Giovedì , 09 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Rimeditazioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L'incontro semiclandestino Fallaci-Benedetto XVI 
E di santuari, mercato e indulgenze
Oriana Fallaci, dal retrocopertina di
Oriana Fallaci, dal retrocopertina di 'Insciallah', Rizzoli, 1990 
01 Maggio 2006
 


Contrariamente a quanto forse taluni pensano un po’ semplicisticamente, delle idee del sottoscritto, ho visto con favore la comparsa, o ricomparsa, delle bancarelle sulla nostra piazza. Fatte salve, o fatte rispettare, le debite distinzioni, Santuari e mercato sono sempre andati assieme. Penso con nostalgia alle grandi fiere del passato, quelle che, assieme al Santuario, hanno fatto diventare Madonna quel crocevia che è stato. Ho accennato prima alle giuste distinzioni da rispettare o da restituire se sono venute a mancare. L’importante, cioè, è tener libero, o liberare, se ce ne fosse bisogno, il Santuario da ogni forma di mercato. Il mercato è per natura sua, sottilmente o grossolanamente, invasivo. Ma qui il discorso si allargherebbe a tutta la società attuale e non mancheranno occasioni per tornarci sopra, più e più volte: i limiti del mercato, detto più brutalmente, i limiti della riduzione a merce di ogni aspetto della vita. Persona umana compresa. Il proletariato storico è passato di moda ma la proletarizzazione globale incombe.

* * *

Senza andare tanto lontano, io mi pongo tra quelli che hanno visto con una certa sorpresa il richiamo per bocca del regnante pontefice alle indulgenze. Un ostacolo sulla strada dell’incontro ecumenico, soprattutto se si pensa a cosa ha rappresentato nella storia delle divisioni che hanno lacerato il corpo della Chiesa (e anche, se vogliamo, l’anima) il tema delle indulgenze. Per essere più precisi, il mercato, eccolo di nuovo, legato alle indulgenze. Capisco, con discorsi di questo genere, di incappare nell’ignoranza dei più, su tematiche del genere.

La storia della Chiesa dovrebbe costituire materia d’obbligo nelle scuole pubbliche, ma qui si aprirebbe un discorso, tutto un altro discorso, da mettere in serbo per l’avvenire.

A proposito di ostacoli. È bene che non siano sottaciuti o diplomaticamente rimossi. Per essere superati devono essere ben visibili. Abbiamo scoperto con il Concilio che il tema ecumenico è parte essenziale e integrante del modo di essere Chiesa (ne siamo ancora lontani). Su questo non dev’essere tollerato alcun passo – e neanche mezzo passo – indietro. Il resto seguirà.

* * *

Non si sa niente su come è nato e su come si è svolto l’incontro quasi clandestino di Oriana Fallaci con Benedetto decimo sesto. I giornalisti, al momento in cui scrivo, vagolano nel buio, il che li pone nella condizione pericolosa di abbandonarsi alle fantasie, a cui del resto sono abbondantemente proclivi, tanto che nasce un interrogativo: come difendersi dalla disinformazione? Tra l’altro non si può escludere che Oriana sia andata dal Papa per ragioni del tutto private. A una come lei non può bastare un semplice prete: ci vuole almeno un Papa. È stata certamente una grande giornalista e ha condotto in tempi diversi dagli attuali delle buone battaglie, battaglie laiche. Con un grosso e insopportabile handicap: al centro di tutto, qualsivoglia fosse l’argomento, c’era lei stessa.

Rivedo nella memoria la volta in cui si trascinò in gramaglie dall’amico Davide Maria Turoldo nel suo eremo di Fontanelle di Sotto il Monte. Perché in gramaglie, perché in lutto (che, tra l’altro le donava)? Per il fallimento del suo ultimo libro, Insciallah. Andava a supplicare un suo intervento. Davide che non sapeva dire di no a una donna implorante, glielo promise e ne uscì una pagina intera, un po’ faticata, sul Corriere della Sera.

* * *

Un fitto parlare su i media di incontro o scontro con l’Islam. Ma, salvo rari esempi, su tutto domina una notevole ignoranza. Il grande e tutt’altro che accomodante islamista Francesco Gabrieli (della cui amicizia ho potuto godere) non ha avuto un grande seguito. A parte l’ignoranza deprecabile, ma comprensibile a livello di ceti popolari e medi, quella che non è tollerabile è l’ignoranza a livello di ceti intellettuali o politici. Urge un lavoro di alfabetizzazione culturale, a cominciare dai più direttamente interessati e coinvolti: i preti e i frati. Non si può più vivere di rendita sul tranquillo tran-tran parrocchiale o conventuale, cominciando dallo stare in guardia nei confronti dei plausi di certi neo o theo con. Parlo di questi temi con una certa cognizione di causa, essendomi occorso anni fa di lavorare alla traduzione dal francese, per la Mondadori, di un libro su Maometto. Fu occasione per me di affrontare la lettura del Corano e di altra letteratura contigua.

* * *

Non posso licenziare queste note senza un pensiero all’amico scomparso padre Egidio Maria Merlo. Sui molteplici aspetti della sua personalità religiosa e umana ci sarebbe molto da raccontare. Qui, e per ora, mi limito ad esprimere la mia riconoscenza di valtellinese per la diuturna opera, svolta lungo un succedersi di generazioni, a favore dei tanti giovani che affluivano all’Istituto Madonna di Tirano (già Casa del Fanciullo) dalla Valtellina e dalla Valchiavenna.


Camillo de Piaz

(da Tirano & dintorni, ottobre 2005)


Articoli correlati

  Benedetto XVI ad Auschwitz: più inquietante quello che non ha detto
  La diversità di un papa dall’altro, il federalismo che unisce, le letture… ascoltate e l’entusiasmo per il rilancio del progetto di prosecuzione della ferrovia fino a Bormio
  La portata del fiume di Nocera e la, purché “sana”, laicità
  Valter Vecellio. Gesti, “argomenti”. Da Francesco a…
  Ratzinger in Turchia
  Rosario Amico Roxas: Il cattolicesimo di Ratzinger (parte 2ª)
  Quando le grandi religioni finiranno di appropriarsi di Dio?
  Rosario Amico Roxas: Il cattolicesimo di Ratzinger (parte 3ª ed ultima)
  Omar Santana. Attentato al Papa o incontro con il diavolo?
  Roberto Malini. Papa Benedetto XVI promuove odio nei confronti della comunità gay
  Rosario Amico Roxas: Il cattolicesimo di Ratzinger (parte 1ª)
  Il grande domenicano Clerissac e il cittadino d'elezione milanese Henry Beyle
  Lidia Menapace. Zero in condotta
  Valter Vecellio. Scomuniche & anatemi
  L'anatema di Benedetto XVI contro i Pacs e le contraddizioni del legislatore
  Depressione post partum o disperazione da ignoranza e abbandono?
  Fondamentale nel rapporto pastorale conoscere ed essere conosciuti
  Raffaele Garofalo. Un Papa senza speranza
  Renato Pierri. L'influenza della Chiesa
  Domenica/ Matteo Moca. La seconda di Harper Lee, e altre (buone) novelle
  Claudia Osmetti. Se la mitologia leghista si appropria di Oriana Fallaci
  Marisa Cecchetti. Cercami dov’è il dolore: meritato omaggio a Oriana Fallaci
  In scena “Oriana” di Riccardo Nencini
  Riccardo Nencini: Oriana Fallaci. Morirò in piedi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy