Sabato , 06 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Giuseppina Rando. “Custode di dune” di Lucia Boni
29 Dicembre 2018
 

Custode di dune è il secondo libro di Lucia Boni che ho il piacere di leggere, dopo Lembi e le sette chiese. Entrambi i testi hanno una singolare, accattivante, spontanea eleganza.

Custode di dune si presenta come una raccolta di pensieri che nella stesura prendono forma di dialogo. Un dialogo per due voci in tre scene e quattro movimenti… che si intrecciano ai molteplici, inesauribili fili del reale e del fantastico.

In ogni pagina si coglie un sottile e fuggevole alone di mistero e non tanto relativo al dialogo o non-racconto quanto all’indecifrabilità del destino che circonda uomini e cose presenti sulla scena.

Personaggi umani e non (il vento, le onde, le dune, i massi, le luce e l’ombra) rendono viva “una scrittura che cerca di sé mentre si svolge”, scrive Angelo Andreotti nella prefazione, dal titolo emblematico, “La trama nascosta”. Una scrittura di cui sfugge l’essenza della propria origine, ma non della necessità a voler essere “racconto” o semplicemente un “dire” quale oggetto destinato a soddisfare una domanda che il “dire” stesso produce e simultaneamente genera il desiderio di esprimersi tramite la scrittura.

È nella scrittura che il logos si espande, si dialettizza in parole ed immagini disseminando orme, tracce, emozioni e figurazioni; scrittura viva che attende di essere letta e ascoltata da un’umanità spesso ignara della necessità di comunicare anche nell’ascolto dell’altro.

La Boni scrive: … penso che non sempre si possa formulare in forma di “storia” la realtà complessa che ci invade, narro percezioni, respiri, palpiti, brividi, soffi…

e ancora: … Quelle che, per semplificare, chiamiamo parole, sono leggerissime, trasparenti percezioni, ma appoggiate stabilmente, esprimono energia, hanno la portata possente di un largo fiume che avanza, certo del suo destino.

Sulla realtà frantumata dalle azioni degli uomini le parole, create dallo spirito, assumono la portata possente di molteplici, indefiniti infiniti che trascinano verso l’altrove per dare senso alla nostra vita e a quella degli altri.

E continua: … Il significato di tutto quello che mi sta attorno, non mi arriva dall’esterno, ma l’ho dentro…

La scrittura della Boni, in altri termini, nasce dallo “sguardo interiore” che nello svolgersi delle cose, in un clima di sospensione tra ragione e immaginazione (alito chiaro), protende verso l’orizzonte liquido pur restando immobile come una statua, a difendere le dune di sabbia (l’indicibile… l’invisibile…), diviene poesia o Custode di dune. Poesia volta a coinvolgere quel lettore bramoso di entrare nel labirinto delle meraviglie per conoscere la via della libertà.

Parole leggerissime, liberate dai “lacci” della razionalità e dalle convenzioni sociali espresse in prosa distesa sulla piana modulazione.

Parole simbolo della realtà come un gioco di specchi in cui è obbligata la nostra esistenza, e dove spesso cause ed effetti (oggetto e immagine riflessa) si scambiano il ruolo, che ci costringe a rimandare sempre a qualcos’altro, a tentare di esprimere la presenza di qualcosa di assente o che è impossibile percepire, qualcosa la cui esistenza o conoscibilità dipendono, in qualche modo, dal simbolo stesso, che è, in sostanza, la nostra unica porzione di verità.

Lucia Boni percepisce il modo di vivere come continua indagine sui processi dell’essere e dell’esserci, tanto che la sua poetica risulta intrisa di conoscenza, esperienza ed interpretazione strettamente connesse all’uomo e alla natura.

Ciò che colpisce, in Custode di dune, è il tono di serenità metafisica che si può cogliere anche in quel … raccogliere l’istante dell’ombra e l’espandere nella luce… (Il finale e il dopo ) …che, mentre abbraccia e riscatta il consumarsi del tempo, veicola un messaggio o forse… un invito ad aprire spazi alla fantasia, all’immaginazione e alla creatività.

 

Giuseppina Rando

 

 

 

Lucia Boni, Custode di dune

Campanotto Editore, 2018, pp. 96, € 10,00


Articoli correlati

  In libreria/ A proposito di “Lembi”
  Ferrara. Galleria e Associazione 1997 – 2017
  Vetrina / Lucia Boni. di ori a venire
  In libreria/ Gianni Cerioli. “Lembi e le sette chiese” di Lucia Boni
  Vetrina/ Lucia Boni. e sotto è brace
  Ferrara: Luca Zampini. TREES ALBERI
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Lembi e le sette chiese” di Lucia Boni
  In libreria/ Lucia Boni. Lembi e le sette chiese
  Iniziative Associazioni/ Lembi di poesia e musica al Centro Documentazione Donna di Ferrara
  Recanati. Al Passepartout presentazione del libro “Lembi” di Lucia Boni
  In libreria/ Bologna. Lucia Boni presenta “Lembi e le sette chiese”
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Lembi e le sette chiese” di Lucia Boni
  Vetrina/ Lucia Boni. ha la casa
  Annagloria Del Piano. Il guardante e il guardato di Angelo Andreotti
  Vetrina/ Angelo Andreotti & Patrizia Garofalo. Pantografia marina
  Spot/ Ferrara: Duccio Demetrio per “I Poeti dei poeti”
  Macerata, 1° aprile. “Il Guardante e il Guardato” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Angelo Andreotti. Il silenzio e le parole
  Istituzioni/ Accademia del Silenzio. 'Scuola estiva' ad Anghiari, fine agosto
  Ferrara. Angelo Andreotti: Di due pubblicazioni, una a fianco dell'altra
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Nel verso della vita” di Angelo Andreotti
  Angelo Andreotti. POLAROID (1999)/ Pudore
  Ferrara. Il silenzio dei violini alla Biblioteca Comunale Ariostea
  In libreria/ Giuseppe Ferrara su “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  Angelo Andreotti. Le viol
  Spot/ Ferrara: Marco Munaro per “I Poeti dei poeti”
  Invito letterario: Angelo Andreotti. Il Guardante e il Guardato
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  Ferrara: Un invito, “A tempo e luogo”
  Patrizia Garofalo. Note a margine del convegno di ecologia narrativa di Anghiari
  Angelo Andreotti. Il guardante e il guardato
  Anticipazioni: Flavio Ermini. L’appello silenzioso dell’essere
  In libreria/ Angelo Andreotti. Porto Palos
  Spot/ A Ferrara, Monica Pavani per “I Poeti dei poeti”
  Spot/ “I Poeti dei poeti” per I lunedì a casa di Ariosto
  Daniele Serafini. Là, dove l’orizzonte accade
  Recanati Art Festival à la culture
  Vetrina/ Angelo Andreotti. Dimmi di te
  In libreria/ Giuseppina Rando. Il cuore segreto delle cose
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  Angelo Andreotti. Chi ha paura del giallo, del rosso e del blu
  In libreria/ Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  “Il guardante e il guardato”
  In libreria/ Angelo Andreotti. Dell'ombra la luce
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy