Martedì , 05 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Riccardo Cardellicchio: La donna scomparsa. Da "Miniature"
23 Ottobre 2008
 

La donna scomparsa

 

Arrivò ai primi di giugno. Stanca, stressata. Tanta voglia di silenzio e di campagna. L’accolsero bene tutti nel borgo. Era una bella donna oltre i quaranta.

Se ne accorsero, gli uomini. Anche quelli giovani, che cominciarono a fantasticare.

Alcuni si fecero avanti. Lei sorrideva, educata.

Fu un’estate calda e di feste all’aperto. Un mucchio di balli in riva al fiume e nel bosco.

Le piaceva ballare.

E ballò. Con tanti, ballò. Ma c’era chi non avrebbe voluto tutta quella ressa intorno a lei.

Uomini e donne.

Trovarono una sua scarpa sull’uscio della sua casa, una mattina. Di lei, neanche l’ombra.

In casa, tutto a posto.

La cercarono per giorni. Ovunque.

Qualcuno arrivò a ipotizzare che fosse tornata da dove era venuta. Nessuno, però, sapeva da dove era venuta. C’era addirittura chi conosceva a malapena il nome di battesimo.

I carabinieri interrogarono mezzo paese.

Niente.

Poi, a metà ottobre, un cinquantenne un po’ fuori squadra disse che lui sapeva che fine aveva fatto quella gran bella donna.

Era troppo bella per durare, disse.

Ma davanti ai carabinieri cominciò a frignare. Io non so nulla. Io non ho fatto nulla. Chiedetelo a quell’uomo venuto da fuori, di notte.

Quale uomo?

Non lo conosco. L’ho visto solo entrare in casa di lei.

Indagarono, i carabinieri. Senza costrutto. Tornarono a tartassare il cinquantenne. L’hai ammazzata te e hai sotterrato il corpo da qualche parte.

No, non è vero. Io sono innocente. Ce l’avete con me.

Il pubblico ministero concluse che un po’ di gattabuia non gli avrebbe fatto male.

Mi state ammazzando, disse piano. Che decise di non toccare cibo. E di non bere.

Deperì a vista d’occhio.

Lo si seppe in paese e s’alzò, spontanea, la protesta.

Un imprenditore mise a disposizione il suo avvocato. Che si attivò subito.

State tenendo in carcere un innocente. Dove sono le prove? Quel poveretto è in pericolo di vita. E per cosa? Un omicidio. M dov’è il cadavere per parlare d’omicidio?

Il giudice delle indagini preliminari non confermò il fermo e il cinquantenne fu libero. Per riportarlo a casa ci volle l’ambulanza.

Faceva discorsi strampalati. Un medico disse che il colpo era stato duro, per lui. Che aveva già più di un problema.

Fu mandato al centro d’igiene mentale del distretto. Si rinfrancò. E lo si rivide a curare i giardini di privati. Come aveva fatto sempre.

Di lei, della quarantenne venuta chissà da dove, neanche l’ombra.

Cessò d’essere argomento di conversazione.

Lui, il giardiniere, faceva vita solitaria. Come prima.

Cadde da un fico e si ruppe l’osso del collo, verso mezzogiorno d’un lunedì... Lo trovò, ormai ghiaccio, la padrona dell’orto, preoccupata di non vederlo verso sera.

Fu gran dolore per il paese. Il Comune si addossò le spese del funerale.

Qualcuno inveì contro la malasorte di certa gente.

Fu il sindaco a entrare nel suo appartamento – due stanze appena, più un bagno e uno stanzino – e a rimanere di sasso dal tanfo. C’era sporcizia ovunque.

Era una casa popolare e andava liberata.

Il primo cittadino incaricò gli uomini del cantiere.

Tante cianfrusaglie e, nello stanzino, due sacchi neri dell’immondizia.

I due operai lavorarono con mascherine e guanti.

Uno disse: “A vivere soli ci si riduce male”.

E l’altro: “Poveretto, con la testa non ci stava. E non è che l’abbiano trattato bene. Quel carcere, quell’accusa”.

Caricarono tutto su un furgone.

Tutto, tranne uno dei sacchi neri. Che, mezz’ora dopo, aprì un ragazzo e quasi svenne dal cattivo odore e alla vista di un piede scheletrico.

Urlò. E accorsero in tanti. Anche il sindaco e i carabinieri.

 

Riccardo Cardellicchio


Articoli correlati

  Riccardo Cardellicchio: Firenze 1857
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. XIII
  Riccardo Cardellicchio. Spike Lee e la strage di Sant’Anna di Stazzema. Miracolo dubbioso.
  Riccardo Cardellicchio: Il corpo. Da "Miniature"
  Riccardo Cardellicchio: La persecuzione degli ebrei in Toscana
  Riccardo Cardellicchio. Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. I
  Riccardo Cardellicchio: L'uomo della fornace. Da "Miniature"
  Riccardo Cardellicchio. Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. II
  Riccardo Cardellicchio: E il fiume seccò
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. V
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. IV
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. X
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. XVIII
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. XII
  Riccardo Cardellicchio: Vento del Nord, Ladri. Da "Miniature"
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. VI
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. VII
  Riccardo Cardellicchio: La strage nazifascista a Fucecchio.
  Riccardo Cardellicchio: Miniature da Natale a Befana. “Natale”, “Una donna”, “Un uomo”...
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. XVII
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. III
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. VIII
  Riccardo Cardellicchio: Qui riposa un mulo senza matricola
  Riccardo Cardellicchio: "Proviamo a resistere". Lettere dalla Valle dell'Arno 1
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. XVI
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. XV
  Riccardo Cardellicchio. La ragazza del paese dei calanchi
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. XIV
  Riccardo Cardellicchio: L'uomo proiettile. Da "Miniature"
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. XI
  Riccardo Cardellicchio: Territorio, male endemico. Lettere dalla Valle dell'Arno 2
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. IX
  In scena “Oriana” di Riccardo Nencini
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb a puntate. XIX
  Riccardo Cardellicchio: Fermate La Pira. Romanzoweb. XX. Ultima puntata
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy