Giovedì , 28 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
RSA. Tar Toscana condanna Asl e Comune di Pistoia a pagamento retta ricovero in struttura scelta da paziente
12 Maggio 2011
 

Lo scorso 14 aprile il Tar Toscana ha emesso una importante pronuncia (n. 694/2011) in favore dei pazienti ricoverati nelle Rsa, che si aggiunge al trend giudiziale positivo degli ultimi mesi dovuto anche alla recente sentenza del Consiglio di Stato.

Il caso è quello di una signora residente in provincia di Pistoia, affetta dal morbo di Alzheimer in stadio avanzato e riconosciuta invalida civile al 100% dal novembre 2007. La famiglia, obbligata ad un ricovero in struttura privata convenzionata (senza copertura di Asl o Comune, rispettivamente per quota sanitaria e quota sociale), si è vista negare il riconoscimento degli emolumenti dovuti per legge alle istituzioni, perché, non essendo questa Rsa gestita direttamente dall'Asl competente per territorio di residenza, seppur in Toscana e convenzionata con altra Asl della Regione, non si provvedeva all'esborso, possibile, invece, se la paziente si fosse trasferita in zona Asl di Pistoia. A nulla sono valse le ragioni di famiglia e Difensore Civico: il grave stato di salute della ricoverata non consentiva un trasferimento in sicurezza, tra l'altro ben avrebbe potuto e dovuto l'Asl pistoiese competente pagare la quota sanitaria e contabilmente sistemare la vicenda con le altre amministrazioni coinvolte.

È stato allora necessario un ricorso al Tar Toscana, patrocinato dall'avv. Franco Trebeschi, affinché l'autorità giudiziaria ristabilisse l'ordine e rimborsasse quanto anticipato dalla paziente e dai suoi familiari. La sentenza è lunga e ricca di riferimenti normativi che esulano anche dal tema propriamente dedotto in causa. Si afferma, infatti, che:

1 - La giurisdizione del giudice amministrativo è di natura “esclusiva” ossia, in materia di riparto dei costi di ricovero in Rsa, il Tar è competente non solo per gli interessi legittimi (nella specie per gli emolumenti sociali quali la quota sociale) ma anche per i diritti soggettivi (generalmente attribuiti al giudice ordinario) quali il diritto alla salute (ossia il diritto alla quota sanitaria). Ciò in virtù di una norma, quella contenuta all'art. 33, comma 2, lett. h), del d.lgs. n. 80/1998, come corretto e integrato dalla sentenza della Corte Costituzionale del 6 luglio 2004, n. 204. Articolo, che, tuttavia, segnaliamo non esser più in vigore dal settembre dello scorso anno;

2 - La Regione Toscana, con le sua legge sul Fondo per la non autosufficienza (legge regionale 66 del 2008), e delibere varie che la attuano, crea una commistione e indebita confusione fra “quota sanitaria” e “quota sociale” che non è tollerabile. In altre parole, di fronte alla richiesta di presa in carico di un paziente bisognoso di cure e di assistenza socio-sanitaria, occorre tenere ben distinti i due emolumenti: la quota sanitaria, dovuta dal SSN tramite le Regioni, è attinente alla cura della malattia e deve far riferimento a parametri esclusivamente sanitari; la quota sociale può considerare altri fattori, quali il reddito e la situazione di bisogno socio ambientale. Il Tar Toscana ha dunque redarguito l'amministrazione che intende far passare per “quota sanitaria” il contributo regionale del Fondo di non autosufficienza (fondo creato per l'assistenza sociale), subordinandolo alla presenza delle medesime condizioni socio ambientali (in primis l'esistenza di figli!);

3 - Il cittadino ha diritto di scegliere il luogo ove curarsi, senza che possa rilevare in suo sfavore la diversa sede dell'amministrazione Asl competente per territorio. Spetta, semmai, alle amministrazioni coinvolte, effettuare i vari conguagli e le varie misure a compensazione dei reciproci crediti e debiti.

Una pronuncia ampia, dove si annullano i provvedimenti dell'amministrazione e si impongono grandi somme da restituire alla paziente anche a titolo di spese legali, che ci fa ben sperare su un cambio di rotta del Tar Toscana, che sino ad oggi ha mostrato notevoli oscillazioni e non sempre, purtroppo, in favore degli utenti.

 

Qui il nostro canale web sulle Rsa

 

Claudia Moretti, legale Aduc


Articoli correlati

  RSA. Il Governo si impegna per il rispetto della legge? Ordine del giorno
  Livorno. RSA: Comune istituisce commissione su violazione diritto cure
  RSA. Il Governo avalla l'illegalità dei comuni e non indica i tempi per la sistemazione normativa
  Rette Residenze sanitarie assistenziali. Dietrofront del TAR Toscana
  Residenze Sanitarie Assistenziali. Negati ricoveri a Livorno
  Case di riposo. Sentenza Tar Toscana: il Comune di Firenze sbaglia i conti e deve risarcire fino a 28 milioni di euro
  RSA. Passo importante del Senato, apertura indagine conoscitiva
  “CLICK … la foresta si risveglia”
  Rette residenze sanitarie assistenziali. Consiglio di Stato dà ragione all'Aduc
  L'Asl di Pisa intende estorcere il non-dovuto. Esposto in Procura
  Emmanuela Bertucci. RSA in Toscana: “Dal 2012 si paga anche la quota sanitaria?”
  Residenze sanitarie assistenziali, maltrattamenti e strutture lager
  RSA. Bene sentenza Tar Toscana
  Residenze sanitarie assistite e illegalità dei comuni. In Rai la battaglia dell'Aduc
  Emmanuela Bertucci. ISEE 2015 e RSA: Quando a fare il 'furbetto' è il Governo
  Residenze Sanitarie Assistenziali. Confermata la fattibilità dei rimborsi!!
  Annagloria Del Piano. Attvità sociale: nasce a Poggiridenti ALLEGRAmente
  RSA. Nuova ordinanza del Tar Toscana contro il Comune di Firenze
  RSA. La Toscana approva una legge per avvalorare le norme illegali del Comune di Firenze?
  Rsa (residenze sanitarie assistenziali): cosa fanno i Comuni per non pagare! Interrogazione
  Claudia Moretti. Rsa. Dopo i contentini dell'Asl fiorentina, siamo o non siamo in grado di assistere e curare gli anziani?
  RSA (Residenze sanitarie assistenziali): cosa fanno i comuni per non pagare!
  Donatella Poretti. Rsa: una realtà da passare ai raggi x
  Rette Residenze Sanitarie Assistenziali. Due nuove sentenze pro-degenti
  Rette Rsa. Il Tribunale di Firenze: illegittima la pretesa di pagamento a carico dei parenti
  RSA. Tar Veneto dà ragione agli assistiti contro i Comuni
  RSA. Il Governo latita sulla incostituzionalità della legge toscana
  Rette RSA. Nuova vittoria al Tar Toscana
  Residenze Sanitarie Assistenziali. La Regione Toscana viola Costituzione e legge. Interrogazione
  Rette RSA. Tar Toscana dà ragione all'Aduc
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy