Lunedì , 25 Gennaio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Ancora sugli IMI
Libera Repubblica dell
Libera Repubblica dell'Ossola. Assemblea a Domodossola 
29 Gennaio 2012
   

La riflessione che ho svolto dopo la nostra iniziativa del 25 scorso sulla Memoria degli IMI, ha trovato una eco favorevole e vasta: forse è il caso che la completi con l'intera argomentazione che ho in testa. L'Anpi, del cui Comitato nazionale faccio parte, ha preso -nel corso dei suoi due ultimi congressi- la decisione di avviare una svolta che consiste nell'aprire le iscrizioni anche a chi per motivi anagrafici non ha preso parte alla Resistenza, in modo da mantenere l'Associazione anche dopo che ce ne saremo andati tutti e tutte quelli che c'erano. Non si tratta di una pratica notarile, bensì politica, che perciò chiede una valutazione di che cosa fu la Resistenza, e poiché per iscriversi all'Anpi è richiesta una dichiarazione di antifascismo, appunto che cosa fu e potrebbe cercar di essere ancora il fascismo. Questo è un primo punto.

Inoltre l'Anpi ritiene che dopo Berlusconi sia necessario svolgere un'opera di ricostruzione politica morale e culturale non inferiore -benché diversa- a quella intrapresa e condotta dopo la fine della seconda guerra mondiale. Sono molto d'accordo con queste enunciazioni, che chiedono dunque estrema, ma non piatta fedeltà alla Resistenza e alla Costituzione che ne derivò.

Sembra a me che il presidente Monti non abbia molto presente questo aspetto, sicché -ad esempio- sembra riferirsi più ai mercati che ai valori costituzionali, sembra prediligere una democrazia decisionista piuttosto che una partecipata. Insomma non si possono considerare pari gli scioperi dei lavoratori dipendenti, che hanno una copertura costituzionale e le serrate di altri lavoratori autonomi. Né i mercati e il lavoro: il lavoro definisce al primo articolo la nostra repubblica “democratica” e “fondata sul lavoro”. E anche l'articolo “europeista” prevede che cessioni di sovranità debbano essere reciproche, non unilaterali.

 

Torniamo alla Resistenza: ne è stata data spesso una immagine a mio parere parziale e contraddittoria. Sarà il caso di correggere e completare: orbene, oltre a chi ha ottenuto il riconoscimento di partigiano patriota ribelle, vi furono anche quei militari che furono deportati nei campi di concentramento nazisti con l'intento di ottenerne il consenso e l'adesione alla Repubblica sociale di Salò. Questo intendimento non fu raggiunto e gli IMI in grandissima misura rimasero nei campi a patire e a resistere senza deflettere. Fu una cosa importante, dato che pur nutrendoli pochissimo, il Reich dovette dar loro qualcosa da mangiare e impiegare militari per custodirli, e incassare ogni giorno all'appello il loro rifiuto; quelli tra loro che furono obbligati al lavoro coatto spesso sabotarono: insomma non fu nemmeno solo resistenza passiva. Si è trattato di più di 700.000 militari italiani catturati su tutti i fronti e provenienti da tutte le regioni, rappresentativi dell'intera popolazione nazionale. La Resistenza si svolse al nord, ma non fu una cosa settentrionale: anche tra quelli che andarono in montagna i meridionali non furono pochi: tra i militari che erano stanziati al nord vi erano meridionali che non obbedirono a Graziani, ma andarono in montagna: ad esempio i comandanti militari della Repubblica partigiana dell'Ossola erano i fratelli Di Dio, ufficiali di carriera nati ad Avellino e morti in battaglia contro i repubblichini per la libertà di noi tutti e tutte. Così come ci furono le quattro giornate di Napoli e gli scontri a porta San Paolo oltre gli altri episodi resistenziali a Roma, così vi furono scontri in Abruzzo ecc. Insomma se completiamo il quadro della Resistenza ripariamo a una parzialità della storiografia resistenziale e rispondiamo alle provocazioni negazioniste in corso: mi sembra una cosa giusta...

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

  Alessandra Borsetti Venier. La storia degli IMI - Internati Militari Italiani (prima parte)
  Claudio Sommaruga. Memoria degli I.M.I.: DVD tedesco sugli “Schiavi di Hitler”
  Lidia Menapace. 25 aprile e dintorni
  Pierluigi Zenoni. Valtellinesi Schiavi di Hitler
  Alessandra Borsetti Venier. La storia degli IMI - Internati Militari Italiani (terza parte)
  Lidia Menapace. Quando un nonno ex Imi viene intervistato dalla nipotina
  Alessandra Borsetti Venier. La Resistenza nei lager degli I.M.I. nei disegni di Natale Borsetti
  “Schiavi di Hitler”, “Facciamo breccia”, crescita di una posizione laica… Un fine settimana vorticoso, ma di interessanti riflessioni
  Lidia Menapace. Tra Salò e Resistenza nessuna pacificazione
  Alessandra Borsetti Venier. La storia degli IMI - Internati Militari Italiani (seconda parte)
  Alessandra Borsetti Venier. La storia degli IMI - Internati Militari Italiani (quarta parte)
  “Voci, volti e memorie. Testimoni del Comasco fra il 1943 e il dopoguerra”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy