Martedì , 07 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Scritture & Web
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Doriana Goracci: Congo e vaccini, Congo e mitraglia. Oblò Mondo 10
14 Novembre 2009
 

In Congo, non sono finiti i vaccini  contro il morbillo, in compenso sono finiti “migliaia di civili in attesa di essere vaccinati,   sotto il fuoco incrociato dell’esercito congolese e delle Forze Democratiche di Liberazione del Rwanda (Fdlr). Lo denuncia Medici senza Frontiere che sostiene di aver ricevuto garanzie di sicurezza dalle parti in conflitto per compiere le vaccinazioni in quei giorni. Nonostante questo l’esercito congolese ha sferrato gli attacchi in ognuno dei siti in cui si stava realizzando la campagna.”

  
L’approfondimento a loro: “Sette siti di Medici Senza Frontiere (MSF), dove si erano raggruppati migliaia di civili, sono finiti sotto il tiro incrociato durante l’attacco dell’esercito congolese contro le Forze Democratiche di Liberazione del Rwanda (FDLR) nel Nord Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). MSF denuncia quello che è un evidente abuso dell’azione umanitaria a scopi militari.MSF ha lanciato una campagna di vaccinazione di massa nel distretto di Masisi per supportare il Ministero della Salute nella risposta a un’epidemia di morbillo. Nelle scorse settimane (il 17 ottobre) le equipe mediche di MSF stavano vaccinando migliaia di bambini in sette diversi siti nell’area di Ngomashi e Kimua, controllate in quel periodo dalle FDLR. Tutte le parti del conflitto avevano dato garanzie di sicurezza a MSF per compiere le vaccinazioni in quei giorni. Tuttavia, l’esercito congolese ha sferrato gli attacchi in ognuno dei siti in cui si stava realizzando la campagna. Tutte le persone giunte nei siti per far vaccinare i propri bambini hanno dovuto fuggire a causa degli scontri e si sono disperse nella zona in luoghi sconosciuti e non hanno potuto essere vaccinate. MSF ha dovuto interrompere le attività in quest’area e ha dovuto evacuare le equipe a Goma.“Ci sembra di essere stati usati come esca”, dice Luis Encinas, responsabile di MSF per i programmi in Africa Centrale. “Gli attacchi hanno coinciso con le vaccinazioni e hanno messo in estremo pericolo la vita dei civili. Migliaia di persone, comprese le equipe di MSF, sono rimaste intrappolate nel mezzo degli spari. L’attacco costituisce un inaccettabile abuso dell’azione umanitaria per realizzare obiettivi militari. Come MSF sarà percepita ora dalla popolazione? I nostri pazienti si sentiranno ancora al sicuro quando accedono all’assistenza sanitaria? Vogliamo denunciare con forza questa situazione perché azioni di questo tipo compromettono seriamente la nostra neutralità”. MSF è un’organizzazione umanitaria di soccorso medico e in totale indipendenza garantisce assistenza sanitaria secondo i principi di neutralità. È proprio grazie a questa neutralità che le equipe di MSF possono compiere campagne di vaccinazione anche in zone controllate dalle Forze Democratiche di Liberazione del Rwanda (FDLR) prima inaccessibili al Ministero della Salute. Negli ultimi mesi si è registrato un preoccupante aumento degli attacchi contro le organizzazioni umanitarie da parte dei vari gruppi armati attivi in Nord e Sud Kivu. “MSF chiede che tutte le parti coinvolte nel conflitto che rispettino il lavoro delle organizzazioni umanitarie”, aggiunge Meinie Nicolai, responsabile delle operazioni di MSF. “Se ciò non avviene, è la popolazione a pagare il prezzo più alto. I civili sono vittime della violenza estrema e sono costretti a fuggire in continuazione e ora sono sempre loro a rischiare di rimanere persino senza assistenza umanitaria”. La campagna di vaccinazione di MSF contro il morbillo nella regione di Masisi ha coinvolto 165mila bambini di età compresa fra i 6 mesi e i 15 anni. A Masisi, MSF supporta un ospedale e un centro di salute, opera con cliniche mobili e si occupa infine delle vaccinazioni. MSF fornisce inoltre assistenza medica alla popolazione presente nei distretti di Walikale, Rutshuru, Lubero e nella provincia del Sud Kivu. MSF lavora in Nord Kivu dal 1992.
  

Invano non tanto (visti i temi crocefissi di cui si parla in Italia in questi giorni) il cardinale Tarcisio Bertone durante l’ordinazione episcopale di mons. Jan Romeo Pawloski, nunzio apostolico nella Repubblica del Congo e in Gabon, disse: “Nel nostro mondo pieno di idoli, dove spesso viene meno la speranza, occorre che Cristo cresca, che occupi il primo posto nel cuore degli individui, delle famiglie e di ogni società”. Sono cresciuti i morti e gli  spari, sulla folla in attesa di vaccino.
  

In compenso al Senato da martedì 10 novembre,  Mostra “Volti e colori per non dimenticare” Promossa da Italians for Darfur con la Commissione per i Diritti Umani del Senato: raccolta di fotografie della giornalista Antonella Napoli che sarà in mostra dal 10 novembre nel Cortile di Sant’Ivo alla Sapienza a Roma. La mostra è stata creata dall’associazione Italians for Darfur per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’emergenza in Darfur. Ha come madrina l’attrice Monica Guerritore e gode del patrocinio della Commissione Diritti umani del Senato, presieduta dal senatore del Pd Pietro Marcenaro. Chiuderà i battenti il 10 dicembre, nel giorno del 61esimo anniversario della Carta dei Diritti dell’uomo.
  

La notizia, diciamo di fuoco, risale al 17 ottobre, e la sappiamo più di venti giorni dopo: abbiamo da  contare  i nostri  morti sotto Influenza AH1N1 .
Non ho molto da aggiungere, dovrebbero forse farlo  i nostri corrispondenti Media dall’estero che non si sa cosa contano, forse le diarie e gli straordinari, salvo rare eccezioni.
 
Si ringrazia una volta ancora Medici senza Frontiere, che barriere sembrano non trovarle, all’Informazione  e alla Salute, intese come doveri e non solo diritti.
Una domanda: come mai si vaccina ancora in massa contro il morbillo e in Africa, dove  il successo dell’iniziativa è stato di  una riduzione della mortalità per morbillo pari al 91% , stando ai comunicati dell’Oms e della Croce Rossa Americana?
L’influenza AH1N1  lì non arriva? Tanto ” per non dimenticare” la conta di coloro che sono morti per la sporca Guerra.

  



                                                 Doriana Goracci

 


Articoli correlati

  Doriana Goracci. Intrufolando Badanti e Bavaglioli in disavanzo
  Sul 25 novembre Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
  Doriana Goracci: Fede e papi come sceneggiatura filmica continua.
  Doriana Goracci: Javier Lozano Barragan in pillola per il giorno dopo ogni inquisizione
  Doriana Goracci: Anti-Clericale Anti-Giuliano Anti-Ferrara per l’autonomia della donna
  Doriana Goracci: Nazifascisti a Milano con Roberto Fiore
  Doriana Goracci: Altezza pura e impura e altre vicende papali papali
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  Doriana Goracci: In materia di migrazioni povere e ricche
  Doriana Goracci: Perversa proposta del ministro Brunetta sulle donne in pensione a 65 anni
  Da una tenda abruzzese. Quello che la Rai non fa vedere, che i giornali non dicono
  Doriana Goracci: Capitalismo oggi e “Manifesto per una nuova politica” di Paolo De Gregori
  Doriana Goracci: Razzismo vecchio e nuovo. Una mappa per il web a febbraio.
  Doriana Goracci: l’8 marzo di un arcivescovo brasiliano e del Vaticano
  Doriana Goracci: Che il cenone di fine anno porti consiglio ad Obama!
  Doriana Goracci. Su eventi di economia e di nornale idiozia politico-televisiva (Gelmini-Miss Italia)
  Doriana Goracci: Corpi sofferenti scritti - fotografati - cantati. Berlusconi - Mastrogiovanni - Gaber
  Doriana Goracci: Voci della banda eversiva per l'alimentazione forzata di Eluana Eglaro
  Doriana Goracci: Con "Gracias a la vida" alla manifestazione antirazzista. Roma 17 ottobre
  Doriana Goracci: Avere e non avere C.A.S.E. all’Aquila
  Doriana Goracci: Stando in famiglia. Sul Caso Marrazzo con dintorni sessuali e materiali
  Doriana Goracci: il bacio e il sangue. Con superlativi video...
  La storia di Barbara insegnante precaria siciliana sulle scale del Ministero
  Doriana Goracci: Il mio urlo oggi dentro altri urli. Racconto illustrato
  Vittorio Oliva: GPL - Testimonianza raccolta da Doriana Goracci.
  Doriana Goracci. Benedetto XVI a Viterbo il 6 settembre 2009. Impressioni Web
  Doriana Goracci: Piccolo requiem anarchico per Michele
  Doriana Goracci: Madonna porterà aiuto ai terremotati dell’Abruzzo
  Doriana Goracci: L’archivio di Dario Bellezza all’asta e dire poesia gay offende e basta…
  Doriana Goracci: L'inferno di Viareggio, inferno con GPL e treni ferrovecchio
  Doriana Goracci: Barbara Matera e le donne dei fornelli prese per i fondelli
  Doriana Goracci: Sabatino Catapano vivo per Francesco Mastrogiovanni morto
  Doriana Goracci: Frammenti di lettere d'amore dal web a Tellusfolio
  Doriana Goracci: Assolti chi massacrò a Genova per il G8. Condannati i manifestanti.
  Doriana Goracci: Ricordando la strage di soldati italiani a Kabul e della verità sulla guerra.
  Doriana Goracci: Stragi di uomini, di bambini, della libertà di stampa…
  Doriana Goracci: Processi che vanno e vengono nella storia nelle biografie.
  Doriana Goracci: Un nipote e due sentenze, Genova Scuola Diaz e Eluana Eglaro
  Doriana Goracci: Carte Revolver e Taranta Precaria ai vertici legali dell'American Express Italia?
  Doriana Goracci. Pulitori d'Italia
  In morte di un blogger il Primo Maggio. Ricordo di Giuseppe Gatì. Musica di Fabrizio De Andrè
  Doriana Goracci: Terremoto a sorpresa? rilevazioni annunciavano sua presa.
  Tutto ma proprio tutto quello che dovete sapere. Sulla morte di Eluana, su Stasi e il porno…
  Doriana Goracci: Panegirico sugli assorbenti e altre liquide presenze
  Doriana Goracci: Verba volant sisma manent. Militarizzazione per il G8 all'Aquila
  Doriana Goracci / Vincenzo Serra: Appesi. In morte di Francesco Mastrogiovanni
  Storia e apprensioni di Beritan Gulmez raccolte da Doriana Goracci
  Doriana Goracci: La militarizzazione in Abruzzo contro il G8.
  Dorian Goracci: Tracce di letture e di vite per il 25 Aprile. Nuova Resistenza
  Doriana Goracci, Vincenza Perilli: Storia di una donna migrante. Oblò Mondo 9
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy