbarah Guglielmana. Sono entrata nel presepio
  Spot/ Serata di poesia con Barbarah Guglielmana e Giovanni De Simone
  Davanti alla tenda, all'Ospitale di Prosto
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Qualche volta ho pregato il Cielo...
  Spot/ A Stradella, “Davanti alla Tenda” di Barbarah Guglielmana
  Marina Riva, Barbarah Guglielmana, Giuseppe Ravelli, Margherita Gadenz, Paola Sarcià...
  In libreria/ Maurizio Splendore. Su Tredici Cadenze
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Sotto l'ortensia bianca
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Cosa mi vuoi dire mare?
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Le mie ossa si sono allungate nello sforzo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Lo fotograferò per te, con i miei occhi, tutto questo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Vienimi vicino
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Non sono nella vostra terra in fiamme...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Era quasi l’autunno dei castani
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Sono sottili ciglia quelle delle dita...
  Spot/ Poeti in Valle: Alberto Figliolia e Barbarah Guglielmana si leggono
  Morbegno, Albo: Davanti alla tenda
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Quando sono le piante a piovere...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. L'anima incarcerata
  Iniziative Associazioni/ Ogni giorno come se fosse il primo
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Vetrina/ Dammi del tuo amore... Barbarah Guglielmana con Patrizia Garofalo
  In libreria/ Barbarah Guglielmana, “Rondini come formiche”
  In libreria/ La giusta collera
  “Ometti oliviani” di Barbarah Guglielmana
  Barbarah Guglielmana al Premio di Poesia “Frate Ilaro”
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Acqua del cielo
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Quanto è grande questo cielo...
  Barbarah Guglielmana
  Alberto Figliolia. Su Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana con Ferdinando Franguelli
  “Ho sognato che camminavo in riva al mare”
  Iniziative/ Poesia e Musica in piazza a Chiavenna
  Spot/ Reading di Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Mi sono strappata l’anima...
  Editoria per strada/ Barbarah Guglielmana. «E infine uscirò di casa...»
  Spot/ AperiPoesia Pavia: sabato 23, con Montagna e Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Grillo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Il naso si pronuncia...
  Barbarah Guglielmana partecipa a “Paratissima”, Torino 2014
  Interpunzioni/ Barbarah Guglielmana e il suo prezioso “Senza forme”
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Capisco
  Spot/ Barbarah Guglielmana nella raccolta di poesie "Davanti alla tenda" (LietoColle 2014)
  In libreria/ Giuseppina Rando. Essere Donna
  Giuseppe Marco d'Agostino legge “Rondini come formiche” di Barbarah Guglielmana
  In libreria/ Barbarah Guglielmana, Anna Venturini. Andavo per nuvole e onde
  Giuseppina Rando. Una nota su la plaquette di B. Guglielmana
  Speciale/ Bottega letteraria & Tellusfolio. 4
  Alice Ravera. Come una cozza la poesia della Guglielmana
  Vetrina/ 8 marzo: Barbarah Guglielmana. Ridammela
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Ammiccano danze sensuali...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Laghetto delle Ondine
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Lasciami stare...
  Vetrina di Natale/ Paola Mara De Maestri, Barbarah Guglielmana e Giorgio Spreafico
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Aspettavo il tuo freddo...
  Vetrina/ Barbarbarah Guglielmana. Mi ero nascosta in quella piuma...
  Iniziative/ Da Pavia, una lettera. Con dedica
  Spot/ Donne in poesia Variazioni pavesi
  In libreria/ Barbarah Guglielmana. Appena alzata mi sono messa a tagliare le stelle come voi tutte
  Eventi/ Presentazione del libro “Davanti alla tenda”, raccolta poetica di Barbarah Guglielmana
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy