Domenica , 22 Ottobre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Furia: Concentrata voce. Su Marie-Thèrése Kerschbaumer
Marie-Thèrése Kerschbaumer
Marie-Thèrése Kerschbaumer 
12 Febbraio 2007
 

Non priva di opzioni liriche dai toni, talvolta, quasi declamatori, incline a suggerire fiabesche immagini evocanti certa letteratura russa (D.I. Charms, per esempio) e, perfino, atmosfere da “Mille e una notte”, attenta ad istanze di tipo civile, vissute con sensibilità umanitaria più che strettamente politica, la raccolta Immagini semprepiù, di Marie-Thèrése Kerschbaumer, si snoda con disinvoltura, affidandosi a valenti scansioni.

Si è in presenza, senza dubbio, di vivace molteplicità nel cui àmbito le singole parti accomunano al valore individuale la feconda partecipazione ad assetti frutto non di meccanici accostamenti, bensì, nonostante l’ esplicito riguardo nei confronti della cronologia compositiva, di esigenze interne ad una scrittura capace di tenere sempre presente il proprio, peculiare, nucleo espressivo.

Consapevole, l’uso delle diverse forme nulla concede ad atteggiamenti tali da scalfire un’intensità avvertita come esigenza primaria, efficace fondamento di propensioni linguistiche non ignare di oggettivi limiti, quanto consumate negli aspetti tecnici.

Saldamente”, davvero, fu concentrata “voce”.

 

Marco Furia

 
 
 
 
da  “Immagini semprepiù”  di Marie-Thèrése Kerschbaumerdi.   
(Per le poesie in tedesco si rimanda all'edizione uscita nei tipi di Anterem)
  
(ondina)
 
nove poesie
 
 
1.
 
Quando mi guardi
quando i tuoi occhi
quando io
quando il tuo punto
nel mio punto
fissa allo specchio
quando la lingua
cercano tastoni esitando
vagano
un tono uno
muovendo le dita rintoccò
quando l’inquietudine mio
quando io
quando le mie punte
dita
vibrano –
 
 
2.
 
quando tu mi guardi
quando i tuoi occhi
quando punto
in punto
fisso allo specchio
sguardo lingua
cercare tastando, esitando
vagare
un tono uno rin
toccò uno
malizioso
quando l’inquietudine
il mio volto
 
 
3.
 
era di certo
quel quel solo gabbiano
che nello sguardo mi
ruppe
la linea del frontone
mentre io qui
alla finestra ti
aspetto
se ti avvicini
se finalmente ti
avvicini
 
 
4.
 
ti ho sempre
cercato mio freddo
cuore in tutti gli azzurri tramonti
rossastri
ti ho sempre
cercato mio povero
cuore nei miei audaci
freddi tuffi d’onda
ti ho sempre seguito
mio cuore fedifrago
fino alle morti delle mie
bianche notti
albe
 
 
5.
 
oh amore
mio povero amore
ti ho cercato
senza trovarti
oh amore
mio povero amore
ti ho cercato
senza trovarti
oh amore amore
non ti ho
trovato
eri in me
così profondamente in tutte
le ore scure in tutte
le ore chiare
 
 
6.
 
non vuoi
viaggiare tu mi
chiedi a tavola
e scuoti la polvere dai miei
lenzuoli
l’aringa viene
da lontano è
un pesce
dici e
sorridi –
nella mano
l’uncino
 
 
7.
 
io scrissi
ti voglio amare
tu la mia forza
tu scrivesti
(non a me)
non andar via
io scrissi
te voglio amare io
te soltanto te
tu scrivesti
non andare
come un ladro
via da questo luogo
e scrivi
(non a me):
adesso sei andato via –
e la preghiera
non ascoltasti
non il mio richiamo
nel tuo porto
 
 
8.
 
come ti amo!
le mie solitudini
tu le ingrandisci
e di nuovo le annulli –
non vi è meta alcuna che
qui e ora
e le tue eternità
sfuggono con te e
mi sovrastano –
eppure – nello
sfiorare nell’
incerto sopra
ciglia nello sguardo
chiaro in un gesto
in un gesto come
per concedere mi assale
il ricordo di un
ritorno e un antico
sapere: non vi è ritorno –
eppure: come ti amo!
come mi manchi!
come ogni addio dimora
nel tuo bacio
come ti amo
come l’incerto
mi deve sopraffare
violento: perché ti amo!
perché mi turbi!
perché notturna
devo qui pregare
rivolta a te
che tu mi esaudisca
 
 
9.
 
mai più a fondo giacqui
della fontana nel fondo
 
mai così lontana fui
dalla tua bocca
 
mai così buio
fu nel pozzo
 
mai più a fondo
andai nella notte blu
 
mai più a lungo
la fine del giorno attesi
 
mai più profondo
tacque l’abisso
 
mai più luminosa
alla luce del giorno uscii
 
mai più a lungo aspettai
i frammenti di luce
 
mai più a fondo giacqui
sul fondo
 
mai più lontana
dalla tua bocca
 
mai la mia anima
così ferita
 
mai così vicina
al giudizio
 
mai più tagliente
il vento in volto
 
mai più a fondo giacqui
sul fondo
 
mai giacque la tua bocca
sulla mia bocca
 
mai come oggi
mangiai il mio pane
 
mai il cielo
pallido a piombo
 
mai più a fondo giacqui
sul fondo
 
mai più lontana
dalla tua bocca
 
mai più buio
nel pozzo
 
mai così blu
la notte blu
 
mai più luminosa
venni alla luce
 
eppure sapevo
il giorno si spezza
 
mai più vicino
vidi il tuo volto
 
e già sapevo
non eri tu
 
mai più a fondo
nel pozzo andai
 
mai così inquieta
quell’unica notte
 
tacqui e vidi
non eri tu
 
ora devo andare
ora mi do pace
 
(Amburgo, gennaio-marzo 1987)
 
Traduzione dal tedesco di Riccarda Novello 
 

Foto allegate

Anterem Edizioni, Verona, 2006
Articoli correlati

  Marco Furia: Cruciverba notturno. Visual poem
  Marco Furia: Una statica danza? Dedicato a Shin Tanabe
  Marco Furia: Dinamiche staticità e Sassei linguaggi di Shin Tanabe
  Marco Furia: Insonnia. Visual-poem
  Marco Furia: Poetica filosofia
  Marco Furia: Pagina d'erbario
  Marco Furia: Cruciverba. Visual poem
  Marco Furia: Petrarcheschi barbagli. Su Alessandro Giorgi.
  Marco Furia: Strane parole. Recensione di “Anime strane” con tre brevi storie antologizzate.
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Marco Furia: Silente meraviglia. Pensiero visivo di Bruno Conte
  Genova 16 giugno: Una giornata al 22° Festival internazionale di Poesia
  Marco Furia: L'onirico canto di Silvia Comoglio. Otto poesie inedite.
  Tiziano Salari, la ricerca poetica di Marco Furia
  Marco Furia: i “Nitidi tratti” di Shigeru Matsui
  Marco Furia: Amorose parole. Su “Il Bene” di Mario Fresa.
 
Opere correlate

 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.3%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy