Mercoledì , 17 Gennaio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Bernardo Gabriele Ferrari. Un viaggio dell'anima 
In bici a Santiago (900 km) con Elena Ricci Soltoggio
30 Aprile 2015
   

Uno dei pellegrinaggi più sentiti dai fedeli europei è quello che ha come meta SANTIAGO DE COMPOSTELA (“San Giacomo di Campo Stella”) patrono dei pellegrini. Non credo che sia una semplice coincidenza che anche la Parrocchia di Medjugorje sia dedicata a S. Giacomo.

Nell'antichità si riteneva che gli Dei dimorassero sulle montagne più alte e gli alpinisti moderni che cercano le vette vogliono misurarsi con sè stessi e hanno un desiderio inconscio di incontrare Dio.

Tale ricerca però si può fare anche in senso orizzontale con un lungo viaggio perché il sudore e la fatica è una sorta di purificazione dei propri peccati.

Sathya Sai Baba, la cui biografia a pochi anni dalla morte è costituita da 28 volumi, diceva: “Migliaia sono le vie che portano al divino, la malattia come la morte, le difficoltà economiche come la ricerca pura”.

Ho di fronte a me Elena Ricci Soltoggio, conosciuta da tutti come Consigliere comunale della città Abduana e per la sua attività commerciale “Crazy idea”.

È appena tornata da Santiago stanca ma felice e mi appare come una ragazza liceale (la vita comincia a 40 anni) con folti capelli ricci e neri, un sorriso radioso e occhi verdi che riflettono ancora l'erba dei prati spagnoli. L'ho seguita nel suo viaggio attraverso alcune foto postate su Facebook e confesso che per lei ho ammirazione. Non so quanti di voi lettori condividono la mia esperienza femminile, ma quasi tutte prendono l'aereo per andare in luoghi caldi e l'unico viaggio culturale e dell'anima che fanno è quello dall'albergo alla spiaggia, dalla spiaggia al ristorante, dal ristorante alla discoteca.

Come si può non ammirare una che prende l'aereo a Bergamo, con la sua bici bella impacchettata, e scende vicino a Bilbao? Poi raggiunge Pamplona, dove durante la festa di S. Firmino si divertono a farsi incornare fuggendo davanti ai tori come prova di coraggio, e inizia a macinare per 9 giorni consecutivi circa 100 km quotidiani per un totale di 900 km (892 per chi ama la precisione, vedi foto). Con il sole, la pioggia, il vento, la nebbia, perché il clima è impazzito anche in Spagna, su strade sterrate dove succede di forare 3 volte in un giorno.

 

– Elena, mi racconti le tue emozioni? Come ben sai, se condividi con qualcuno il tuo dolore questo si dimezzerà; se condividi la tua gioia questa invece raddoppierà!

Da tempo maturavo dentro di me la voglia di partire. Il cammino mi affascinava. Attraversare la Spagna dai Pirenei sino alla Galizia e poi ancora oltre... sino a Finisterre, ai confini del mare-oceano, fine del mondo, fine della terra allora conosciuta. Con la bella stagione una folla di uomini e donne di tutte o nessuna fede percorrono il sentiero; poi durante il cammino qualcosa cambia dentro. E al ritorno, a casa, il cammino non ti lascia più. Nei quasi 900 km di percorso ho attraversato 4 grandi regioni spagnole: Navarra, Rioja, Castiglia e Leon, infine la Galizia. Ognuna con le sue caratteristiche geografiche e climatiche. Sono passata in molti luoghi che devono al cammino la loro riscoperta, paesini popolati da poche persone, sorridenti e disponibili. Mentre pedalavo pensavo alla fortuna che avevo, alla forza che tappa dopo tappa non mi ha mai abbandonato. La fortuna di essere sana, la fortuna di essere una persona che ama la semplicità.

Ho pensato molto alla mia mamma che da due anni mi ha lasciato, a mio papà... Poi nei miei pensieri avevo Mirco, un mio amico speciale che da 18 anni a causa di un incidente è tetraplegico e avevo un angelo custode Alberto, un bimbo sempre con il sorriso che troppo presto è diventato un angioletto.

Tutti gli anni più di 150.000 pellegrini percorrono il cammino. La mia non è stata una impresa, certo che 900 km in soli 9 giorni sono tanti. Forse un giorno lo rifarò, magari a piedi... Per tornare in quei posti magici che mi hanno riempito il cuore di gioia.

 

Termina qui il racconto del viaggio di Elena. Prossimamente... “Un tiranese senza confini” vi illustrerà il suo viaggio NEL NUOVO MONDO: CUBA, MESSICO, CALIFORNIA con ampio reportage fotografico.

 

il cittadino tiranese

Bernardo Gabriele Ferrari


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 63.2%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 35.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy