Domenica , 28 Febbraio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Barbarah Guglielmana. Primo racconto
J.-F. Millet,
J.-F. Millet, 'Angelus' 
12 Novembre 2020
 

Sono giorni di acqua, di quella che senti salire dalle suole, e che ti inumidisce entrambi i pollici delle mani, che pulsa e picchia nelle ossa e che cerchi di asciugare facendo bollire patate, che sono il cibo migliore per quando piove. In questo tempo di acqua il sole è stato dimenticato, se ne fa una imitazione della luce e del calore accendendo candele, lampade piccole non al neon, possibilmente non neon. E si prepara una torta di mele, il cui profumo insieme all’odore dell’incenso contribuisce a scaldare l’ambiente.

In questo tempo segnato da un orologio a forma di luna, vivendo nella pentola delle patate, ho portato ieri una mia amica triste. Il suo raccontarmi borbottava con i tuberi, con del vino ha illuminato gli occhi liberi di annegare. La sua magrezza riesce a muovere ancora l’aria, i vestiti le cadono addosso tenendo la loro linea stirata, il volto disegna intatto lo zigomo e il rossetto sanguina. La collana di finte perle che porta è lunga, ha un doppio giro, ma rimane lunga. Le perle quasi bianche che la formano sono incontabili, perchè lei si muove e riavvolge una parte di collana sull’indice, e così anche se ho iniziato a contare le perle questo mi distrae, mi complica il conto, mi confonde, mi fa sbagliare, sono ottanta, centodieci, novantesei, ogni volta una conta diversa. Così come il racconto della nostra vita, ogni volta il resoconto cambia, si modifica, è un altro.

Alla fine del pranzo, dove ognuna ha mangiato con voracità deglutendo tra una parola e l’altra un boccone di fiato, abbiamo gustato del silenzio. Ed è a quel punto che le patate hanno iniziato a raccontarsi. La storia irlandese con la malattia causata dall’omicete non è stata una stagione, ci dicevano, la carestia è durata anni, le persone morivano, i bambini senza crescere e gli anziani senza riposo. Le patate di Anna Frank coltivate nella cantina non avevano sfamato, urlarono, al contrario ci avevano bruciato. E la polenta con patate che chiamava ‘la tota’ la cugina Nemi era un lusso, quando poteva essere servita nella tavola di otto figli. E di certe miserie le patate sapevano parlare e sapevano tacere, come delle tante violenze domestiche di cui avevano deglutito il boccone amaro. Rimanemmo in un nuovo silenzio, bollire friggere arrostire... La mia amica si tolse infine la sua pelle, con eleganza: sotto i germogli stavano combattendo con i vermi, forse vincendoli, aiutando la digestione di questa vita.

 

Barbarah Guglilemana


Foto allegate

Lettera da
Articoli correlati

  Natural tribute
  Mario Barrai. Mi nascondo dietro il mio fiore
  Oltre le indicazioni
  Barbarah Guglielmana. Materia
  Barbarah Guglielmana. Album d’amore
  Alberto Figliolia. In Aforismana con Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Era un legno a fucile disteso a terra...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. I cachi rimasti brillavano anche ieri...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Le unghie basse...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Eri tornato dalla tua guerra...
  Lo spettacolo deve continuare
  In libreria/ Marcella Barbieri. Luce del faro
  Ilaria Francesca Martino. C'è chi scende e c'è chi sale
  Barbarah Guglielmana. Siamo uomini o cartoons?
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Erano candele caramellate...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Ho dormito fino a tardi...
  Barbarah Guglielmana. Il piccolo longobardo
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Stavo cercando un ventre dove rientrare...
  Barbarah Guglielmana. Il taglio della sanità: Non ci sono più lenzuola
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Adoro il potere delle parole...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Spropositato essere...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Un cappotto sotto pelle non scalda...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Ci vorrebbero le suore...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy