Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò africano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Cipsi. L'Africa in cammino merita un Nobel
17 Gennaio 2011
 

Il Noppaw, Nobel Peace Prize for African Women, è una campagna di sensibilizzazione e informazione nata da un’idea di Solidarietà e Cooperazione Cipsi (coordinamento di oltre 40 associazioni di solidarietà e cooperazione internazionale) e di ChiAma l’Africa a dicembre 2008, durante un seminario in Senegal.

La Campagna propone di assegnare il Premio Nobel per la Pace 2011 alle donne africane, dunque non un Nobel a una singola persona o a un’associazione, ma un premio collettivo da attribuire alle donne africane nel loro insieme. Una proposta atipica, che vuole far conoscere il loro protagonismo in tutti gli ambiti della società e privilegiare nei rapporti di cooperazione proprio le donne e le loro organizzazioni.

 

Perché ogni giorno migliaia di donne africane percorrono le strade del continente alla ricerca della pace e di una vita dignitosa, nonostante le tante difficoltà di una terra in cui è spesso difficile vivere. Molte di loro percorrono fino a 10-20 chilometri per portare l’acqua alla famiglia. Poi vanno, sempre a piedi, al mercato, dove per tutta la giornata vendono quel po’ che hanno, per portare a casa il necessario per nutrire i propri figli. Riproducendo così ogni giorno il miracolo della sopravvivenza.

Portano spesso sulle loro spalle i figli che ancora non camminano. Si prendono cura di loro, a volte anche se non sono loro figli. Perché nell'Africa delle guerre e delle malattie, le donne sanno accogliere, nella propria famiglia, i piccoli rimasti orfani.

Sono tante le donne che lavorano nei campi, in una terra che quasi mai appartiene a loro solo perché donne. E tante sono le piccole imprese organizzate, attraverso il microcredito, in tutti i settori dell'economia: dall'agricoltura, al commercio, alla piccola industria. Sono poi migliaia le organizzazioni di donne impegnate nella politica, nelle problematiche sociali, nella salute, nella costruzione della pace. E sono sempre queste donne che lottano contro le mutilazioni genitali, curano i più piccoli e gli indifesi, si alzano in piedi per difendere i diritti calpestati.

Le donne sono la spina dorsale che sorregge l’Africa. In tutti i settori della vita: dalla cura della casa e dell'infanzia, all'economia, alla politica, all'arte, alla cultura, all'impegno ambientale. Per questo meritano un riconoscimento simbolico, perché in Africa non è pensabile alcun futuro senza la loro partecipazione attiva e responsabile. Senza l’oggi delle donne non ci sarebbe nessun domani per l'Africa.

 

Per raggiungere questo obiettivo sono necessarie almeno due milioni di firme a sostegno dell’appello da inviare al Comitato che attribuisce il Nobel. È possibile firmare sul sito www.noppaw.org oppure organizzare eventi e banchetti di presentazione della Campagna e raccolta firme nella propria città.

Tante sono le iniziative, i banchetti, le feste promosse in diversi paesi per diffondere questa proposta. Dal 27 al 30 ottobre scorsi si è tenuto a Dakar (Senegal) il Seminario di studio e confronto “Portano sulle spalle i pesi e le speranze dell’Africa”. Durante le giornate sono state messe a fuoco le prossime tappe di questa iniziativa: la presenza al Forum Sociale Mondiale (Dakar, febbraio 2011); l’organizzazione di una carovana che partirà dal Sud Africa per arrivare a Stoccolma, toccando tutti i paesi d’Africa e d’Europa; una carovana di donne che toccherà tutte le regioni del Senegal. È inoltre già previsto un evento internazionale a marzo 2011 a Bruxelles, in occasione della Festa della donna, in cui verranno coinvolti istituzioni internazionali, parlamentari, associazioni. A febbraio 2011 verrà presentato alla Commissione Nobel il dossier di candidatura, che raccoglierà storie di donne relative ai tanti ambiti in cui sono protagoniste attive, economia, ambiente, cultura, formazione e istruzione, il loro ruolo nei processi di trasformazione sociale e nella costruzione della pace.

L’Africa cammina con i piedi delle donne. Donne che portano con coraggio e dignità sulle loro spalle i pesi, i sogni, le lotte e le speranze di un intero continente.

 

Per informazioni:

tel. 06 5414894, mail: info@noppaw.org, web: www.noppaw.org

 

Francesca Tacchia

p. Solidarietà e Cooperazione CIPSI

 

 

La Campagna “Noppaw” da oggi ha uno spot, gentilmente realizzato e offerto da Ethnos, società di produzione televisiva specializzata nella realizzazione di documentari:

 


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy