Sabato , 26 Maggio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Archeologia editoriale
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Archeologia editoriale. Beppe Costa: Romanzo siciliano (Pellicanolibri, 1984) 1 
Risvolto, biografia (dell'epoca) e prefazione
05 Dicembre 2009
 

ROMANZO SICILIANO

(qualunquista per compagno e per fascista)

 

BEPPE COSTA


1984, Pellicanolibri Edizioni - Catania

 

Inediti rari e diversi

scelti da Dario Bellezza

6

 

 

Risvolto

 

Uno sparo. Il tempo rallenta. Il protagonista aspetta col cuore in gola 'che effetto fa' il suicidio. E in un tempo dilatato, deformato dall'attesa (eppure breve), ripercorre se stesso, si rivive ancora un po'. Riaffiorano i ricordi, ora incalzanti, rabbiosi, quasi cronachistici, ora più pacati, meditati, amari.

A questi fanno volutamente riferimento due registri stilistici diversi e abilmente dosati. Il primo, irruente, prende a prestito il linguaggio parlato nelle sue sfumature gergali (come l'ormai vituperato 'sinistrese'), l'altro essenzialmente lirico.

Immutate risorgono le angosce e le delusioni di chi, come Marco, ha sempre vissuto 'fuori', incapace di capire come e perché le cose vadano in modo che per lui è il meno logico possibile.

Amore e odio, come vita e morte, come ancora reale e surreale si alzano in un solo grido che investe ad un tempo una terra agonizzante, la Sicilia (ma anche il sicilianismo), e ancor più l'umanità nel senso più ampio che, abituandosi a tutto, non ricorda quasi mai come "siamo sempre così bravi a imparare tutto tranne che a vivere".

A quest'umanità di cui non riesce più a cogliere schieramenti e posizioni, allorché è sempre più difficile distinguere una destra da una sinistra, un partito da un altro, l'autore decide di dedicare queste pagine dall'emblematico sottotitolo: Romanzo qualunquista per compagno e per fascista. Ma il dichiarato qualunquismo di Marco (che tale non è), se non ci si lascia sviare dalla sottile vena ironica che serpeggia ad ogni rigo, esprime con forza un amore urlato, vissuto in pieno, più volte rattoppato e poi definitivamente lacerato dai fatti.

Ancora una volta, come già nelle poesie e nelle opere di teatro, l'ironia, che 'naturalmente' sconfina nel surrealismo, appare la componente fondamentale della scrittura di Beppe Costa. Ma qui ormai, più che lasciarsi andare ad una risata beffarda, si ripiega su se stessa soffocata da un'amarezza incontenibile.

Ed è così che quest'arma feroce costantemente si frammette fra l'autore e il suo protagonista (o il suo alter ego, si è tentati di dire), arriva a ferire anche le cose più amate e nuovamente le fa soffrire sino alla fine quando il protagonista, ormai svuotato, giunge al suo stadio iniziale: "Marco - ovulo".

 

Anna Maria Galvagna


*


In copertina:

acquerello di Domenico Pertica

 

*


Beppe Costa (Catania '41) da oltre vent'anni promuove iniziative culturali in Sicilia, impegnandosi specialmente nel campo dell'editoria e del teatro. Ha pubblicato due raccolte di poesie, Una poltrona comoda (1970) e Un po' d'amore (1974) ed un testo teatrale Metamorfosi di un concetto astratto in due tempi con accompagnamento di ottavino (1982). Collabora alla RAI e al Giornale di Sicilia.



 

PREFAZIONE DI ANTONELLA AMENDOLA

 

Esiste da sempre una ‘questione meridionale’, mol­ti sono gli scrittori affascinati dal mito del sud, sia il sud fonte di bellezze estetiche, o piuttosto quotidiana­mente, di intricati sviluppi morali e politici.

Questa è la letteratura del sud.

Così la apprendiamo dai testi dei maestri, siano essi ‘Tomasi Di Lampedusa o Sciascia, siano essi i sociologi, quelli che impropriamente chiamiamo ma­fiologi, Michele Pantaleone ha nutrito un’intera scuola di cittadini finalmente onesti.

Ma, in questo libro di Beppe Costa, il sud, il mez­zogiorno, la mafia, tutti i problemi sociali inerenti a una società civile in dinamico e affrettato sviluppo, subiscono, quasi per la forza dinamica e dirompente della parola, un’inaspettata e pirotecnica soluzione...

Non c'è, ovviamente, un modo di porre punti definitivi al complesso groviglio di situazioni, emozioni, idee che ci stimolano.

Così, il protagonista del libro denuncia, anche in una impietosa analisi, quello che vuol dire oggi essere un intellettuale meridionale.

Non la trita immagine dell'intellettuale organicistica di tipo gramsciano, non ammiccamenti, nessuna concessione nel movimento delle idee, rapido e in qualche modo forsennatamente ciclonico. Il protagonista di questo libro è la nostra 'buona' coscienza, la coscienza dilaniata tra gli eccessi, le ridondanze, gli scarti improvvisi, somma in una dialettica tra parole ed essere.

Addirittura, il protagonista di questo libro può essere inteso quale un amletico principe: “C'è del marcio nel regno di Danimarca” dice l'eroe del trono nordico.

Ancora oggi, a tutt'oggi il protagonista, specchio biografico di Beppe Costa, lamenta lo sfascio, la putredine, l'inumana trama di rapporti interpersonali, che fanno da sfondo a vicende quotidiane, incredibilmente romanzesche.

Non è romanzo il grido di dolore che si muove da queste pagine, non è romanzo la triste e complessa vicissitudine di un editore di avanguardia al sud.

È soltanto la verità.


Antonella Amendola



1 - segue


Articoli correlati

  Festival Teranova. I premiati 2009 >>> Fabio Barcellandi
  Archeologia editoriale. Angelo Maria Ripellino: Scontraffatte chimere (Pellicanolibri, 1987) 1
  Spot/ Teranova Tour Poetry 09. Festival internazionale franco-italiano
  Beppe Costa per gli amici poeti: Chiara Daino, Mariaelisa Giocondo, Fabio Barcellandi
  Premi e concorsi/ Ottobre in Poesia 2009
  Beppe Costa: Dario Bellezza ucciso ancora in un'asta
  Fernando Arrabal, La scampagnata. Recensione di Beppe Costa
  Quando Beppe Costa si scambia con amici poeti: Chiara Daino, Mariaelisa Giocondo, Fabio Barcellandi
  Beppe Costa: Mariaelisa Giocondo riporta la Speranza: Ricordo Dario Bellezza, Sandro Penna, Amelia Rosselli.
  Beppe Costa: Io e il mondo di Giovanni Pascoli. Ricordi 1
  Beppe Costa: Su Goliarda Sapienza e altre verità editoriali e culturali
  Archeologia editoriale. Beppe Costa: Romanzo siciliano (Pellicanolibri, 1984) 5
  Archeologia editoriale. Beppe Costa: Romanzo siciliano (Pellicanolibri, 1984) 3
  Archeologia editoriale. Beppe Costa: Romanzo siciliano (Pellicanolibri, 1984) 6
  Archeologia editoriale. Beppe Costa: Romanzo siciliano (Pellicanolibri, 1984) 7
  Archeologia editoriale. Beppe Costa: Romanzo siciliano (Pellicanolibri, 1984) 2
  Archeologia editoriale. Beppe Costa: Romanzo siciliano (Pellicanolibri, 1984) 4
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.4%
NO
 26.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy