Giovedì , 22 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Il nostro giardino
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
I magnifici quindici... Donne, vergini, monache nella Valtellina del Sei-Settecento 
Il Monastero della Presentazione di Elisa Gusmeroli
Labos Editrice, Morbegno 2003, Euro 15,50
Labos Editrice, Morbegno 2003, Euro 15,50 
27 Gennaio 2007
 

Toccherà comunque a una giovane studiosa, Elisa Gusmeroli (anche lei come Rita Pezzola nutrita nel severo e fecondo allevamento culturale di don Saverio Xeres), il compito di far conoscere al vasto pubblico la storia nuova e avvincente di questo monastero femminile. È lei che decide di approfondire l’argomento costruendo una bella tesi per laurearsi in Lettere all’Università degli studi di Milano, sotto la guida di Claudia di Filippo Bareggi. Un lavoro che capita proprio a pennello per inaugurare nel 2000 una serie di conferenze, organizzate dalla Biblioteca Ezio Vanoni di Morbegno, dedicate alla cultura locale e raccolte sotto il titolo “Le pagine della nostra storia”. Infatti, quando, alle cinque della sera di sabato 18 novembre 2000, ha luogo la prima conferenza di storia locale, Elisa si sobbarca il compito di inaugurare quella serie di incontri che proseguono ancor oggi. La presenta Saverio Xeres, il direttore dell’Archivio storico della diocesi di Como, grande studioso e docente di storia della chiesa. La cronaca riferisce di un pubblico numeroso e attento, curioso di conoscere qualcosa di più sulla vicenda del monastero di Morbegno. Passano, comunque, ancora due anni prima della comparsa di un volume che permette a tutti di scandagliare le opere e i giorni del Monastero della Presentazione a Morbegno. E sono ben cinque gli anni trascorsi da quando Elisa Gusmeroli ha presentato la sua tesi, nell’anno accademico 1997/1998. Cinque anni per trasformare il proprio lavoro di laurea in un libro potrebbero sembrare troppi. Invece, rappresentano un periodo adeguato per la “costruzione” di un libro di ricerca storica. La fretta e l’ansia di “vedersi stampati”, in questi casi, provocano quasi sempre risultati deludenti.

Dopo averlo letto ben due volte (la seconda per poter scrivere questo articoletto), conservo la convinzione che assai raramente ho affrontato un testo di storia locale scritto in modo così brillante. Elisa Gusmeroli dà una risposta a tutte le domande che uno si pone quando affronta la storia di un monastero. Come mai nasce un monastero femminile a Morbegno? Chi lo promuove? Come vivono le monache le loro giornate? E, infine, perché viene chiuso? …

* * *

Ma adesso parliamo del libro. Una sintetica e necessaria storia dei Grigioni segna l’inizio della narrazione. Poi ci si addentra nello scenario della storia della chiesa. In particolare vengono descritti i rapporti complessi tra gerarchie, sacerdoti, movimenti religiosi, il popolo dei fedeli, rapporti che Elisa illustra in modo magistrale. Uno dei periodi più complessi della nostra storia è quello delle due Riforme, quella luterana e quella tridentina. Eppure Elisa Gusmeroli, con alcune pennellate, ce ne offre un quadro chiaro. E potrebbero bastare alcuni brani per farci comprendere la grande capacità di sintesi, di cui la giovane studiosa offre in tutto il suo lavoro un’ampia prova. «Due importanti centri come Chiavenna e Teglio divennero sede di influenti comunità protestanti, tuttavia, nel complesso, le idee riformate si diffusero in gruppi assai ristretti, anche se disseminati sul territorio… Il ceto nobiliare, la cui ricchezza era basata soprattutto sulla proprietà terriera, aderì modestamente alla Riforma: preoccupato soprattutto di difendere le sue prerogative economiche ed ottenere un’affermazione politica, fece fronte comune con la Chiesa cattolica contro la dominazione grigiona, spinto quindi più da motivazioni materiali che spirituali. Il ceto popolare rimase invece tradizionalmente legato alle convinzioni cattoliche proprio in virtù di quella spiritualità, di quelle consuetudini, di quel modus vivendi che, ormai radicatosi nel territorio, aveva permeato di sé tutti gli aspetti della vita quotidiana… Fu soprattutto il nuovo ceto emergente, formato da mercanti, notai, giureconsulti, che aderì alla Riforma e appoggiò il governo grigione: si trattava di quella piccola nobiltà che aveva come fonte di reddito l’accesso alle classi subalterne dell’amministrazione locale (luogotenenti, notai, periti) oppure mercanti che traevano profitto dai commerci o dalla concessione di prestiti. … Di riforma il clero locale necessitava con estrema urgenza… Spesso i parroci locali associavano all’ignoranza culturale quella liturgica, derivandone un’assoluta incapacità di predicare, almeno come d’obbligo, la domenica».

Un altro aspetto che balza evidente è una grande capacità di divulgazione. Un sostantivo, quest’ultimo, che significa diffusione tra il popolo, uno stile che rivela desiderio di far conoscere a tutti quanto di solito viene riservato a pochi eletti. Poter leggere la storia scritta in questo modo diventa, tra l’altro, un vero piacere. Un grande, e insuperato, maestro nella divulgazione della storia della Valtellina è stato senza dubbio Bruno Credaro. Un profondo studioso, di matrice ghisleriana, che negli anni Cinquanta (quando un libro di storia veniva considerato degno soltanto se era scritto con un linguaggio accademico, meglio se un poco oscuro) ebbe l’ardire di pubblicare una serie di volumi (Morbegno, Chiavenna, Sondrio, Bormio, Tirano …) di indiscusso valore scientifico, scritti in un linguaggio limpido e affascinante. Il Credaro sa rinunciare ad esprimersi dalla cattedra – o comunque da un piedistallo – per divulgare la storia. Per riscoprire la sua prosa d’arte basta spalancare un suo libro a una pagina qualunque. Ad esempio, aprendo Morbegno – pubblicato nella collana della Banca Piccolo credito valtellinese – a pagina 103 possiamo leggere «… Solo i valtellinesi più anziani ricordano come, ancora sul finire del secolo scorso [l’Ottocento, ndr], fossero frequenti nelle nostre selve le alte piante di noce che con i grossi tronchi biancheggianti portavano una nota chiara nei toni verde scuri dei castagneti; talora erano perfino più abbondanti degli stessi castagni. Allora il frutto non serviva molto per usi commestibili; solo per S. Antonio si preparava la copeta, il tipico dolce di miele cotto con noci tritate e steso poi tra due fogli di ostie. La maggior parte delle noci veniva torchiata e se ne cavava un olio che era quasi l’unico mezzo di illuminazione, versato a piccole dosi nella lüm a imberne il lucignolo. Ora la lüm dei nostri nonni se ne sta appesa nei salotti delle signore come una specie di curiosità storica; se ne sta spenta dopo aver portato la sua luce tranquilla nelle cantine, nelle stalle, nei solai, protetta la fiammella da una mano contro la brezza improvvisa. E insieme con la lüm sono spariti quasi del tutto anche i noci, insidiati dai mobilieri brianzoli che li comperavano a buon prezzo e fatti inutili dal sopravvenire delle candele steariche prima e poi della luce elettrica». Un’onda fresca di aggettivi appropriati (i grossi tronchi biancheggianti, la luce tranquilla…), la capacità di ricreare un grande affresco del tempo che fu. E la conoscenza della storia avviene con piacere. Leggendo il libro sul monastero della presentazione ho subito pensato che Bruno Credaro avesse trovato in Elisa Gusmeroli una brillante allieva, una degna discendente. Ben al di là delle considerazioni stilistiche personali, me ne ha dato conferma Saverio Xeres, il quale nella prefazione, dopo aver affermato che, con questo libro, Elisa Gusmeroli svolge il proprio lavoro egregiamente … rigorosa nel ricorrere alla documentazione e sanamente spregiudicata nell’analizzarla aggiunge un’ulteriore pennellata sostenendo che una simile capacità di leggere le realtà locali, se non è usuale, nella storiografia valtellinese, neppure è casuale

* * *

Il volume si snoda suddiviso in due grandi parti. La prima, come ho già accennato sopra, delinea una bella cornice storica. È la seconda parte, però, che rappresenta il corpus dello studio: origini e vita del monastero. Bisogna quindi arrivare a pagina 53 per trovare l’inizio della grande avventura di Margherita Fontana, una pia giovane di Bema. Un’avventura che porterà alla nascita del monastero. Ma non voglio continuare ad annoiare i miei due lettori con una descrizione troppo minuziosa del volume. Basti dire che questo è uno straordinario libro di storia, da centellinare pagina dopo pagina. Sarà proprio questa lettura che ci permetterà di ammirare il talento narrativo (oltre alla dote di storica) di Elisa Gusmeroli. Ecco, quindi, soltanto alcune indicazioni utili al più per stuzzicare la curiosità. Tra le pagine troviamo, ad esempio, gli elenchi delle monache. Da questi veniamo a scoprire che il Monastero ospitava i grossi nomi della nobiltà locale (Paravicini e Castelli Sannazzaro per tutti). Scopriamo inoltre cosa potevano leggere, a quali sorgenti attingevano per la loro formazione culturale e religiosa. Cosa leggevano? Il monastero era arrivato a possedere una biblioteca con 879 volumi. Non male per l’epoca e per la situazione. Scandagliandone l’elenco dettagliato in una «notta delli libri del monastero» non incontriamo nessuna sorpresa. Certo, si tratta di libri tutti a carattere religioso (dall’Arte d’amar Dio alla Dottrina christiana del cardinale Bellarmino, dall’ Imitatione di Cristo alla Vita del beato Luigi Gonzaga), e che testimoniano in ogni caso «la profonda penetrazione della riforma post-tridentina» (p. 137). Va ricordato, inoltre, che la biblioteca del monastero non aveva altro scopo che quello di aiutare il dialogo solitario della monaca con Dio (p. 135-136). Per di più, accanto ai libri, figuravano tra gli arredi collocati in ogni stanza «quadri grandi, mezzani o piccoli». Anche questi, tutti, naturalmente, di soggetto religioso. Il pensiero corre subito alle celle affrescate dal Beato Angelico nel Convento di San Marco a Firenze. Sono immagini che ora noi osserviamo, pieni di ammirazione per la loro bellezza. Invece, il loro compito era quello di stimolare la spiritualità dei religiosi e delle religiose in ogni momento della giornata. Dovevano indurre una monaca a «pie riflessioni», a tenere costantemente fisso il pensiero in Dio. E pagina dopo pagina la vicenda di un piccolo gruppo di donne che, nella prima metà del Seicento, dal villaggio montano di Bema, sopra Morbegno, scendono in quel borgo fervido di commerci e popolato di famiglie illustri colpisce il nostro interesse e ci appassiona. Alla fine della lettura, si prova vivo il desiderio di tornare a fare una visita discreta (siamo in una proprietà privata) a quel luogo che il libro di Elisa Gusmeroli ci ha reso familiare. E pensare che per tanto tempo vi siamo passati accanto quasi quotidianamente senza prestarvi alcuna attenzione. Oggi – dopo tanti anni di trascuratezza e di abbandono – l’intero edificio è stato sottoposto a una grande operazione di restauro. Questo ne ha segnato la rinascita, una rinascita moderna, che ha visto l’antico monastero diventare sede di begli appartamenti e studi professionali. Una nuova vita, un modo per continuare ad esistere nel tempo, ma anche un segno di speranza.

E ora, un piccolo suggerimento. In uno di questi giorni, con la discrezione dovuta al luogo e ai nuovi proprietari, si può penetrarvi lentamente, da via Ninguarda. Osservate le due finestre dall’inferriata poderosa, superato l’alto portale quasi sempre aperto, si procede entrando in un passaggio alto e stretto. Dopo pochi passi noteremo sulla destra un cupo corridoio con volte unghiate. Può bastare questo a ricordarci che qui c’era un monastero. Pochi passi ancora e si esce all’aria aperta. Proprio qui, subito, guardando verso l’alto, si ha lo scorcio più straordinario della facciata della nostra chiesa parrocchiale. Una fuga di linee spezzate, tracciate nel granito, che lascia sbalorditi.

* * *

Nel frattempo Elisa Gusmeroli (che tra l’altro, fa la mamma e l’insegnante) è riuscita ad offrirci altre prove di bravura, che la confermano studiosa di grande valore. Mi piace segnalare, in queste ultime righe, due saggi ben scritti e documentati, apparsi in altrettanti volumi editi dalla Banca di Valle Camonica. Il primo (2005) riguarda le presenze monastiche in Valtellina tra XI e XIII secolo, mentre il secondo (2006) affronta la storia delle antiche pievi della Valtellina e della Valchiavenna. Altre due tappe del percorso iniziale di una studiosa che, come ci aveva già avvertito Saverio Xeres, sa svolgere il proprio lavoro egregiamente, con intuito tutto femminile e una tenacia tutta valtellinese.

 

Renzo Fallati

(7 – segue)


Foto allegate

Elisa Gusmeroli
Una foto del 1952 ritrae, fra gli altri, Bruno Credaro
...Una fuga di linee spezzate, tracciate nel granito, che lascia sbalorditi
Articoli correlati

  I magnifici quindici... 2. “Uno sguardo dal castello di Domofole”
  I magnifici quindici... Le peripezie di una bambina ebrea
  I magnifici quindici... Giulio Spini, storico e maestro di pensiero
  I magnifici quindici... 3. “Il Monastero della Presentazione”
  I magnifici quindici... 1. “Dizionario etimologico dei dialetti della Val Tartano”
  I magnifici quindici... - Sempre guardando dal CASTELLO DI DOMOFOLE
  I magnifici quindici... La nuova Guida di Morbegno
  I magnifici quindici... Lo studio di Piergiuseppe Magoni su Gugliemo Felice Damiani
  I magnifici quindici... 6. Gugliemo Felice Damiani: un letterato del primo Novecento
  I magnifici quindici: come formarsi una biblioteca di cultura locale in quindici volumi
  I magnifici quindici... “Sopravvivenze”. Immagini di Gianpiero Mazzoni, testi di Giulio Spini (1985)
  I magnifici quindici... 5. Al di là del ponte
  I magnifici quindici... 8. Giulio Spini, storico
  I magnifici quindici... 7. Passeggiate a Morbegno: una guida, di Evangelina Laini
  I magnifici quindici... – Ultime battute sul “Dizionario della Val Tartano”
  I magnifici quindici... 4. Sopravvivenze
  Elisa Gusmeroli e Giovanni De Simone. Serata con gli autori, a Traona Venerdì 13 febbraio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy