Domenica , 12 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. “La famiglia perfetta” di Paolo Genovese
02 Dicembre 2012
 

Soltanto nella pubblicità. Soltanto in quest'astratto luogo esiste, il luogo lievemente artefatto della comunicazione pubblicitaria, copia della realtà nelle sue forme di pulsioni imposte o bisogni (anche d'immedesimazione) indotti. Parliamo della famiglia perfetta. Grande idea e regia, quella di Paolo Genovese, che s'inventa un film, La famiglia perfetta (soggetto condiviso con Luca Miniero, sceneggiatura a sei mani, con lo stesso Miniero e Marco Alessi, e sceneggiatura originale di Fernando Leon de Aranoa), davvero pregevole, nel quale il registro comico e quello drammatico, il dolceamaro esistenziale, s'intrecciano alla perfezione, senza sbavature, senza forzature, con levità ma senza, nel contempo, rinunciare alla riflessione su importanti temi.

Leone (Sergio Castellitto) è un uomo ricco e solo che ingaggia, dietro promessa di un lauto compenso, una compagnia di attori in difficoltà economica per inscenare un Natale familiare di cui non può disporre, perché rappresentino la sua famiglia, quella “famiglia perfetta” di cui ha nostalgia – una nostalgia dell'assenza –, quella famiglia che forse ha respinto per sempre. Carmen (Claudia Gerini), moglie nel mondo reale del capocompagnia Fortunato (Marco Giallini), deve fingere di essere la compagna di vita di Leone. Fortunato, a sua volta, nella finzione è sposato con Sole (Carolina Crescentini) che nella quotidianità è davvero innamorata di lui, ma non può essere corrisposta perché c'è Carmen. Insomma, un bel caos, con venature pirandelliane, in una mutazione, nella vicenda-recita del Natale e della “famiglia perfetta” che dovrebbe durare solamente 24 ore, fra persone e personaggi.

Completano il cast attoriale e domestico “Nonna Rosa” (Ilaria Occhini) e i “figli” Daniele (Giacomo Nasta), Angelo (Lorenzo Zurzolo), Pietro (Eugenio Franceschini) e Luna (Eugenia Costantini).

Insorge, come c'era da attendersi, anche una commedia degli equivoci, dove al copione creato da Leone si trasgredisce con improvvisazioni evidenziate vieppiù dalla stralunata Alicia (Francesca Neri), fascinosa giovane signora capitata per caso nell'allegro malinconico strampalato improvvisato (e nella provvisorietà procede con una sorta di ferrea logica) nucleo familiare. Alicia, amante abbandonata nella notte di Natale, per telefono, dal suo uomo (sposato) e dalla macchina in panne, è un elemento (funzionale) di ulteriore surrealtà.

Si ride molto sfruttando le situazioni, ma, come detto, la serietà dei casi della vita fa capolino, implacabilmente.

Spiega Paolo Genovese: «I vari componenti della famiglia in affitto verranno tutti continuamente messi in crisi da Leone che non permetterà a nessuno di procedere in armonia e in equilibrio, come dovrebbe capitare a un nucleo che si presume ideale, perché cercherà sempre di mettere in evidenza i difetti e le contraddizioni dell'istituzione familiare in sé. Da abile burattinaio qual è, tenterà di farli esplodere, svelando ipocrisie e accentuando i diversi attriti. Il suo scopo principale diventa quello di dimostrare che la famiglia non funziona e non può funzionare e questo porta il pubblico a interrogarsi sul perché lui agisca in quel modo, sino a quando un evento finale metterà in luce i vari retroscena della rappresentazione». E una sorpresa ci sarà.

Morale: Viva la famiglia con tutte le sue imperfezioni.

 

Alberto Figliolia


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy