Giovedì , 04 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò svizzero
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
La Svizzera contro l’export di armi
31 Ottobre 2009
 

Con un referendum popolare legislativo, gli svizzeri decideranno il 29 novembre se proibire l’esportazione di armi, compresi i “beni militari speciali”. Il divieto non riguarda i beni utilizzabili sia militarmente sia civilmente (dual use). Se l’iniziativa sarà approvata il divieto sarà immediato.

Le industrie delle armi stanno investendo centinaia di migliaia di franchi in una campagna contro il referendum.

La Commissione Giustizia e Pace della Conferenza dei vescovi svizzeri raccomanda di accettare l’iniziativa. Il documento osserva che questo divieto non mette in causa il diritto della Svizzera ad assicurare la propria legittima difesa; che non è accettabile il mantenimento di una industria degli armamenti al solo scopo di mantenere dei posti di lavoro; che con questo divieto la Svizzera guadagnerebbe in coerenza tra la sua politica estera di cooperazione e neutralità e la sua politica economica, e accrescerebbe la credibilità per il suo impegno umanitario e diplomatico.

Le esportazioni svizzere di armi rappresentano lo 0,1% del prodotto interno lordo. Sul totale dei posti di lavoro la percentuale di addetti al settore armi va, nei diversi cantoni, dallo 0,0% al massimo del 2%-5%.

La riconversione è possibile: la Ruag, la maggiore industria di armi, statale, ha aumentato la parte di prodotti civili, dal 1999 al 2007, dal 7% al 51%.

Le industrie svizzere di armi forniscono ai paesi in via di sviluppo sia cooperazione allo sviluppo (per quasi 180 milioni di franchi) sia materiale di guerra (per 115 milioni di franchi)! Per acquistare armi, quei paesi si indebitano e riducono le spese per salute, educazione, previdenza sociale. Il Pakistan spende il 3,5% del suo pil per materiale di guerra e solo lo 0,4% per il sistema sanitario. Inoltre la facilità di accesso alle armi favorisce la criminalità e i regimi autoritari. Le armi servono spesso a gruppi privilegiati per controllare le risorse naturali.

Malgrado gli impegni presi, la Svizzera vende armi a paesi che violano sistematicamente i diritti umani. C’è un divario considerevole tra le dichiarazioni politiche svizzere di sostegno alla lotta contro la povertà e la realtà delle esportazioni di armi.

Un bel volantino esplicativo è illustrato da un carro armato fatto di… groviera, un’arma pacifica che la Svizzera può esportare senza alcun danno. (www.materialebellico.ch)


(Sintesi da Obiezione!, n. 74, settembre 2009, obiezione@serviziocivile.ch
a cura di
Enrico Peyretti)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy