Mercoledì , 23 Aprile 2014
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Discorso amoroso
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin: Tutto quello che ci dice "Gallare". Vulva. Dal sumero. Omaggio alla sumerica Paola Senatore.
La sumerica Paola Senatore sfumata
La sumerica Paola Senatore sfumata 
09 Settembre 2007
 

L'arrivo di Paola Senatore su Tellusfolio, come ricorda Gordiano Lupi nei commenti, ha davvero portato una scossa linguistica sismica e interventi che attraversano cinema, poesia, epistolarietà, confessioni, e ora anche l'archeologia delle parole. Ne è autore Carlo Forin, una delle firme del giornale-rivista. E, io che sono digiuno di competenze legate alla origine del linguaggio, posso però testimoniare che mia madre, Nada Pardini in Di Scalzo, residente in quel di Vecchiano fuori Pisa, a volte la udivo uscirsene con questa espressione: “L'hanno gallata” oppure “Si fa gallare”. Io osservavo, imberbe adolescente, il gallo ruotare attorno alle galline nel pollaio e intuivo il mistero dell'eros sulla scia di quell'arcana parola. Chissà se questo lessico è di influsso lucchese o pisano, stando Vecchiano fra le due città. Chiederò a Forin. Intanto qui sotto il suo studio sulla vulva a partire dal sumero. E allora la nostra Paola Senatore è anche, da oggi, molto sumerica per i suoi ammiratori su TELLUSfolio.

 

Claudio Di Scalzo

 

 

TUTTO QUELLO CHE CI DICE “GALLARE”. E OMAGGIO A PAOLA SENATORE

 

Riportiamo a GAL LA dalla memoria storica (ME MUR IA, luogo -IA- di vita-morte -MUR- del ME, il nome che crea e dà nome a tutti i nomi) le origini orientali delle lingue occidentali, partendo da Gallare = fecondare. Attenzione! ‘Serata di gala’ va tenuto ben distinto da ‘serata di galla’, anche se nessuno si scandalizzerà se direte così perché questa parola è perduta.

Proviamo a ripescarne il significato dal fondo della memoria storica.

Gallare = fecondare per lo Zingarelli ’98. Che radice ha questo verbo?

L’ultima riflessione ci ha dato il toponimo biblico Galgala -l’approdo oltre il Giordano- con etimo sumero (E TI MU, casa della vita del nome) GAL GAL A = GAL A TUR: ‘acqua/seme di vita’.

AN GAL è un nome del sovrano degli dèi sumeri,(1) ‘Luce alta del Cielo’. GAL AN è la sua lettura,(2) con un finale fortemente nasale(3) che si può scrivere GAL A.

Galgala è dunque anche un toponimo-teonimo(4) che conferma una cosa ovvia ma ignorata da tutti, cioè che la civiltà sumera ha influenzato le civiltà successive, a partire da quella di Babilonia –succeduta in loco ai Sumeri–, per continuare con l’ebraica, che è stata deportata in Babilonia con una reimmersione nella ‘lingua madre’ sumera che ha trasformato l’ebraico in aramaico: centra un’espressione dove G AL è pari a G AB,(5) Luce alta = Luce del Padre, AB BA e G AL è G AL LA, Luce alta che va oltre.

[Cristianamente notiamo GAB gAL US e che gabalus, è ‘forca’, ‘patibolo’, in fr. gibet: legno della croce].

GAL LA è ‘Luce alta che va oltre’. Dove? A portare la vita. Poiché il Vicino Oriente antico è stato chiamato Civiltà della vita, se noi colleghiamo GAL LA all’italiano gallare possiamo dire di aver riportato a galla le origini perdute della civiltà occidentale (o europea per star con Semerano).(6)

 

Galla < lat. galla è «di origine sconosciuta» (secondo lo Zingarelli ’98) per il dizionario ‘indoeuropeo’.(7)

 

GAL LA è la vulva in sumero

L’apertura davanti ad Israele del Giordano per consentirgli l’approdo alla vita nuova è pari a ‘si sono rotte le acque’, l’espressione indicativa dell’inizio della fertilità del seme nella donna fecondata. Vedremo come sia anche la fine della vita mortale in E’ A NIR RA GAL GAL LA.(8)

GAL LA è anche ‘demone’: per la prima volta troviamo vulva-demone, il circolo della vita-morte (lo zodiaco sumero) in un nome comune: LU GAL,(9) la Luce e NER GAL, assenza di Luce, si incontrano in GAL.

Galla, it. botanico per ‘formazione abnorme che si sviluppa sul fusto’ sembra conservare il risultato di una generazione deviante, chimerica, demoniaca.

GAL A TUR, etimo di Galgala si spiega con KA GAL ‘gate’, porta di fine della vita, dove ‘gate keeper’, il controllore della porta, è Dio, l’Altissimo nella Bibbia, e gli Dei-demoni, BA AL nei popoli esterni ad Israele.(10) GAL A TUR è un secondo giro di vita, finito quello della vita mortale.

Gallare è azionare la galla, la vulva e non solo una gallina. È capitato a questa parola(11) quello che è successo ad AIA, massima dea di Babilonia,(12) diventata l’aia dove razzolano le galline, e a Res (ad Ugarit: ASHERA, RESH in A…A, in mezzo al Cielo), dea della vita madre di Reitia, diventata Res Publica e res, cosa comune. Dalle stelle alle stalle.

L’antico inglese ha gal per ragazza.

Auctor, iniziatore dell’azione di fecondazione, è la divinità, Dio, GAL AN, Luce alta del Cielo. L’uomo è solo l’actor, l’esecutore.

GAB GIR TAB, Antares dello Scorpione, è la ‘sorgente di vita’ –l’archètipo della vita– che si identifica con DAR LUGAL e LUGAL TUDDA,(13) questi specificamente pronubo ad ogni accoppiamento.(14)

AN GAL, sovrano degli dèi sumeri(15) [ANSHARGAL], GAL EM, ‘che sta in alto’ col ME, la parola creatrice [ME GAL è fonte di GAL EM].

Meacula sono le stelle in latino, acula, aghetti del ME che perforano la coperta del cielo. Il meaculum di Antares era visto come un meato, un passaggio.

Il meato passaggio della/alla vita sta in gallare.

KI GAL, che sta sotto a terra, è chi riceve il seme della vita. ERESH KI GAL, la regina degli Inferi, riceve il seme da NER GAL, disceso dai Cieli per lei dopo esser passato per le sette porte, e lo chiama ERRA(16) nell’atto d’amore: TE ERRA, entro in contatto con ERRA, mostra di essere l’etimo di Terra nell’identità religiosa di GAL LA, vulva e demone.

Inoltre ERRA mostra E RR A, ‘casa RESH seme’, ‘casa profumo seme’. La civiltà della Vita ha il profumo del seme anche nel nome del demonio!

ZI SHA GALA è ‘la vita in corpo’. ZA LAG è il biancore del cielo notturno, la G AL ASH IA, ‘luogo dell’Uno d’origine luci alte’.

La gallatura, riconosciuta come ‘fecondazione’ dal dizionario, è un trionfo per la nostra ricerca. GallaTuran possiamo scrivere gallatura, consapevoli della pronuncia nasale finale di gallatura(n) per comprendere Turan, la dea etrusca della vita-morte < AN TUR AN, in A……A, ‘giro del Cielo’, ‘parola nel Cielo’ A NIM A, anima animatrice.(17)

GAL vale dunque ‘esistere’, come ME. La complicazione di lettura sta nel circolo della vita-morte: E A NIR RA GAL GAL LA significa ‘vivo nella casa del pianto’, sono nell’obitorio, morto pronto a vivere Aldilà (nel Nirvana).

 

L’origine sconosciuta di galla porta il dizionario a limitare il significato di ‘gallare’ a ‘fecondare le uova’ giudicando l’animale gallo unico autore di gallare. Se invece estendiamo a GAL LA, come vulva, gallare diventa -rendere attiva la vulva-. Attiva nella Civiltà della Vita vale: procreativa.

Anche gallina (lat. gallina)(18) entra in gioco, col longobardo galina < GAL ANI, ‘regina del Cielo’ che rinvia l’inizio dell’azione al dio del Cielo hurrita Ani.(19)

Anche la galletta come bozzolo origina in GALLA e rinvia l’origine della farfalla al Cielo.

La gallatura, fecondazione, non è più, dunque, solo il successo dell’azione del gallo.

 

GAL LAR ha questi due pregi:

1) L’aggiunta di R, res nell’Antico Vicino Oriente, aziona la GAL LA, perché è l’unica lettera polygamma: si percepisce solo pronunciata plurale (RR);(20)

2) LAR ES sono gli antenati dei Latini, ‘vita che va oltre’.(21)

 

Ricordiamo il nostro ‘galbulo’ come frutto di una conifera, Juniperus che veniva bruciato a Juni , Giunone, come onore alla dea madre, GAL LU UB, legame con l’Altro Mondo. Inoltre LU UB sono i lobi di vita. Il globo, lat. globo, rivela < G LU UB, Luce soggetto Cielo [una Luce affievolita in questo mondo globalizzato].

GAL LU, il nome comune romano di quello che oggi si preferisce chiamare Celta, combatteva nudo per essere pronto ad andare all’altro mondo. GAL LU è il reciproco per sillabe di LU GAL, LUG AL massimo dio dei Celti che mostra lo stesso processo identificativo degli Etruschi: RA SH NA ß> AN SH AR, LUG AL ß> GAL LU.(22)

 

TAR GAL LU è uno dei nomi sumeri di Saturno, -SAG US inizio fine- soggetto che porta la vita e la sua interruzione. Questa via è un percorso religioso orientato all’alto (AL). Il pensiero delle società protostoriche è religioso sempre.

Apollo targelio è la massima divinità divinatrice della classicità. Le esaugurazioni greche e romane, fatte nel nome di Zeus e di Juppiter, non hanno rimosso targelio che conserva TAR GAL LU.

Il Sator, il Seminatore, che depone il suo seme A nell’acqua di vita, è Saturno, Saturnus, la divinità più ricorrente nelle nostre riflessioni.

 

Attraverso questa galleria di teonimi-toponimi-nomi noi riportiamo a galla il pensiero esaugurato: serata di GAL LA è serata d’amore.

 

Carlo Forin

 

(1) AN GAL. Re.: «Signore, sovrano degli dèi, che nei cieli e sulla terra sei unico, Padre Nanna, signore Ansar, sovrano degli dèi, padre Nanna, signore AN GAL [nds], sovrano degli dèi».: 336 della raccolta di Inni sumerici e accadici di Castellino, Utet 1977. Padre Nanna, di solito scritto AN, mostra NAN NA. Signore Ansar invita a scorgere AN SA, senza la erre di filiazione, già scritto ASH AN (rimasto San), ‘Uno d’origine del Cielo’, AN ASH. AN GAL: La pronuncia nasale di A dà AN: GAL GAL AN > Gal gal a.

(2) Secondo la LCSS, lettura circolare della scrittura sumera, re.: n. 9 ad Indice.

(3) Questo è un suggerimento che conservo con una lettera di Semerano.

(4) Ciò è coerente con l’ecologia etica che modella il racconto biblico.

(5) GAB = Antares, GAB GIR TAB, dello Scorpione GIR TAB, giro di raddoppio (della vita-morte).

(6) Giovanni SEMERANO, Le origini della cultura europea, 1984 Olschki, Firenze; Giovanni SEMERANO, Le origini della cultura europea, dizionari, 1994 Olschki, Firenze.

(7) GAL LA da scrivere AL GAL, alta acqua, da intendere ‘acqua in alto’.

(8) Una fine della vita mortale in Eneide, olii per galeam fixo stetti hasta cerebro (XII 537), tr.: l’asta, attraverso l’elmo, ristette nel cervello trafitto, ci mostra la parola galea, ‘elmo in cuoio’. In veneto cuoio è corame, coran. Coran in sumero è KUR AN, tempio del Cielo. Cerebro < KI ERES BUR che collega a Cerere infernale.

(9) LU, soggetto, corrisponde al veneto lu, che sta per l’italiano lui.

(10) Baal Sem è un nome biblico di Dio riscoperto dal movimento religioso moderno del Chassidismo fondato dal rabbino ucraino Israel ben Eliezer (1698-1760) intorno al 1750. Martin Buber (1878-1965) ne dà una versione filosofica contemporanea (La leggenda del Baal-Shem, Milano 1995).

(11) Semerano ci dice che non si sa per quale motivo una parola passi o non passi da una lingua ad un’altra.

(12) Raccolta di Testi sumeri ed accadi di Castellino, Torino, Utet, 1974: 364, 365, 409, 559.

(13) R.H. ALLEN, Star names, their lore and meaning, 1963 Toronto.

(14) Dio della lussuria. Già Luxor, in Egitto, suggerisce LUGH+Horus > Luxus. La radice latina: «propr. Esuberanza di vegetazione” suggerisce un traslato ‘eccessi’; Tac. Hist. 4, 14; festa, lusso, dissipazione, vita molle e lussuriosa, sfarzo, profusione, Sall. Ed a.; anche stravizio, Cic. Verr. 2,3,25, Sall. E plur. In Tac. Ann. 13,20; c) splendore, magnificenza, lusso (in senso buono), Verg. Aen. 1, 637 e altr.; eruditus 1, gusto fine nello spendere». (F. CALONGHI, Dizionario latino-italiano, Torino, ed. Rosenberg & Seller)

(15) «Signore, sovrano degli dèi, che nei cieli e sulla terra sei unico, Padre Nanna, signore Ansar, sovrano degli dèi, padre Nanna, signore AN GAL [nds], sovrano degli dèi».: 336 della raccolta di Inni sumerici e accadici di Castellino, Utet 1977.

(16) In inglese: «The two embraced each other and went passionately to bed. They lay there, queen ERESH KI GAL and ERRA, for the first day and a second day. They lay there, queen ERESH KI GAL and ERRA, for the third day and a fourth day. They lay there, queen ERESH KI GAL and ERRA, for a fifth day and a sixth day. When the seventh day arrived, Nergal […]» dove Nergal riprende il suo nome originario. È il Sole di notte, nero.

(17) Gallura, la regione nord-orientale della Sardegna con capoluogo Sassari, mostra < GAL L(A)URA(N) con UR AN finale nasalizzato in URA.

(18) < GAL IL AN, Alta luce del dio del Cielo EN LIL?.

(19) Qui, a Vittorio Veneto, l’ignoranza di Galla ci ha portato a celebrare la gallina quella che era ‘Galina’ e a dedicare una ‘Piazza della gallina’.

(20) Alfred KALLIR, Segno e disegno, Milano, Spirali/Vel, 1994 : 434.

(21) Anche LA RES, come sostiene Carlo DE SIMONE, I Tirreni a Lemnos, evidenza linguistica e tradizioni storiche, 1996 Olschki, Firenze.

(22) NAM LU GAL LU umanità civile. NAM NIR GAL è ‘autorità’.


Foto allegate

La sumerica Paola Senatore sul divano1
La sumerica Paola Senatore sul divano2
Donna sumerica antenata di Paola Senatore
Articoli correlati

  Laura Gemser e le altre. Novità Cinema da Profondo Rosso
  Eroma di Vecchiano: Canto per l'Eterna Paola Senatore
  The Senator: La vera storia del mio amore per Paola Senatore. Prefazione di Claudio Di Scalzo
  Paola Senatore – Parte 1
  Paola Senatore – Parte 2 e filmografia
  Eroma di Vecchiano: Lettera a The Senator (che dona le copertine) su Paola Senatore
  Eroma di Vecchiano: Poema del tassello d'amore per parole e immagini. Tassello due
  Eroma di Vecchiano: Poesia scema incatenata per Nadia Cassini che incatenò me perlomeno
  Eroma di Vecchiano: Poema del tassello d'amore per parole e immagini. Quattro
  Eroma di Vecchiano: Bagnasco fa il furbastro,... Bagnasco fa il poetastro dei valori
  Eroma di Vecchiano: Dell'Amore perso preso con filosofia. Dalle origini a oggi 1
  "L'unico e la sua proprietà" di Max Stirner per la scuola. Collage a cura di Claudio Di Scalzo
  Eroma di Vecchiano: Quattro lettere erotiche di James Joyce alla moglie Nora
  Eroma di Vecchiano: Kamasustra per Discorso amoroso.
  Eroma di Vecchiano: Monologo a occhi chiusi della teatrante sul mio pube. Tassello 5
  Eroma di Vecchiano: Quartetto con brio per belle gambe (e cosce)
  Eroma di Vecchiano: Dieci poetiche esibizioni per Marina Frajese
  Eroma di Vecchiano. Ultimo dell'anno con mano e calza nell'anno horribilis 1978
  Eroma di Vecchiano: “Sul ricamo indiano scrissi ti amo”. Dayanti. Ricordino di Antonio Tabucchi
  Renato Fucini, Tigrino. Da Tellus 27 a Tellusfolio.
  Il Santo: Operetta sul cuore sbudellato + lettera omaggiante Eroma di Vecchiano
  Georges Bataille: "L'ano solare". A cura di Eroma di Vecchiano
  Eroma di Vecchiano: Sestetto ossa e carne per Moana Pozzi
  Momenti d'amore trascritti da Eroma di Vecchiano
  Eroma di Vecchiano: Poema del tassello d'amore per immagini e parole. Uno.
  Claudio Di Scalzo: Risposta a Eroma di Vecchiano. E anche su Antonio Tabucchi e me.
  Eroma di Vecchiano: Max Stirner e l'amore. Postilla papiniana.
  Gordiano Lupi: Caro Di Scalzo sul Partito dell’Amore Wikipedia sbaglia. Popolarweb
  L’anarchico di Vecchiano Francesco Giuseppe Bertelli detto “Cecco”.
  Eroma di Vecchiano: Poema del tassello d'amore per parole e immagini. Tassello tre
  Claudio Di Scalzo: Cicciolina Ilona Staller Presidente, Pio XII sul treno. Ribollita interrogativa 6
  Breve (e insopportabile) sussidiario maschile per difendersi dalle donne
  Eroma di Vecchiano: Telefonia mobile poco nobile. Fiaba feriale per l’estate 2009
  Eroma di Vecchiano: Donna maschera di cioccolato. San Valentino a Vecchiano
  Carlo Forin: Diario del 24 e 25 dicembre 2008
  Carlo Forin: La struttura del doppio circolo del Cielo e della Terra nella Bibbia (1)
  Carlo Forin: Nel Mondo glocale narrando con l’amiloidosi mia compagna
  Carlo Forin, Lettera a SS Benedetto XVI.
  Carlo Forin: Rosa
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Amore. Con postilla necessaria.
  Bruna Spagnuolo: Carlo Forin e la stirpe degli uomini alati
  Carlo Forin. Alitalia o non Alitalia? Con Richard Gere di Pretty Woman come esempio
  Carlo Forin: Noi, Italiane ed Italiani, maschi della màntide religiosa
  Carlo Forin, Saturnia Tellus.
  Carlo Forin: A Zeneda c’è stata una festa. La Rosa.
  Carlo Forin: Confesso oggi la mia fedeltà alla tradizione cristiana
  Rappresentazione falsa del mondo: Ideologia.
  Carlo Forin: Vogliamo confrontarci con gli altri del Terzo Mondo signora Emma Marcegaglia?
  Carlo Forin: Il mediarca Berlusconi non è un capitalista come tanti al mondo
  Carlo Forin: Chi impersòno io?
  Carlo Forin: Sessanta: un numero che falsifica l’indoeuropeismo
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (2)
  Carlo Forin: Quoad, fino a quando, la libertà sarà in pericolo? (Lodo Alfano bocciato).
  Carlo Forin: Meo. Vita-Morte. Archeologia linguistica
  Carlo Forin: Calamaro.
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Carlo Forin. Analisi dei 38 ‘lustr’ dell’Eneide. L’ultimo: perlustra.
  Carlo Forin: A cena con Dio
  Carlo Forin: Ricordando Wojtyla e la mia conversione
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Carlo Forin, Veneris... nefandae.
  Carlo Forin: Storia del ME con lettera a Claudio Di Scalzo detto Accio
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Archetipo
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (3)
  Carlo Forin: Halloween - Antares
  Carlo Forin, Dio Sovrano. Con lettera antiaccademica.
  Carlo Forin: Aprire al ME
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (4)
  Carlo Forin: la luce che viene
  Carlo Forin: Dimensione della parola ‘dimensione’. Archeologia del linguaggio
  Carlo Forin: Belem, notte di Natale
  Carlo Forin: Il trasmutatore della merda in violetta Carlo Costantini. Risposta dell'Onorevole
  Racconto di un vecchietto del ’68.
  Claudio Di Scalzo – Carlo Forin: “Scriverò della mia malattia leggendo Giobbe. Sarà il mio Diario…”
  Di Scalzo - Forin: come nasce una collaborazione a Tellusfolio.
  Carlo Forin: Un 2010 sgannato
  Carlo Forin: Rosa (mistica)
  Carlo Forin: Il Gran Giocattolaio
  Carlo Forin: Risposta a Bruna Spagnuolo e sugli alati
  Carlo Forin: RAGA'R, tagliare. Catullo e Piccoli (2)
  Carlo Forin: Viaggiare nel pensiero nel tempo. Con sito turco
  Carlo Forin. Che nessun Duce di ritorno tocchi la Costituzione!
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Ideologia
  Carlo Forin: Amore e Psiche. Archeologia linguistica 1.
  Carlo Forin. La favola dell’indoeuropeo
  Carlo Forin: Il fiume della lingua scorra. Auguri per il 2009
  Carlo Forin: La lingua è un fiume sporco
  Carlo Forin: Italia: al 55° posto in Diritto! Bigliettino per il ministro Alfano
  Carlo Forin: Il pinguino Mattia Ze
  Carlo Forin: Antares.
  Carlo Forin, Sei forse sorella di Febo?
  Carlo Forin: La mia lettura di Bernart de Ventadorn in "Canzone di Primavera"
  Carlo Forin: Amen.
  Carlo Forin, dizionario delle parole basilari: Rosa
  Carlo Forin: Riflessioni su me, Me, ME.
  Carlo Forin: Gnosis.
  La lingua fu dingua in Tellusfolio
  Carlo Forin, Cerei regni.
  Carlo Forin. La chiave sumera dei nomi degli Dei
  Carlo Forin: Coito
  Carlo Forin: Carme sul cambio di Archetipo (1)
  Carlo Forin: Ricordare Srebrenitza. Sito e fotoalbum 9
  Carlo Forin, Proteo e Cerere corrotta.
  Carlo Forin: Alla Rosa nel fango.
  Carlo Forin: Caro Mutui. Tellusfolio raccolga testimonianze e proteste!
  Carlo Forin: Autobiografia come giocattolaio piccino
  Carl Forin: "Onesimo" con allegata storia di collaborazione e amicizia
  Carlo Forin: Che cosa nasce a Natale 2008 ?
  Carlo Forin: Maroni contro l’Europa e contro i pellegrini.
  Carlo Forin: Anche Gesù era abbronzato come Obama
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (5) Ultima parte col sorriso.
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario: 19 ottobre (1)
  Carlo Forin, Semerano. Archeologia linguistica.
  Carlo Forin: Tempi da lupi mannari per la Costituzione italiana
  Carlo Forin: Vittorio Veneto e coriandoli
  Carlo Forin: Gli albori di Milano
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
Ucraina nell'Unione europea?

 85.7%
No
 14.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276