Mercoledì , 13 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Luci e ombre di un film cubano 
Lo scrittore Orlando L. Pardo critica il film Habanastation
26 Agosto 2011
 

Il giovane regista Ian Padrón con Habanastation affronta il difficile tema delle differenze di classe tra cubani attraverso due personaggi: un bambino povero che vive in un quartiere periferico e un bambino ricco, il cui padre è un jazzista che va all’estero e gli porta l’ultimo modello di playstation.

«Si tratta di un lungometraggio per tutti. Vuol essere una pellicola di intrattenimento, dotata di un soggetto molto semplice», ha detto Orlando Pardo Lazo a Radio Martí. «Il film è importante perché cerca di osservare l’animo umano in ogni sua sfaccettatura, facendo vedere non solo i quartieri più sfavillanti e turistici dell’Avana, ma anche quelle zone periferiche che restano nell’ombra, regno di miseria e frustrazione», aggiunge.

Non tutti la pensano come Pardo Lazo. Per Havana Time le cose stanno diversamente. «Habanastation è una cattiva versione della famosa poesia romantica Le scarpette rosa», dice Isabel Díaz Torres, estensore del pezzo. Come esempio del suo assunto cita scene false come i bambini di un quartiere malfamato che cantano con entusiasmo l’inno nazionale. «Si tratta di una Cuba non veritiera, fasulla, un paese che non riconosco, pure se a tratti spuntano elementi di realtà», aggiunge. Orlando Pardo Lazo ritiene che non sia giusto analizzare come se fosse un film per adulti una pellicola destinata ai ragazzi. «Non è una Riflessione di Fidel Castro, né una seduta del Parlamento cubano, né un Programma dei Lineamenti del PCC. Habanastation è solo un’opera d’arte per bambini», scrive il noto blogger su Diario De Cuba.

Isabel Díaz Torres dice su Havana Times che è negativo aver preso come modello di padre ricco un jazzista di successo. «Sarebbe stato molto più coraggioso criticare l’aristocrazia militare dell’isola, gli alti dirigenti dello Stato, o gli ex militari che si sono trasformati in impresari turistici», aggiunge.

Il cineasta cubano Sergio Giral è d’accordo con questa impostazione. «La mia pellicola Techo de Vidrio venne proibita da Fidel Castro proprio perché il personaggio principale era un alto funzionario di Stato che faceva sfoggio di enormi possibilità di fronte a un operaio», dice. Secondo Giral, il film di Padrón è la classica storia edulcorata stile Il principe e il povero, ma «il punto più debole è che il padre del bambino è un artista», conclude.

Resta il fatto che se il regista avesse inserito come protagonista negativo un ricco dirigente del partito, la pellicola sarebbe stata censurata. Meglio questo che niente, dunque, visto che Ian Padrón affronta un problema sentito a Cuba, come quello delle differenze sociali in una società che non può più dirsi (se mai lo è stata) egualitaria. Certo, tutto è molto soft e il lieto fine scontato conclude che il bambino ricco presta al povero la sua playstation, risolvendo ogni problema. Inoltre la vita del quartiere marginale dove vive il ragazzino povero è abbastanza decente, non è quella problematica di un quartiere marginale dove non è facile sbarcare il lunario. Lo scopo di Ian Padrón è quello di intrattenere e di realizzare un film per tutti, non certo di fare denuncia sociale. Il film riesce nel suo intento, anche se per apprezzare la vera Cuba dobbiamo rivolgerci ad altre fonti che non siano le produzioni cinematografiche ufficiali. Ne riparleremo dopo la visione.

 

Gordiano Lupi

 

 

04/09/2011 – Ieri ho visto il film.

>> Le mie considerazioni oggi sul blog Ser cultos para ser libres


Articoli correlati

  Il “Festival Clic” all’Avana
  Yoani Sánchez piace a tutti ma non al regime
  Orlando Luis Pardo Lazo. Rep(ubl)lica
  Orlando Luis Pardo Lazo. Pessima poesia
  Orlando Luis Pardo Lazo. Me it´s not true / Dimmi che non ti amo
  Yoani Sánchez. Il matrimonio della speranza
  Performance durante il corteo del primo maggio: giovane arrestato a Cuba
  Orlando Luis Pardo Lazo. Il Mondiale dell’Avana
  Yoani partecipa via Skype a “We Have a Dream”
  Orlando Luis Pardo Lazo. Il suicidio del socialismo
  Orlando Luis Pardo Lazo. “Sono una persona che non conosce la parola odio” - Intervista a Yoani Sánchez
  Orlando Luis Pardo Lazo. Il mondo volava su un cavallo bianco
  NuovaCuba. La repressione cubana, la lotta per la democrazia ai tempi di Twitter
  Yoani Sánchez negli USA
  Orlando Luis Pardo Lazo. Ygnacio & Ioani
  Orlando Luis Pardo Lazo. Volanti
  Rosa Maria Payá e Orlando Luis Pardo Lazo in visita a Radio Tv Martì
  Orlando Luis Pardo Lazo. Jesús in memoriam
  Orlando Luis Pardo Lazo. Carta aperta al mondo, ma non ad Abel Prieto (Ministro della Cultura di Cuba)
  Luz Escobar. Lo scrittore cubano Orlando Luis Pardo riceve asilo a Reikiavik
  Orlando Luis Pardo Lazo. HIGHABANA
  Reclusi nella chiesa pentecostale
  Orlando Luis Pardo Lazo. MAJESTIC
  Un fumetto di Claudia Cadelo sulle violenze a Yoani
  Orlando Luis Pardo Lazo. Il futuro
  Cuba. Liberata la blogger Yoani Sánchez dopo diverse ore di detenzione
  Yoani al telefono. E una poesia di Orlando Luis Pardo
  L'Avana. Le Damas de Blanco sfilano lungo la 5ª Avenida
  Orlando Luis Pardo Lazo. Me ne sono andato da Cuba perché… Me ne sono andato da Cuba per…
  A Cuba si celebra la prima sfilata gay
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy