Mercoledì , 06 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Mauro Raimondi. Siamo tutti milanesi 
Una serata dedicata alla migrazione al CIA Manzoni
28 Marzo 2021
 

La comunità musulmana a Milano, lo Ius Soli, la migrazione italiana all’estero, degli itinerari interculturali nei quartieri cittadini…

Serata molto intensa, quella che il 25 marzo si è tenuta - ovviamente a distanza - al CIA “A. Manzoni” del Comune di Milano in occasione dell’iniziativa “Siamo tutti Milanesi. Da migranti a cittadini”.

Ad aprire l’incontro, dopo i saluti della dott.ssa Giulia Tosoni, Preside della scuola, è stata Laura Galimberti, Assessora all’Educazione e Istruzione del Comune di Milano, che ha sottolineato la ricchezza multiculturale di una città dove è possibile “fare il giro del mondo”. Un’idea ribadita da Nicola Mogno della web radio Shareradio, molto attiva sul territorio milanese, che dà voce ad associazioni e scuole tra cui il CIA Manzoni, che ogni giovedì gestisce una trasmissione curata direttamente da studenti e insegnanti.

Milano è di chi la fa e di chi ci vive…”: così ha cominciato il suo intervento Sumaya Abdel Qader, consigliera comunale di Milano. Intervistata da Lamya e Mahmoud, due alunni del CIA, Abdel Qader ha parlato del suo primo libro, Porto il velo, adoro i Queen, in cui narra con ironia della sua situazione di ragazza nata a Perugia ma di fede islamica. Ha poi analizzato la situazione della comunità musulmana in Italia, migliore rispetto a quella di altri paesi (come la Francia) in quanto il nostro Paese non ha imposto un modello di integrazione. Ciononostante, la consigliera comunale ha ricordato le aggressioni (poco conosciute) a musulmani e moschee, oltre a quelle nei suoi confronti durante la campagna elettorale del 2016, così gravi che si sta per celebrare un processo.

Lo Ius soli è un principio di civiltà giuridica e deve essere applicato in Italia in sostituzione del Ius sanguinis. Stefania Skonieczny, insegnante del CIA (e avvocato), con questa affermazione ha iniziato il suo intervento condotto insieme allo studente Arkadiusz, entrambi di origine polacche. “Sono la straniera nascosta”, ha detto sorridendo la professoressa, in quanto parlando perfettamente l’italiano a volte le persone si concedono commenti sui cittadini non italiani che altrimenti non farebbero.

L’uccisione degli italiani ad Aigues Mortes nel 1893, le tragedie minerarie di Monongah (nel 1907, in Virginia Occidentale) e di Marcinelle in Belgio sono state al centro dell’intervento del professor Luigi Cadelli, nato in Lussemburgo da una famiglia friulana, che ha illustrato il tema della migrazione italiana all’estero. Nell’excursus storico, oltre agli stereotipi (ladri, inclini alla rissa e all’uso del coltello…), agli insulti (dago) e alla tante Little Italy sparse per il mondo (pure a Dudelange, dove il docente è cresciuto), non sono mancate le storie di alcuni italiani all’estero, come quelle di Sacco e Vanzetti, Francesca Saverio Cabrini (prima cittadina statunitense a essere proclamata santa) o Rodolfo Valentino.

Emma Herrada e Dayana Miranda Contreras, guide di Migrantour, un progetto di Acra (iniziativa europea di turismo responsabile a km 0 che offre passeggiate multietniche in 17 città del continente), hanno poi illustrato due (dei tre) itinerari organizzati a Milano, quelli di Porta Venezia e di via Padova. Nel primo, la visita al Bazar di via Panfilo Castaldi offre un insieme di atmosfere e profumi che permette ai non italiani di sentirsi a casa e ai milanesi di assaporare mondi diversi. Il secondo, invece, si conclude in un magazzino che è stato trasformato in una moschea molto frequentata dalla comunità islamica della zona: nel 2018 ha anche ospitato gli allievi della scuola per un incontro.

La serata si è chiusa con una lettera scritta da uno studente del CIA che ha raggiunto l’Italia partendo dal Niger, attraversando il deserto, la Libia (dove è stato arrestato senza motivo) e il Mar Mediterraneo. Molto toccante nel suo realismo, ha rappresentato il degno finale di un incontro che vi invitiamo ad andare a vedere sul canale YouTube del CIA Manzoni.

 

Mauro Raimondi


Articoli correlati

  “Si occupi al più presto del diritto di cittadinanza ripristinando la legalità e abolendo discriminazioni”
  Carlo Forin. Che cosa è urgente per l’Europa?
  Il mio viaggio dalla Nigeria fino all’Italia
  Vincenzo Donvito. Immigrati italiani in Italia. ‘Ius’ qui o là…
  Carlo Forin. Cives europei estote
  YES WE CAN! Il CIA si racconta
  Igiaba Scego. Diritti. Dodici anni dopo
  Francesco Cecchini. Ricordare Ken Saro-Wiwa
  Moonisa. ‘Legge’ contaminata da tirannia e violenza, in Nigeria
  Nicoletta Varani. Elezioni in Nigeria. Considerazioni Geopolitiche
  Moonisa. Il nessun dorma nigeriano
  Moonisa: E…, in Nigeria, è caccia alle streghe
  Asmae Dachan. Ucciso il nigeriano Emmanuel Chidi Nnamdi, testimone di misericordia
  Moonisa: La Nigeria, di nuovo, si copre di morti
  “Sacra violenza: terrorismo, guerra, religione, dialogo e libertà”
  Linda Pasta, Leonardo Antonio Mesa Suero. Tutti pazzi per Favour!
  Lydia Polgreen. In Nigeria si cambia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy