Domenica , 17 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Furia: Strane parole. Recensione di “Anime strane” con tre brevi storie antologizzate.
Greco Editori, Euro 11,00
Greco Editori, Euro 11,00 
11 Dicembre 2006
 
 

Dolorose e disarmanti, le voci delle “Anime strane” proposte da Marco Ercolani e Lucetta Frisa, nel rispetto di nessi formali privati della loro comune valenza, mostrano, per così dire, in astratto, il funzionamento dei meccanismi linguistici, evocando l’indicibile.

Dell’ineffabile, di quel vivido impulso capace di dare origine all’espressione senza esserne mai oggetto, è possibile rendere testimonianza anche per mezzo di un delirio “ordinato” secondo strazianti illogicità che, nelle stesse parole dei malati di mente protagonisti, non perde i contatti con essenziali nuclei comunicativi: la significanza, non a priori abbandonata, anzi ricercata con determinazione, viene giocata su dimensioni altre.

Sequenze come «So perché ho male al cuore. Lui mi esce dal torace e comincia a cantare. Lo sento bene, anche adesso. È un uccello del paradiso. Ha le piume colorate. Canta la fine del mondo», nette e incisive, paiono riferirsi a enigmatiche necessità, tali da costringere a seguire proprio certi schemi, al fine di dare sbocco a istanze espressive vissute quali straordinarie.

Emergono consapevolezze, profonde e sorprendenti, di eccezionalità prive di percorribili itinerari d’ integrazione, che non rinunciano a pratiche linguistiche tipiche: le anime strane, insomma, parlano specifiche lingue.

Ed i poeti, abili costruttori di linguaggi dalla spiccata originalità, possono comprenderle almeno nell’esigenza non di spiegare, bensì di esibire, umane condizioni: il «cuore», allora, può anche essere considerato «un uccello del paradiso» che «Canta la fine del mondo», la forza delle metafore risultando, talvolta, così potente da opporsi, con efficacia, al bolso fluire lungo circuiti banali, per concedere illuminanti attimi.

Se non si tratta, certo, di dover imparare “il linguaggio della verità”, poiché quest’ultima non è oggetto esterno, più o meno raggiungibile, ma abita e vive nelle stesse forme idiomatiche in uso, resta pur vero che esistono molteplici linguaggi, espressione di esistenze degne, in quanto tali, di attenzione: un’attenzione scrupolosa, lontana da qualunque ingiustificato atteggiamento di superiorità, capace di aiutare a meglio comprendere gli altri e se stessi, di cui non si può non essere grati agli autori.

Furono acute selezioni.

 

Marco Furia

 

 

(Marco Ercolani, Lucetta Frisa, Anime strane, Greco & Greco editori, Milano, 2006)

 

 

 

TRE ANIME STRANE

 

 

LA FIRMA DI DIO

 

Dottore, posso aggiungere questo foglietto alla sua relazione?

Va bene.

Dopo qualche ora, lo psichiatra legge il foglietto:

«Signori, i raggi non smettono di entrarmi dalla testa. Ma i capelli non bruciano più e posso scrivervi. Ho tre figli, ho bisogno della pensione, abbiate pietà. Mia moglie si sta consumando dal dolore. Non è facile vive­re cosi. Da tanto tempo mi trascino il peso di un corpo che beve, mangia, cammina, e ha un nome e un cogno­me. Mi ha rotto i coglioni. Non riesco più a pensare alle galassie stellari e ai sistemi matematici, e dimentico di essere l’Ente perfetto e invisibile. Solo quando guardo l’orizzonte al tramonto e un cane mi fissa con le sue pupille nere, ricordo, ma vagamente, che li ho creati.

Vi prego. datemi la pensione. Ho tre figli maschi e mia moglie è ridotta a una larva.

Firmato: Dio».

 

 

TENTATIVI DI NUVOLA

 

Fa spesso isuoi «tentativi di nuvola», così li defini­sce. Si affaccia alla finestra, sollevandosi sulle punte dei piedi, allunga il collo, chiude gli occhi, poi, dolcemente, comincia ad oscillare la testa. Finché si dondola con tutto il corpo. Sua madre gli urla di tornare a studiare. Il patrigno si isola nella sua stanza. Il fratello sghignazza. Ma lui, ostinato, continua i suoi «tentativi di nuvola». Agli psicologi che lo interrogano sulla sua infanzia, risponde ridendo: «lo? Mai avuta infanzia. L’avranno quei due uomini e quella donna che mi perseguitano. Io no. Io sono leggero. Molto leggero».

 

 

LUI

 

«Sì, dormo con un maiale. E allora? Manda una puzza forte, e allora? La puzza è importante, non lo sapete, la puzza è un segno... Un maiale, ma non mi tradirà mai. Non è come gli uomini che vanno e vengono dalla mia terra senza fare rumore, senza lasciare odore. Lui grugnisce: lui disprezza gli stranieri che stuprano le mie belle colline. Ieri me lo ha detto: bisogna fare giu­stizia. Me l’ha detto con un grugnito lunghissimo. E così gli ho obbedito. Gli animali hanno sempre ragione. Ho messo ventisette colpi in canna e sono sceso a valle».

Così si difende un pastore ventiduenne, che ha appe­na ucciso a fucilate ventisette persone nel supermarket di Sondrio e poi si è rifugiato sui monti. Lo hanno trovato addormentato in una grotta dove ristagna un tanfo insopportabile. Il primo poliziotto gli mette la canna alla tempia, il secondo fa scattare le manette. Il pastore apre gli occhi, ancora assopito, e dice: «Dov’è lui?». In quel momento, con un minaccioso grugnito, appare, in piena luce, un enorme suino.


Articoli correlati

  Genova 16 giugno: Una giornata al 22° Festival internazionale di Poesia
  Marco Furia: Cruciverba notturno. Visual poem
  Marco Furia: Dinamiche staticità e Sassei linguaggi di Shin Tanabe
  Marco Furia: Una statica danza? Dedicato a Shin Tanabe
  Marco Furia: Cruciverba. Visual poem
  Marco Furia: Petrarcheschi barbagli. Su Alessandro Giorgi.
  Marco Furia: Poetica filosofia
  Marco Furia: Concentrata voce. Su Marie-Thèrése Kerschbaumer
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Marco Furia: L'onirico canto di Silvia Comoglio. Otto poesie inedite.
  Marco Furia: Pagina d'erbario
  In libreria/ Silvia Comoglio. “Tratteggi” di Marco Furia
  Marco Furia: Silente meraviglia. Pensiero visivo di Bruno Conte
  Marco Furia: Insonnia. Visual-poem
  In libreria, Eventi/ Marco Furia. Commento a tre strofe di “scacciamosche (nugae)” di Silvia Comoglio
  Tiziano Salari, la ricerca poetica di Marco Furia
  Marco Furia: i “Nitidi tratti” di Shigeru Matsui
  Marco Furia: Amorose parole. Su “Il Bene” di Mario Fresa.
 
Opere correlate

 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.9%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy