Mercoledì , 14 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Amedeo Vignatelli. Prima che il serpente muti pelle 
(prose brevi) 1
Valmalenco. Lavorazione della pietra ollare
Valmalenco. Lavorazione della pietra ollare 
07 Dicembre 2017
 

*

La parola dei morti m’appare muta e, se tutti abiteremo morte, quant’è muta questa nostra parola viva. Eppure la tartaruga prosegue il suo cammino, il senso che ci sfugge ─ forse nell’oggi di questi nostri secoli asfissiati ─ lo ritroveranno poi, in altre ore pregne di folgoranti adempimenti.

Oggi oso solo una parola muta, fuori da ogni senso, una parola che bestemmia a una preghiera, una parola che prega a una bestemmia.

 

*

Nella campagna di un ieri agricolo che non ho vissuto appieno, c’è un pozzo d’acqua salmastra, copertura in lamina, pietre a secco in cerchio, fessure a nido di serpi e salamandre. Nel fondo, sotto pochi metri d’acqua, iridati da molta ombra e minimi filamenti di luce che si insinuano dai fori dell’arrugginito foglio, stagnano i momenti felici che ho vissuto.

Tirarli fuori, presto, prima che la serpe muti pelle.

 

*

Le cose sovrastavano i pensieri, i sogni erano dispotiche fate. L’officina stava tutta appesa sul muro che sorregge una scalinata; a limitare una panchina. Avevo, poniamo, sette otto anni, forse usai un martello per i chiodi, forse l’infilzai con mano ferma ove permetteva la struttura. Vi appesi bulloni, consunte camere d’aria e dismesse ruote di plastica; non so quant’altro. Ero il meccanico tuttofare. Sentivo piena l’aria nei polmoni.

Le cose sovrastavano i pensieri, ecco l’arcano gioco a ridosso della scalinata.

 

*

Il mio primo lavoro, ovviamente non pagato, poté considerarsi iniziazione all’arte, alla mercé e falsariga d’un medioevo a tratti fortunato. Andavo nella bottega di un certo Don Cesare, calzolaio messo bene in carne, severo maestro del buon fare. Mi raccontava mia madre che precedette un periodo per lei assillante (mio padre, immagino, ne rideva) in cui il mio io bambino reiterava l’orazione del voglio andare a lavorare, chissà per quali astrusi, viziati, fervidi meccanismi dell’immaginazione. Ne fui accontentato, certamente dietro istanza al buon Don Cesare, ignaro di un’indole alquanto balzana.

Due stanze, la prima delle quali, laboratorio e accoglienza della clientela, dava sulla strada; la seconda, retrostante, faceva da piccolo magazzino. Un classico, direi. Intensi e buoni gli odori di colla e cuoio, gomma e caucciù.

Vi andai, credo, per una quindicina di giorni. Era estate. Accadde che il mastro mi rimproverò per un non so che dei miei esperimenti, forse un intruglio di colla e polvere di meriggio, forse un pizzico di fantasia tra le scaffalature del retro, un ago malriposto che l’ebbe punto.

Ritornai a casa contento, vociando di gioia: mi sono licenziato, mamma, mi sono licenziato!

 

Postilla: primo divisamento di una inettitudine congenita al lavoro. Ne doveva inconsapevolmente passare (scorrere a fiumi) di colla sotto il ponte, ma quegli odori, quegli obliati magici odori, me li stringo al cuore.

 

*

 

Amedeo Vignatelli


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy