Martedì , 26 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Patrizia Garofalo. "Il sole del pomeriggio" di Costantino Kavafis
05 Maggio 2014
 

Ho ripreso in mano la sua lettera

e l'ho letta finché la luce non è morta

 

 

L'immagine di copertina, nella rielaborazione del dipinto di Samuel Van Hoogstraten, di tonalità più scura rispetto all'originale è incorniciata dal buio, illuminata da una luce che dalla sinistra annerisce il titolo connotando la lenta discesa del sole verso la notte. Ed è così che Costantino Kavafis soffrirà il trascorrere del tempo “assediato” dalla paura della vecchiaia nella sua stanza-sacrario di voci, ricordi d'amore, pulsioni. Risuona come musica “che si perde lontano dalla notte” la voce dell'irrimediabile passato anche nel sogno e concede di consolare anche se per poco la deriva del vivere, riemergono vivi ricordi, parole e sensazioni forti tanto che “per poco il cor non si spaura” e Kavafis scrive: «ma l'intensità del suo pensiero e del ricordo/ stordisce il vecchio. E si assopisce/ curvo al tavolino del caffè». Il tempo breve della giovinezza appesantisce la memoria e consuma le candele, le incide in un gocciolatoio dell'anima. «E non mi volto, per non vedere, scosso dai tremiti/ come si allunga la fila tenebrosa,/ come crescono presto le candele spente». I suoi amori, la sua omosessualità vissuti pienamente fuori dalle convenzioni e dall'ipocrisia, riportano il calore della pelle, il contatto pieno dei corpi, la totalità dell'incontro, dell'amore e della passione, lo struggimento, la memoria e caratterizzano nella nostalgia il verso del poeta, «le mani strette, intanto e le labbra unite/... E continuavano a discutere di merce,/ ma solo per sfiorarsi con le mani/ sopra i fazzoletti o per toccarsi/ coi visi e con le labbra, come fosse il caso,/ nel fulmineo contatto dei due corpi». Nostalgia che il poeta declina in prima e in terza persona come a voler prendere fiato e assopire in altri il suo sentire. E allora incontriamo il vecchio al tavolo del bar, il bottegaio che nasconde ai clienti le cose più belle da lui create e le chiude in cassaforte, gli sguardi d'amore in coppie appassionate fino allo straripare di un altro argine ed è amore, sentito, vissuto, rivissuto ed eternato proprio nella fisicità dei versi, nei cinque sensi che li/ci attraversano e lasciano senza respiro.

E di un altro senso-sentimento vorrei dire, quello della grecità, che il poeta offre nell'equilibrata musicalità del verso; l'uso ripetuto dell'enjambement respira delicato nel verso lungo che prosegue nel rigo successivo come ad abbracciare nostalgia e ricordo e corpo in assoluta libertà pagana.

«È lì, sul miserabile giaciglio, che/ ho avuto il corpo, e la sua bocca,/ la rossa sua bocca voluttuosa/ di tanta ebbrezza che ancora, mentre/ scrivo (così tanto dopo!) mi sento/ nella casa solitaria inebriare».

Ad Endemione fu concesso di dormire per sempre rimanendo giovane e bello, baciato ogni notte da Selene. A Costantino Kavafis resterà un miglior destino un “per sempre”: quello dell'amore per la parola che una volta scritta non potrà mai andare persa.

Sforzati di custodirle, da poeta,

anche se è sempre poco quanto si può salvare.

Le tue visioni del fuoco dell'amore.

Ficcale, seminascoste nei tuoi versi.

Sforzati di trattenerle, da poeta,

quando si destano nella tua mente

la notte o nell'abbaglio del pomeriggio.

 

Patrizia Garofalo

 

 

Costantino Kavafis, Il sole del pomeriggio

Traduzione di Tino Sangiglio e Paolo Ruffilli

Introduzione di Paolo Ruffilli

Biblioteca dei Leoni, 2014, pp. 80, € 12,00


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy