Giovedì , 23 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Giuseppina Rando. Essere Donna 
Davanti alla tenda di Barbarah Guglielmana
03 Novembre 2014
 

«Essere donna non è un dato naturale, ma il risultato di una storia. Non c’ è un destino biologico e psicologico che definisce la donna in quanto tale. Tale destino è la conseguenza della storia della civiltà, e per ogni donna la storia della sua vita».

Simone De Beauvoir

(da “Intervista a Il mondo del 10 maggio 1975)

 

 

Davanti alla tenda di Barbarah Guglielmana affascina e conquista per il tono evocativo-narrativo, per il taglio variamente esistenziale e personale e per quella composta eleganza che conferisce ai versi il segno distintivo di un sentire, di un pensare e uno scrivere misurati e meditati.

Pensare e scrivere scaturiti dalla consapevolezza dell’essere donna, dalla sua presenza nel mondo la quale, scrive Flavio Ermini (in Il moto apparente del sole), «non è un’astrazione che rimanda a un contenuto che trascende, ma una carica concretissima di energia che si brucia e si consuma».

Essere donna, tematica pregnante di questa silloge si sviluppa nella tensione salvifica di uscire dal “sé” e relazionarsi con l’alterità, un “tu” o un “voi”, la stessa società o la natura per configurarsi come un piccolo poema memoriale a metà tra il racconto e la poesia, ricco di dettagli e descrizioni come potrebbe esserlo una prosa: …rimango sul ponteggio della mia esistenza, / Sostenuta da un’impalcatura di vecchia muratura… oppure …Da sotto un oleandro color fiore di pesco usciva una musica / di contrabbasso in prova stridente nella sua stonatura…

Strutturata in tre parti, ciascuna delle quali preceduta da una poesia di Cristina Campo, l’opera prende corpo e andatura specifica portandosi dentro il tipico linguaggio della Guglielmana che muove dalle proprie riflessioni sullo stare al mondo... dentro l’acqua, abbandonata finalmente al mio diretto ascolto / Pesante e galleggiante, insieme…

Linguaggio paradigmatico, ricco di energia, fortemente simbolico come la poesia che dà titolo al libro: Davanti alla tenda/ Mi cambio e mi nascondo / Al di là gli abiti del mio corpo / al di qua le sue spoglie. / La tenda trasparente nelle trame rotte.

L’autrice pertanto restituisce la parola al suo valore metaforico e trasferisce la verità in figure che coincidono con ciò che la parola significa; immagini che sembrano raccogliere il sublime in forme comunicabili, quasi suoni musicali (Sbadigliavo aliti di vita / vestita di veli d’abiti / su un’anima pallida…) o esprime passione ardente nell’evocare momenti della propria infanzia con tono crepuscolare e malinconico come nell’ultima parte della raccolta, dove – nota bene Fabio Prestifilippo nella prefazione – «il linguaggio si decomprime fino a diventare racconto cristallino del ricordo».

Nella sua semplicità lessicale l’opera porta dunque i segni delle diverse gradazioni di quella realtà “femminile “ di cui l’autrice ha esperienza e conoscenza, e non solo, Barbarah dimostra soprattutto capacità di interiorizzare e comprendere il valore dell’esistenza nelle sue cangianti sfaccettature.

Davanti alla tenda diventa lo specchio di un’esistenza intrisa di spiritualità, di una spiritualità non consolatoria e disincantata, ma fortemente agganciata al proprio vissuto, alla memoria dei luoghi dell’infanzia ed ai suoi indelebili ricordi.

Ricordi che, in modo significativo, l’autrice manifesta soprattutto in dimensione domestica con la rievocazione, ad esempio, in chiusura, della figura dell’“adorata nonna Irma”. ...Aveva quella radio accesa la mattina con il gazzettino padano / e il profumo di caffé, che anche se non lo bevevo passava sotto le porte / e mi raggiungeva ancora a letto richiamandomi / in cucina, dove mi aspettavano i bocconcini di pane con il burro / e la marmellata di fragole /così come i micini avevano il loro piattino con il latte caldo / E tutto andava piano / con il gusto della poesia / che ancora non conoscevo…

Una memoria epifanica dunque quella della Guglielmana che vede nell’essere donna la custode dei valori primari dell’esistenza umana (la famiglia e l’amore) e alla reificazione dell’umano ella oppone la purezza del ricordo e la semplicità di una vita radicata nel mistero antico della terra e di chi la abita.

 

Giuseppina Rando

 

 

Barbarah Gugliemana, Davanti alla tenda

LietoColle, 2014, € 13,00


Articoli correlati

  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Acqua del cielo
  Spot/ Serata di poesia con Barbarah Guglielmana e Giovanni De Simone
  Barbarah Guglielmana partecipa a “Paratissima”, Torino 2014
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Qualche volta ho pregato il Cielo...
  Marina Riva, Barbarah Guglielmana, Giuseppe Ravelli, Margherita Gadenz, Paola Sarcià...
  In libreria/ Maurizio Splendore. Su Tredici Cadenze
  Spot/ Barbarah Guglielmana nella raccolta di poesie "Davanti alla tenda" (LietoColle 2014)
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana con Ferdinando Franguelli
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Ammiccano danze sensuali...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Il naso si pronuncia...
  Natale Tf2014/ Barbarah Guglielmana. Sono entrata nel presepio
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Sono sottili ciglia quelle delle dita...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Vienimi vicino
  Spot/ Poeti in Valle: Alberto Figliolia e Barbarah Guglielmana si leggono
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. L'anima incarcerata
  “Ho sognato che camminavo in riva al mare”
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Non sono nella vostra terra in fiamme...
  Vetrina/ Barbarbarah Guglielmana. Mi ero nascosta in quella piuma...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Laghetto delle Ondine
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Era quasi l’autunno dei castani
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Mi sono strappata l’anima...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  In libreria/ Barbarah Guglielmana, “Rondini come formiche”
  In libreria/ La giusta collera
  “Ometti oliviani” di Barbarah Guglielmana
  Barbarah Guglielmana al Premio di Poesia “Frate Ilaro”
  Alberto Figliolia. Su Barbarah Guglielmana
  Spot/ Reading di Barbarah Guglielmana
  In libreria/ Patrizia Garofalo: Barbarah Guglielmana, Davanti alla tenda
  Spot/ A Stradella, “Davanti alla Tenda” di Barbarah Guglielmana
  Editoria per strada/ Barbarah Guglielmana. «E infine uscirò di casa...»
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Sotto l'ortensia bianca
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Grillo...
  Morbegno, Albo: Davanti alla tenda
  Iniziative/ Da Pavia, una lettera. Con dedica
  Interpunzioni/ Barbarah Guglielmana e il suo prezioso “Senza forme”
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Lo fotograferò per te, con i miei occhi, tutto questo...
  Davanti alla tenda, all'Ospitale di Prosto
  Giuseppe Marco d'Agostino legge “Rondini come formiche” di Barbarah Guglielmana
  In libreria/ Barbarah Guglielmana, Anna Venturini. Andavo per nuvole e onde
  Giuseppina Rando. Una nota su la plaquette di B. Guglielmana
  Speciale/ Bottega letteraria & Tellusfolio. 4
  Alice Ravera. Come una cozza la poesia della Guglielmana
  Vetrina/ Dammi del tuo amore... Barbarah Guglielmana con Patrizia Garofalo
  Vetrina/ 8 marzo: Barbarah Guglielmana. Ridammela
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Aspettavo il tuo freddo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Quanto è grande questo cielo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Capisco
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Lasciami stare...
  Spot/ AperiPoesia Pavia: sabato 23, con Montagna e Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Quando sono le piante a piovere...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Le mie ossa si sono allungate nello sforzo...
  Vetrina di Natale/ Paola Mara De Maestri, Barbarah Guglielmana e Giorgio Spreafico
  Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Cosa mi vuoi dire mare?
  Iniziative Associazioni/ Ogni giorno come se fosse il primo
  Iniziative/ Poesia e Musica in piazza a Chiavenna
  Spot/ Donne in poesia Variazioni pavesi
  In libreria/ Barbarah Guglielmana. Appena alzata mi sono messa a tagliare le stelle come voi tutte
  Eventi/ Presentazione del libro “Davanti alla tenda”, raccolta poetica di Barbarah Guglielmana
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy