Mercoledì , 01 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò africano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Karim Metref. È nato un nuovo stato africano? 
Insurrezione dei Tuareg nel Nord del Mali – 2. Interessi regionali e internazionali. Scenari possibili
02 Agosto 2012
 

L'azione del Mnla ha portato alla presa di tutta la parte del paese che si trova a Nord del fiume Niger. In seguito il Movimento di Liberazione proclamò l'indipendenza. Proclamazione non ancora riconosciuta da nessuno stato sovrano. Pochi giorni dopo quella proclamazione, Alcuni gruppi armati che dichiarano di appartenere direttamente o di essere vicini ad Al Qaeda aumentano l'intensità delle loro azioni e conquistano anche loro una parte del territorio.

Anche se i media internazionali hanno spesso fatto l'amalgama, bisogna fare la parte delle cose però. Un conto è Al Qaeda nel Maghreb Islamico (AQMI) un conto sono i ribelli del MNLA.

Il Movimento Nazionale di Liberazione dell'Azawad è un movimento di liberazione che viene da una lunga storia di lotta per l'indipendenza del popolo tuareg. Questo popolo che è stato macellato dalla divisione coloniale dell'Africa in cinque porzioni spartite tra Algeria, Libia, Niger, Mali e Burkina Faso. I Tuareg hanno sempre avuto una religiosità molto particolare, mai rigida. Le donne Tuareg godono di potere e di libertà come o forse più dei maschi. Probabilmente la società fino al recente incontro con le religioni monoteiste è stata di stampo matriarcale. Il movimento di liberazione Tuareg anche se spesso accusato dai francesi di estremismo religioso, accusa che rivolgevano del resto a tutti i ribelli in Nord Africa, è sempre stata di stampo laico.

Al Qaeda nel Magreb Islamico invece è un elemento estraneo alla terra dei Tuareg e a tutta la zona dello Sahel dove si muove, traffica, combatte e complotta da ormai una decina di anni. L'AQMI è una eredità della guerra civile algerina. I suoi leader storici, Hassan Hettab e Amari Saïfi (Abdel Razak El Para) sono “ex” ufficiali dei reparti di élite dell'esercito algerino. Entrambi arrestati poi liberati (messi sotto controllo giudiziario-dice la giustizia algerina) senza nessuna forma seria di processo. Così sarebbe anche l'attuale leader dell'Aqmi Abdelmalek Droukdal, secondo molte fonti.

L'AQMI non sarebbe altro, secondo la ricercatrice Hélène Claudot-Hawad del CNRS, che una invenzione in join-venture algero-statunitense per creare disordini nella zona dello Sahel e giustificarne la militarizzazione.

Secondo elemento importante la prossimità del Sud del Niger, le cui lotte sono storicamente legate a quelle del Sud Mali. E chi dice Sud Niger dice uranio e chi dice uranio in Africa dice Areva, il colosso francese del nucleare. E per gli interessi delle sue multinazionali, Parigi ha fomentato più di un golpe e più di un massacro “interetnico”. Uno di più uno di meno non cambierebbe molto nel suo bilancio.

Perché se sopra il Sahel sembra tutta sabbia, dentro le sue viscere cela tesori enormi ancora tutti da sfruttare.

 

È in questa situazione caotica che accade la separazione del Nord del Mali dalla parte Sud. La proclamazione del nuovo stato dell'Azawad libero non è stata riconosciuta da nessuno. Perché nessuno sa che posizione conviene prendere. Lo stato maliano è in uno stato avanzato di putrefazione. La classe politica è discreditata. I gruppi di militari più corrotti gli uni degli altri si sparano a vista in pieno centro di Bamako, la capitale. I soldati hanno buttato le armi e sono scapati dal nord. In molte città i ribelli sono entrati senza combattimento.

L'altra formazione è quella di Ansar Eddine (i partigiani della religione) del mercenario di origine tuareg Iyad Ag Ghali. Un uomo dal passato buio che ha preso parte alla ribellione del 1990 ed era uno dei leader più in vista nella firma degli accordi di Tamanraset. Ma in seguito perse sempre di più contatto con la sua gente e si avvicinò di più dai cerchi del potere maliano e poi dopo aver esercitato la funzione di ambasciatore in Arabia Saudita cominciò la sua deriva integralista con relazioni e finanziamenti da non molto ben identificate reti internazionali.

La presenza di questi gruppi integralisti che stanno scatenando l'esasperazione della popolazione locale, con l'adozione di regole assurde che vietano tutto e le conversioni forzate dei cristiani e la distruzione di mausolei e luoghi di culto non conformi alla loro nozione di religiosità... Questa presenza pesante sta minando fortemente l'immagine del MNLA soprattutto che la stampa internazionale non fa niente per spiegare bene le forze in campo. Un amalgama che potrebbe, se sarà necessario giustificare un intervento militare internazionale per salvare l'Azawad dal solito Al Qaeda, nemico in certi casi e alleato in altri.

 

Ma perché l'autonomia dell'Azawad crea così tanto imbarazzo?

Una delle ragioni è dovuta alla situazione dell'Africa. Il continente nero è stato diviso amministrativamente dalle potenze coloniali. Vedendo la divisione con il senno di oggi, si capisce che chi l'ha fatta l'ha proprio pensata come un regalo avvelenato. Le linee rette tracciate con il righello dai geometri degli eserciti francese, inglese, spagnolo, belga e portoghese, e in seguito ufficializzate durante il Congresso di Berlino del 1884-1885, tagliano popolazioni intere e le spartiscono a piccoli gruppi in nazioni che spesso non hanno nessuna base storica.

All'indipendenza dei paesi africani all'inizio degli anni '60, ci si rese conto di essere in un vero e proprio rompi capo, che se rimesso in causa avrebbe creato disordine e guerre senza fine. Per ciò gli stati africani membri dell'Organizzazione dell'Unità Africana, nel 1964, firmarono un trattato che sancisce l'intangibilità delle frontiere ereditate dal colonialismo.

Questo principio rispettato a lungo, nonostante si sia svelato spesso una specie di gabbia nella quale era difficile trovare soluzioni a certi conflitti detti etnici, è stato a pena superato con la divisione dell'ex più grande nazione africana il Sudan in due nazioni indipendenti Nord-Sudan e Sud-Sudan.

La liberazione dell'Azawad, regione a maggioranza Tuareg e Peul potrebbe portare i Tuareg sparsi sui 4 altri paesi (Niger, Libia, Algeria e Burkina Faso) a voler farne altrettanto.

E inoltre il riconoscimento di una spartizione ottenuta da un movimento di liberazione potrebbe dare fuoco a tutti i movimenti di liberazione presenti sul continente. Per questo la posizione dell'Unione Africana è senza ombra di dubbio a favore di un intervento militare internazionale per ristabilire “la sovranità nazionale”.

L'MNLA ha provato la via della negoziazione con gli integralisti, “per evitare un conflitto fratricida”, dando l'occasione alle agenzie internazionali di parlare di fusione. Così facendo ha dato prova di grande ingenuità politica. Perché bisogna essere ingenui per pensare di poter negoziare qualcosa di durevole con un movimento indefinibile e incomprensibile come Al Qaeda. La seconda mossa se si conferma è stata un attimo più intelligente. Si è parlato di un incontro informale in cui elementi dell'esercito Maliano, organizzazione della società civile e il Mnla si sarebbero incontrati per risolvere la situazione della presenza degli elementi integralisti sul territorio. Incontro ispirato probabilmente alle manifestazioni sempre più numerose di insofferenza della popolazione nei confronti dei Jihadisti.

 

La manifestazione di donne a Kidal

 

 

Il futuro della zona dipenderà un po' dalla gestione di questa crisi e molto dalla comunità internazionale. Questa crisi potrebbe portare ad un miglioramento della situazione dei Tuareg e dei popoli del Nord del Sahel, come potrebbe portare ad un ennesima guerra di sterminio.

Per questo è importante restare attenti e seguire quello che succede in Mali, anche quando i riflettori dei media ci invitano a guardare tutti altrove. Non bisogna lasciare i popoli della regione soli in mano ai terroristi, alle spie, ai mercenari e alle multinazionali.

 

Karim Metref

(da DIVAGAZIONI ?, 11 giugno 2012)

 

2 – fine

Nella prima puntata: Da dove arriva questa ribellione? / Ma da dove esce questa armata che ha messo a sacco le caserme dell'esercito regolare maliano?


Articoli correlati

  Karim Metref. È nato un nuovo stato africano?
  Mauro Raimondi. Siamo tutti milanesi
  Una giornata particolare, dalla sabbia alla capitale
  Moonisa. Il nessun dorma nigeriano
  Moonisa. ‘Legge’ contaminata da tirannia e violenza, in Nigeria
  “Sacra violenza: terrorismo, guerra, religione, dialogo e libertà”
  Il mio viaggio dalla Nigeria fino all’Italia
  Moonisa: E…, in Nigeria, è caccia alle streghe
  Asmae Dachan. Ucciso il nigeriano Emmanuel Chidi Nnamdi, testimone di misericordia
  Nicoletta Varani. Elezioni in Nigeria. Considerazioni Geopolitiche
  Francesco Cecchini. Ricordare Ken Saro-Wiwa
  Linda Pasta, Leonardo Antonio Mesa Suero. Tutti pazzi per Favour!
  Moonisa: La Nigeria, di nuovo, si copre di morti
  Lydia Polgreen. In Nigeria si cambia
  Enrico Bernardini. “Una finestra sul mondo: Niger. Presentazione del docufilm Lokkol 2”
  Pasquale Annicchino / Nadia Marzouki. “Ora abbiamo deciso di prendere in mano il nostro futuro”
  Gordiano Lupi. La censura nei media cubani
  Yoani Sánchez. Il nostro uomo a Tripoli
  Valter Vecellio. Che male ha fatto questo paese per avere simili (s)governanti?
  Commercio internazionale d'armi: dal nuovo Governo ci aspettiamo un aumento di trasparenza
  Frattini riferisca al parlamento gli ordini “terribili” di Gheddafi
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Furio Colombo. Libia. Il Trattato c'è ancora
  Yoani Sánchez: “Cuba non conceda asilo politico a Gheddafi!”
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Emma Bonino, Matteo Mecacci. Basta con gli allarmismi ingiustificati. Sospendere subito il trattato con la Libia
  La scuola araba libica a Roma e a Milano
  Libia. Manifestazione Radicale davanti a Montecitorio
  Il Blogghino. Nel diluvio di parole...
  Bonino, Pannella, Valpiana. La nonviolenza di fronte all'uccisione di Gheddafi
  Vittorio Bellavite. Sulla Libia la coscienza cristiana rifletta e reagisca
  Gigi Fioravanti. Libia: la parola alle armi
  Rosa Manauzzi. “In caso di pericolo chiamare mammà”
  Karim Metref. Marocco... E pur si muove
  Tunisi. Bonino, Pannella e Perduca incontrano Ministro Kefi
  Milano. Con Emma Bonino da Domenica
  Movimento Nonviolento. Digiuno: un'azione nonviolenta per Libia e Giappone, militare e nucleare
  Maria G. Di Rienzo. Voci nel vento
  Alex Zanotelli. “Rompere questo maledetto silenzio sull’Africa”
  Enrico Peyretti. Dove sono i pacifisti?
  Caterina Del Torto. In digiuno contro la guerra e il nucleare
  Luigi Fioravanti. Degl'italici atavici costumi
  “Dora” Valle d'Aosta / The Women's War. Storie di donne in guerra e pace
  Giannino. La fuga di Gheddafi
  Marco del Ciello. La caduta di Tripoli, il futuro della Libia
  Emma Bonino, Saad Ibrahim. Il nuovo Egitto non deve nascere sulla vendetta
  Omar Santana. Tsunami Nord Africa
  Mai complici del raìs! Mai complici dei regimi!
  Marco Perduca. Il mandato di cattura di Gheddafi pone limiti a trattativa africana
  Piero Cappelli. Gheddafi, la fine nefanda di una dittatura
  Daniela Biella. Sette Ong italiane pronte a partire in Libia per sostenere i migranti reclusi nei campi
  Suliman Busedra. La Comunità libica in Italia
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Dall'Egitto allo Yemen passando per l'Italia. L'8 marzo visto da Emma Bonino
  Valter Vecellio. Appunti. Libia, ma anche nucleare, rischio terremoti, antrace, mafia nel Nord, sondaggi...
  Manifestazione di solidarietà ai profughi del Corno D’Africa intrappolati in Libia
  Davide Delaiti. L’(in)attesa sconfitta Islamica in Libia
  Libia: fermate la repressione
  Vetrina/ Roberto Malini. Il patto di Malta
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  Giuliano Pontara. Il dolore segue l'errore
  Omar Santana. Chi difende Gheddafi?
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Karim Metref. Elezioni in Algeria.“Sketch sciorba” prima di Ramadhan
  Carlotta Caldonazzo. Algeria: un paese e una società a rischio di implosione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy