Venerdì , 19 Gennaio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Vicky, Cristina, Barcellona” di Woody Allen: libero amore in Spagna
23 Ottobre 2008
 

Ecco come un narratore può compiere uno studio psicologico su due personaggi dalle opposte personalità: li mette a confronto con una stessa situazione, meglio se inaspettata e abnorme, tale che non vi si possa reagire secondo convenzione. E osserva il loro diverso comportamento.

È un esperimento che, per chi ha memoria cinematografica, Woody Allen aveva in parte tentato in un film di qualche anno fa, Melinda e Melinda. E che ora rinnova con Vicky, Cristina, Barcellona.

 

La situazione abnorme è la seguente: durante un viaggio in Spagna, due ragazze americane sono abbordate da un pittore locale, il quale, senza mezzi termini, propone loro un rapporto a tre. Una accetta; l’altra rifiuta.

La ragazza che accetta è curiosa, allegra, sensuale, affascinata dall’arte e dagli artisti. Quella che rifiuta, senza essere una repressa, è più rigida e pianificatrice; crede nel matrimonio; ed è incline alla malinconia.

Ma ognuna delle due ragazze incarna, in una certa misura, il lato in ombra della personalità dell’altra. E così la ragazza curiosa allegra eccetera, con la stessa graziosa volubilità con cui ha accettato il rapporto a tre (il terzo lato sarà una ex del pittore), finisce per stancarsene, e se ne ritrae. Quella più rigida, dopo una notte d’amore trascorsa con il pittore, resta inquieta, tormentata: non accetta più la prospettiva di una vita matrimoniale con l’uomo che pure ama.

Come risultato dell’esperimento che ho detto, si può apprezzare l’evidenza con cui risultano i due ritratti: sfumati, variegati, morbidamente contraddittori; descritti con partecipazione, ma anche con distacco umoristico; tali comunque da darci l’impressione di essere vivi (merito, certo, anche delle attrici: Scarlett Johansson è la prima ragazza; e Rebecca Hall, la seconda).

Ma Vicky, Cristina, Barcellona probabilmente vuole essere anche un apologo intorno al seguente problema: è meglio l’amore libero, senza vincoli legali, senza ruoli prestabiliti e senza l’appartenenza reciproca ed esclusiva della coppia tradizionale; o è meglio la sicurezza del matrimonio?

Qui la risposta è sospesa. Il bene e il male non sono prestabiliti o attribuibili con certezza.

È vero che il triangolo, dopo una crisi iniziale, conosce una fase di profonda armonia. Ma è anche un’armonia precaria; e quando uno dei tre componenti si ritira dal gioco, i due rimasti si abbandonano, come fatalmente, a un comportamento distruttivo. E la seconda ragazza finisce per concludere che, per il proprio carattere, il matrimonio non è una soluzione esaltante, ma è forse la più adeguata.

 

La vera morale, pessimistica, dell’apologo è che nessuno, in amore, riesce mai a essere davvero soddisfatto. Però, la soluzione del dilemma è demandata al pubblico. E caso mai a qualcuno interessasse, per quanto mi riguarda, trovo che il personaggio interpretato dalla Johansson sia, tutto sommato, più simpatico.

 

Gianfranco Cercone

(da Notizie radicali, 23 ottobre 2008)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 63.3%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 35.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy