Mercoledì , 21 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. La Dc al potere
30 Gennaio 2015
   

Non so se sia chiaro quel che sta avvenendo in Italia: se domani sarà eletto presidente della Repubblica Mattarella, la Dc torna o va -rinnovata- al potere, diventando il partito nazionale che gestisce tutto. Così la semplificazione del sistema politico italiano fa un balzo avanti e le elucubrazioni sottili bizantine intelligentissime per spiegare una situazione che non potrebbe essere più chiara, fanno ancor più da cortina fumogena.

Con la solita decisione spregiudicatezza e abilità Renzi ha gestito una operazione che riunifica il suo partito, occupando con la Dc tutto lo spazio della smunta “sinistra fantasma”, detta Pd, acquisendo la devozione delle sue correnti di sinistra interna e sbarcando Berlusconi persino con crudeltà: bel colpo! tutti si allineano a partire da Sel.

Vorrei fare un ragionamento sulla nuova fase che si apre, e come sapete sono solita partire troppo da lontano e trovando spiegazioni bizzarre e strane, magari nel “monoteismo” o nel non rispetto della “complessità”. So di avere questo difetto, ma non sono capace di ragionare in altro modo, vi prego di scusarmi e di avere pazienza, che in fin dei conti è una virtù rivoluzionaria, diceva il Che.

I cattolici, cioè i democristiani hanno dimostrato di saper reggere al tempo meglio dei comunisti, nel nostro paese: peccato perché era il paese europeo che aveva il partito comunista più grande del continente, benché fosse stato assegnato nella divisione delle aree di influenza dopo la seconda guerra mondiale, alla parte egemonizzata dagli Usa.

Avevo avviato molti anni fa una riflessione sul rapporto tra teoria politica e senso del tempo, e mi ero convinta che una esperienza religiosa (meglio: di fede) era spesso base di una resistenza al tempo maggiore di quella che caratterizza chi non ha avuto o non ha questa dimensione. Non sto ora a raccontare tutti i passaggi, forse ne scriverò più avanti.

Fatto sta che, avviata la discussione sulla candidatura per il Quirinale, tra i vari commentatori che ho sentito nella maratona della 7, solo Travaglio con la solita appassionata e lucida intelligenza giacobina che lo caratterizza ha sottolineato ciò, e tra i politici solo uno stranito leghista brandiva una copia del manifesto, vistosamente intitolata a piena pagina: “Non moriremo democristiani” del giorno in cui la Dc si sciolse. E allora che cosa è questa storia, se non la smentita, e l'annuncio che forse moriremo democristiani? Con una dc rinnovata, un po' più laica, dato che la provvidenza o lo spirito santo ha fornito Papa Francesco che preferisce non occuparsi delle questioni italiane e lascia un po' più le briglie sul collo al popolo cattolico italiano.

Affronterò nel pezzo che scriverò dopo l'elezione del successore di Napolitano l'altra questione, quella della complessità.

Perché per continuare a lavorare contro il capitalismo e la sua crisi, bisogna ripartire quasi da capo.

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.8%
NO
 26.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy