Martedì , 19 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L. Canova. Diario albanese – 7. In quella città
15 Agosto 2007
 

lunedì, 13 agosto 2007

Caric-amici

 

Arrivati in quella città, la confusione ti trascinava dentro, come la polvere ammucchiata, in fretta in fretta, dalla paletta spazientita sul pavimento. Traffico, smog, palazzi come funghi matti che crescono un po’ ovunque: la sensazione piacevole di un caldo disordine umano.

Mentre passeggiavi sotto il Sole afoso, tra i cassonetti arrugginiti ai bordi delle strade, la corrente saltava.

Senza preavviso.

Allora vedevi i piccoli omini, gestori degli alimentari, smaomettare contro qualunque Dio e contro il governo, finalmente uniti nella bestemmia ecumenica; intere legioni di formaggi battevano in ritirata per l’improvvisa defezione della fanteria frigorifera; le vecchine che vendevano zucche, sul marciapiede, continuavano invece come se nulla fosse.

Solo un ventaglio ritmava ora la solita indifferenza, quasi che il black out avesse reso il Sole più cocente.

 

Eppure quella città era magica perché non solo gli oggetti funzionavano con l’elettricità: anche le persone, infatti, sembravano alimentate a batteria.

Così, se stavi ordinando un caffé al bar e toglievano la corrente, il cameriere si fermava nell’atto di porgerti la tazzina, e tornava diligente dietro il bancone, a braccia conserte in modalità stand-by, in attesa di nuove energie.

Capitava, ancora, che l’innamorato in procinto di ricevere una risposta dalla sua bella, si trovasse improvvisamente di fronte alle labbra di lei, bloccate, semichiuse, non si sa se sul punto di negarsi o di concedere un bacio liberatore.

Per la città vedevi poi omini per aria, incapaci di controllare il proprio volo scomposto; o signori distinti che si coprivano la testa con una cuffia fotovoltaica, prima di procedere a singhiozzo per effetto di nuvole passeggere che rallentavano il loro cammino.

I primi passi degli uomini solari o eolici ridavano insomma speranza per un futuro dell’umanità finalmente rinnovabile.

C’era chi fingeva normalità, nella città ad energia intermittente: quando arrivava il black out, si mettevano uno zaino e, ronzando fastidiosamente per le strade, predicavano la funzione rigeneratrice dei generatori.

E ancora, l’impiegato sul punto di essere rimbrottato dal capo, sfruttava la sua batteria al litio per stracciare la lettera che il datore di lavoro, bloccato in una perfetta stasi di licenziamento, impugnava tra le mani.

Nelle poche chiese, trovavi infine qualche signora, vestita a lutto, inginocchiata mentre pregava e forse pensava tra sé: l’energia a progetto è un viatico sicuro per una salvezza a tempo indeterminato?

E chi lo sa: affacciato sul balcone, coi gomiti sempre appoggiati ai suoi sogni, il poeta non sembrava scalfito in preda ad un’inerziale malinconia marmorea.

Così, arrivato in quella città, cominciavi a comprendere che ne venivi travolto e conquistato, rapito nella musica diversa di un mondo all’incontrario, felice di bloccarti, qualunque cosa tu stessi facendo, nella sospensione di un sogno che hai appena iniz…

 

Luciano Canova

 

P.S. Il balkan blog va in leggera pausa. Spero di riuscire a postare nei prossimi giorni, baci abbracci buon ferragosto.


Articoli correlati

  Roberto Bonzi. Uscire dalla gabbia della solitudine, per un’economia della felicità
  NNI 19. Luciano Canova
  L. Canova. Diario albanese – 9. Babele maliziosa...
  L. Canova. Diario albanese – 5. Interpretazione Simbolica del Capitale
  L. Canova. Diario albanese – 3. Ballata, YinYang, armadiRom... 'Thka problema!'
  Sondrio Veg. “L'autore è reale” al Ri-Circolo di Morbegno
  Luciano Canova. Inizia la Battaglia Navale
  Luciano Canova. Diario albanese – 1. La questione balcanica, bar, trasporti pubblici
  Luciano Canova
  L. Canova. Diario albanese – 11. Folliria, una ‘città invisibile’
  L. Canova. Diario albanese – 2. Democrazia (compiuta), relatività (assoluta). Nomi. Mirempershe
  L. Canova. Diario albanese – 10. Hole is a hole is a hole is a hole...
  L. Canova. Diario albanese – 6. Parentesi dantesca. Prima di Globalizzazione e Strategie di sviluppo
  Congresso PD. Vittorio Angiolini a Morbegno, sabato 3 ottobre
  Cassani, Di Scalzo, Canova: Letterature d’oggidì. Sabato 13 a Morbegno
  Una serata da favola. “OSPITO” 7. Venerdì 6 a Morbegno
  L. Canova. Diario albanese – 8. Il ponte della discordia
  Della Battaglia navale di Luciano Canova e Inge Padovani
  L. Canova. Diario albanese – 4. Porta Ludovica, Black out, Fran...
  Prende il largo... il Diario albanese di Luciano Canova
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy