Venerdì , 20 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Manuale Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta 3
16 Dicembre 2009
 

Quale suono è più dolce e avvincente della voce umana? Ed è su questo strumento, mirabile nelle sue metamorfosi, che fa leva Shéhérazade, per incuriosire il re fino a farlo desistere dalla sua crudele decisione.

È indiscusso il fascino del racconto in cui la parola si veste di mille  colori e di  suoni melodiosi, creando nella nostra mente arabeschi di altri mondi, legati a un tempo infinito, che si svolge nella memoria, come ricami intessuti di parole che l’abile ago traccia fino a creare un racconto che un filo invisibile lega al precedente e prepara il seguente. Storia infinita del mondo di cui la fantasia è il tassello cardine per partorire pensieri. E sullo scenario di multiformi colori scegliamo quelli più adatti alla nostra storia, perché nulla è casuale; forme, linee, colori e suoni corrispondono alla nostra sensibilità, all’umore del momento, simboli di  pensieri che si mutano in parole, parole, che combinate formano righe, file, tratti, segmenti pregni del nostro sentire, impressi su un foglio o su di una pagina web.  Il programma che mi ha guidato nella composizione di Sheherazade, dice Nicolaj Rimsky-Korsakov nelle sue memorie, consiste in episodi separati e senza alcun legame tra di loro: il mare e il vascello di Sinbad, il racconto fantastico del principe Kalender, il figlio e la figlia del re, la festa di Bagdad e i vascelli che si infrangono su una roccia, basta scegliere uno di questi elementi per creare intorno ad esso una storia con  ambienti, personaggi, situazioni; tutto nascerà come magia e “maga” sarà la “fantasia”.

La mente è un fiume in piena e le parole sono capaci di tradurre ogni pensiero, basta combinarle e la magia di realizzare qualcosa di meraviglioso si realizzerà. Non stiamo forse aspettando la notte magica quando la stella brillerà fulgida e il cielo si inonderà di luci? La magia è nella  penna o nel tasto di chi vorrà creare. 

Shéhérazade riprende  il racconto.

Non  sentite la  musica ? La sua voce è affidata al violino, vibrante, sognante  e raffinata. Ascoltiamo il racconto e poi sveleremo il segreto di questa voce.

A. L.

…Nella più calda cordialità Sindbad il Marinaio riprese il suo racconto.

   

II

 

 «Trascorso qualche tempo, venni nuovamente colto dal desiderio di viag­giare. M'imbarcai. Il viaggio procedeva tranquillo ed io avevo già compiu­to buoni commerci nelle varie isole in cui avevamo fatto scalo. Ma un giorno, approdati in un'isola deserta e molto bella, mi rilassai al sole su una spiaggia e presto mi addormentai. Non mi accorsi che intanto la nave levava l'ancora e, durante quella manovra, nemmeno il capitano aveva no­tato la mia assenza. Quando mi ridestai, mi ritrovai solo e disperato. Dopo il primo momento di sconforto, perlustrai l'isola e scoprii che vi era un so­lo strano edificio, una sorta di cupola bianca liscia e senza porte. Non riu­scivo a comprendere. Mentre tentavo, senza successo, di giungere sulla sommità della cupola, vidi oscurarsi improvvisamente il cielo. Non si trattava dell'oscurità della notte, ma della gigantesca ombra che le ali di un mostruoso uccello, il rokh, gettavano sull'isola. Improvvisamente mi resi conto che quello che vedevo non era un edificio, ma un gigantesco uovo. Ero terrorizzato e nello stesso tempo pensai che quell'uccello poteva resti­tuirmi la libertà. Giunto sul suo nido, l'uccello si mise a covare l'uovo. Io mi ero prudentemente nascosto e, senza farmi accorgere dall'animale, mi legai all'enorme artiglio del rokh in modo che mi potesse trasportare via da quell'isola al prossimo volo. Infatti all'alba il rokh volò via e presto raggiunse un'altra terra. Mi liberai allora senza che il mostro si accorgesse di nulla, ma mi ritrovai in una situazione forse più difficile della preceden­te. Ero finito in uno stretto canalone racchiuso tra alte montagne. Impossibile scendere o risalirle. Mi rimisi a perlustrare la zona e vidi ch'era una valle piena di diamanti e di serpenti. La notte mi rifugiai in una grotta per proteggermi dai giganteschi serpenti che cercavano di darmi la caccia. Lì terminai anche le scarse provviste che ero riuscito a conservare. Al matti­no, uscito dal mio rifugio, mentre camminavo tentando invano di trovare una via d'uscita, vidi piombare dal cielo un grosso pezzo di carne. Mi ven­nero in mente i racconti di alcuni mercanti di diamanti che avevano adotta­to questo metodo astuto per recuperare le pietre preziose. Non potendo scendere in questa valle impervia, gettavano dei pezzi di carne in modo che i diamanti vi restassero infilzati e attendevano, quindi che gli avvoltoi, attirati dall'odore, li recuperassero e li portassero ai loro nidi. Poi, spaven­tando questi uccelli, potevano tranquillamente recuperare i diamanti senza correre il rischio di precipitare nel burrone. Allora raccolsi le più belle pie­tre che avevo in abbondanza a mia disposizione e mi legai a un pezzo di carne. Attesi che i rapaci  arrivassero. Un grosso avvoltoio, afferrando il pezzo di carne, lo portò nel suo nido e, appena venni depositato, sentii un gran clamore e grida forti. Erano gli uomini che spaventavano gli uccelli. Subito venni salvato. I mercanti ascoltarono stupefatti la mia avventura, mi diedero conforto e mi offrirono posto sulla loro nave. Arrivai nel Borneo, dove barattai e commerciai fruttuosamente. Feci quindi un tranquillo ritorno a Bassora. Raggiunsi Bagdad e mi resi conto che la mia già enorme ricchezza era raddoppiata».

Al termine del racconto, Sindbad ordinò di offrire cibo e bevande ai suoi ospiti e di fare musica. Poi, congedando il Facchino, gli offrì cento monete d'oro, rinnovandogli l'invito per il giorno seguente per ascoltare il suo ter­zo viaggio.

  

III

   

 

«Dopo essermi goduto soddisfazioni e ricchezze, venni di nuovo preso dal desiderio di viaggiare.

M'imbarcai e affrontai l'Oceano, vendendo e comprando mercanzie di iso­la in isola. Ma un giorno la nave venne colta da una violenta tempesta e perse la rotta. Il capitano della nave si rese conto della gravità della situa­zione, perché i venti fortissimi ci stavano portando verso l'isola degli uo­mini-scimmia. In men che non si dica venimmo circondati da queste orride creature, che salirono a bordo e ci costrinsero a viaggiare e ad approdare su un'isola. Gli uomini scimmia s'impossessarono della nave piena delle nostre ricchezze e si allontanarono. I mercanti, senza sapere minimamente dove fossero finiti, si misero a perlustrare l'isola e trovarono un grande pa­lazzo. Ahimè, presto scoprimmo che il bell'edificio era abitato da un moro gigantesco e cannibale che uccise il nostro capitano, per cibarsene sotto i nostri occhi. Dopo aver assistito a questo orrore, approfittammo del riposo del mostro, per iniziare di nascosto a costruirci rapidamente delle semplici zattere per poter fuggire. Nel frattempo altri compagni subirono la stessa triste sorte del capitano. Arrivò il giorno propizio e, con una manovra di­sperata, riuscimmo ad accecare il carnefice e a prendere il largo sulle no­stre zattere. Venimmo inseguiti dai tre fratelli del gigante, che scagliarono verso di noi enormi macigni. Miracolosamente riuscimmo ad evitarli e ad approdare su un'altra isola sconosciuta. Lì, stremati, ci addormentammo. Nella notte, un terribile, enorme serpente divorò uno dei miei compagni. Per evitare il mostruoso rettile, la notte seguente io e un altro mio compa­gno salimmo su un albero. Ma anche il serpente salì sull'albero e, raggiun­to il mio compagno, lo ingoiò. Il giorno seguente, m'ingegnai a costruire una sorta di guscio protettivo fatto con rami d'albero, in modo da impedire a quella bestia di divorarmi. Per tutta la notte il serpente tentò di raggiun­germi, ma la mia armatura glielo impedì e la bestia si allontanò sconfitta. All'alba vidi apparire una vela all'orizzonte. Feci segnali disperati e i ma­rinai mi accolsero a bordo. Il capitano mi propose un lavoro: vendere le mercanzie di Sindbad il Marinaio di Bagdad, che due anni prima era mi­steriosamente scomparso. A quel punto, felice per questa incredibile circostanza, offrii le prove d'essere l'uomo che credeva morto e mi feci ricono­scere. Così rientrai in possesso delle mie ricchezze e ripresi a fare i miei commerci. La nave raggiunse Giava, dove acquistai nardo, chiodi di garo­fano, pepe, cinnamomo e canne di bambù. Facemmo scalo a Bassora e presto raggiunsi la mia Bagdad. Avevo decuplicato le mie ricchezze ed ero risoluto a non partire mai più. Potevo vivere nell'ozio e negli agi ed essere munifico con doni e ricche elemosine».

Il Marinaio concluse così il racconto del suo terzo viaggio e al termine della ricca cena donò cento monete d'oro al Facchino, invitandolo ad ascoltare il racconto del suo quarto viaggio il giorno seguente.

  

IV

    

«Trascorsi un lungo periodo a casa mia, ma incredibilmente mi riprese l'a­cuto desiderio di ampliare le mie ricchezze e di ripercorrere i mari. M'im­barcai con le mie mercanzie. Dopo pochi giorni, una tempesta di inaudita violenza spezzò l'albero maestro della nave e tutti i passeggeri vennero ca­tapultati in mare con il carico e le provviste. M'aggrappai disperatamente a un relitto, insieme ad alcuni mercanti. Per due giorni restammo in balìa delle onde. Poi la corrente ci portò sulla spiaggia di un'isola che sembrava deserta. Recuperate le forze, ci mettemmo subito alla ricerca di cibo, poi ci addormentammo sulla riva del mare. Dopo tre giorni iniziammo a perlu­strare i dintorni e scorgemmo un'abitazione. Mentre ci avvicinavamo ve­demmo uscire da quella casa dei mori. Questi ci circondarono e ci costrin­sero a seguirli. Ognuno di loro s'era impossessato di uno o più mercanti. Io, insieme ad altri cinque compagni, finii nelle mani di un uomo che sem­brava importante. Venimmo condotti nelle loro abitazioni. Ci offrirono delle erbe da mangiare.

Mentre i compagni affamati mangiavano, io diffidai e senza farmi accor­gere non mangiai nulla.

Poco dopo vidi l'effetto che quell'erba aveva sui miei compagni: essi era­no come inebetiti e privi di volontà. Intanto i mori continuavano a farli mangiare e sembrava che il loro appetito invece di diminuire aumentasse sempre di più. Io continuavo a non mangiare. Nel frattempo notai che vi erano altri prigionieri ed erano tutti grassi. Scoprii che il re di questo popo­lo si cibava di carne umana. Continuando a mangiare smodatamente, i pri­gionieri diventavano pronti per essere cucinati. Io invece dimagrivo a vista d'occhio. I mori, vedendomi così, pensarono che fossi ammalato e mi tra­scurarono. Approfittando di questa situazione, mi allontanai fuggendo il più lontano possibile. Mentre cercavo di raggiungere il mare, incontrai un vecchio malato che, vedendomi, capì la situazione e mi consigliò di prendere una certa strada per trovare salvezza. Seguii il suo consiglio e cammi­nai per sette giorni e sette notti. Finalmente incontrai degli uomini, mer­canti intenti a raccogliere pepe nero. Venuti a conoscenza della mia situa­zione, mi accolsero tra loro e mi fecero imbarcare sulla loro nave. Mi con­dussero nel regno dove abitavano e mi presentarono al loro sovrano. Il so­vrano mi ascoltò e mi aiutò. Presto conquistai la sua fiducia e il re mi elevò a suo dignitario di corte. Abitando in mezzo a quelle genti, notai che cavalcavano ignorando del tutto l'uso della sella, delle redini e delle staffe. Mi misi a costruire queste cose e insegnai loro l'uso di questi mezzi. Pre­sto ne ricavai una bella somma. Il re era entusiasta di me e della mia espe­rienza e, per gratificarmi, mi offrì in sposa una donna bellissima e ricca. Vissi felice per parecchio tempo, amando sinceramente quella sposa e pen­sando che, se avessi voluto tornare a Bagdad, avrei potuto tranquillamente divorziare. Ma un giorno scoprii un'altra consuetudine di quel popolo: se uno dei coniugi moriva, l'altro era costretto a seguirlo nella tomba, sepolto vivo. Per una strana sorte, la mia giovane moglie morì improvvisamente. Secondo le usanze, la bella sposa fu deposta nella tomba adornata di tutti i suoi più preziosi gioielli e il suo corpo venne avvolto dai tessuti più pre­giati. Io la dovetti seguire, accompagnato soltanto da poche provviste. Mi ritrovai rinchiuso in un profondo pozzo, dove vidi tanti cadaveri coperti da stoffe e gioielli preziosissimi. Avidamente raccolsi quelle ricchezze, poi subito mi resi conto che non sapevo come uscire da lì. Stavo finendo le mie provviste ed ero disperato, quando vidi un animale scappare attraverso uno stretto cunicolo. Lo seguii. Riuscii a trovare la via d'uscita e a portar via tutti i gioielli sepolti in quel pozzo. Attesi sulla riva del mare che pas­sasse qualche nave. Passarono così varie settimane. Per procurarmi il cibo, tornavo nel pozzo, uccidevo qualche vivente sepolto vivo e m'impossessa­vo delle sue provviste. Finalmente arrivò una nave e io dichiarai semplice­mente d'essere un mercante naufrago e che quello che avevo con me era poca parte di quel ch'ero riuscito a recuperare delle mie mercanzie. Il ca­pitano mi offrì il salvataggio, secondo le leggi del codice del mare. Rag­giungemmo le isole Cocos, poi Ceylon, ed arrivammo a Bali, dove condu­cemmo importanti scambi commerciali. Tornai dunque a Bassora e rag­giunsi Bagdad.

Rientrai in famiglia cento volte più ricco e dichiarai a me stesso d'averne abbastanza di viaggi. Per un lungo periodo di tempo mi riposai, mi divertii e mi dedicai a tutto quello che può dare piacere».

Come le altre volte, Sindbad il Marinaio, dopo una magnifica cena, con­gedò il Facchino donandogli cento monete d'oro e invitandolo a tornare il giorno seguente per ascoltare la narrazione del suo quinto viaggio.

Cari lettori, questi racconti ci richiamano alla mente altri viaggi avventurosi come “Marco Polo” e l’ “Odissea” e nello specifico l’incontro-scontro di Ulisse e Polifemo.

Shéhérazade continuerà a raccontare e noi nell’attesa ci rileggiamo il “fatto” di Polifemo o se preferite qualche episodio del meraviglioso “Marco Polo”.  (A. L.)

 

   

 

Alla prossima puntata…

 

 


Articoli correlati

  Anna Lanzetta: Contro l’analfabetismo della sicurezza
  I poemi di Ossian: Daura e Arindal
  Breve nota su Efeso per incorniciare le fotografie di Anna Lanzetta. Fotoalbum 10
  Anna Lanzetta: Sul “Giorno della Memoria”. Riflessione per non dimenticare.
  Anna Lanzetta / Maria Lucia Querques. Un po' di educazione stradale a scuola?
  Anna Lanzetta: Noi diciamo NO! Dalle ronde fino alla stampa del CAPO
  Anna Lanzetta: Una scuola senza sorriso
  Obama alla casa Bianca. Breve antologia per gli studenti sulle lotte dei neri d’America.
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  L’ascesa al monte Ventoso nelle impressioni di Francesco Petrarca. A cura di Anna Lanzetta
  L’arte di raccontare. La meravigliosa storia di Shéhérazade. A cura di Anna Lanzetta 1
  Il Trovatore di Giuseppe Verdi. Melodramma per la scuola
  Ricordo di Mario Luzi per tutti i lettori e per gli studenti
  Il Fantastico nell’epica classica 2
  Anna Lanzetta: Uniti contro ogni violenza come educatori.
  “Mai più guerra” con il viatico dei disegni di Käthe Kollowitz
  Anna Lanzetta: A proposito dell’immagine
  Anna Lanzetta: Viaggio a Matera
  MultiMedia presenta Anna Lanzetta: La Breccia di Porta Pia
  Anna Lanzetta: Il mio saluto a Evelina Simonelli ragionando di pensione e di scuola
  Aspettando Natale con Hans Cristian Handersen. Fiaba per studenti di ogni età
  Il Vesuvio nelle impressioni di Antonio Stoppani. A cura di Anna Lanzetta
  Geografia cristologica: Basilio Magno, Gregorio di Nazianzo in Cappadocia. Fotoalbum 7
  Il Vesuvio nelle impressioni di François-René de Chateaubriand
  Il Fantastico nell’epica classica 1
  Romanzo storico e pittura di storia (5). Visita alla Galleria d’Arte Moderna Firenze
  Il fantastico mondo del re degli Elfi
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Anna Lanzetta: “Da Petra a Shawbad. Archeologia di una frontiera”
 
 
Immagini correlate

  Anna Lanzetta - Matera- Cattedrale di sant’Eustachio
  Anna Lanzetta - Matera, interno di casa
  Anna Lanzetta - Matera-Santa Maria di Idris
  Anna Lanzetta - Matera "I Sassi"
  Vesuvio 1 - Chateaubriand
  Vesuvio 2 - Chateaubriand
  Anna Lanzetta - Matera- La salita
  Anna Lanzetta - Matera-La Gravina
  Moschea Blu - Interno - Istanbul
  Santa Sofia - Istanbul
  Santa Sofia, interno - Istanbul
  Pamukkale, La cascata pietrificata - Turchia 5
  Commerci sul Bosforo
  Ada Negri - La danza della neve
  Istanbul - Palazzo Topkapi
  Efeso - Teatro
  La fortezza di Rumeli Hisari - Bosforo
  Efeso - Il bassorilievo della Nikè
  Istanbul - La Moschea Blu
  Palazzo Beylerbeyi - Bosforo
  Efeso - Via dei Cureti
  La danza dei dervisci - Anatolia 6
  La Cappadocia - Anatolia 1
  Efeso - La fontana di Traiano
  Efeso - La biblioteca di Celso
  Bosforo
  Ponte sul Bosforo
  Lago salato, Anatolia 3
  I camini delle fate, Cappadocia-Anatolia 2
  Le tessitrici dei tappeti - Anatolia 7
  Gabriela Mistral - E' scesa la neve
  Valle di Göreme - Cappadocia-Anatolia 4
  Efeso - Impronta di piede nel postribolo
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy