Domenica , 31 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Enea Sansi. Ciao, Giulio
03 Ottobre 2009
 

La sua vita certamente è stata politica. Intrisa, di politica, stavamo per dire. Dalla resistenza al nazifascismo fino all'inizio del nuovo secolo, un'ininterrota teoria di impegno, di “militanza” (parola antica, ma quanto propria!), d'incondizionato amore per la ricerca della verità. Eppure, se abbiamo in mente la carriera (politica) o l'apparato (di partito), Giulio Spini ne è stato un perfetto estraneo.

Uomo di fede, di profonda e intensa spiritualità, tanto che anche chi –come noi– non ne ha alcun titolo, in piena tranquillità può darne testimonianza. Eppure, l'arrovellato lucido interrogarsi dello studioso e il rigore, ci scappa, “calvinista” della sua indole ce lo rendono, a ben guardare, come un (moderno) religiosissimo eretico.

Nelle istituzioni e nell'amministrazione della res pubblica si è profuso con generosa abnegazione, specie là e quando v'era da costruire o impiantare qualcosa di nuovo. Già leggendari sono linearità e metodi del suo agire, memorabili gli arroventati scontri sulle più adeguate opportune scelte sempre accompagnati dal rispetto (quando non dall'amicizia) degli avversari. Se però pensiamo ai costumi invalsi, o alle perenni occupazioni di cadreghe e cadreghini, abbiamo ben donde di ritenerlo –nuovamente, anche qui– un perfetto estraneo.

La scuola è stata la sua vita. Ma basta l'esempio della prolungata contrapposizione all'allora signor Provveditore agli Studi, ricca di coloriti e sempre istruttivi aneddoti, per dire della completa estraneità del professor Spini all'imbacuccato mondo scolastico dell'epoca.

Nell'informazione e nel giornalismo provinciale, nel quale pure ha tracciato e lascia un indelebile segno, piace a noi ricordare la bella collaborazione data per alcuni anni al nostro giornale.

Ciao, Giulio! Stimatissima mosca bianca. Che, sempre rare, sembrano ahimè (del tutto) scomparse.


Enea Sansi

(da 'l Gazetin, settembre 2009)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy