Domenica , 26 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Leonardo Mesa. Sul “blocco” statunitense contro Cuba
Dwight D. Eisenhower stringe la mano al
Dwight D. Eisenhower stringe la mano al 'Presidente-eletto' John Fitzgerald Kennedy (novembre 1961) 
26 Aprile 2009
 

Come ben sanno i lettori di Tellusfolio, quella del “blocco” è una questione topica nelle discussioni da questo “Oblò”. Chi la ritiene un'infamia, o comunque un utile paravento per i fratelli Castro e per la nomenclatura cubana; chi un utile strumento di pressione in funzione della democratizzazione.

Non risolveremo certamente qui la questione. Poiché però le novità dell'amministrazione Obama e l'attenzione da questi ottenuta anche sull'Isola la fanno tornare “d'attualità”, con possibilità di sviluppi nel breve/medio periodo, e poiché lo strumento dei commenti non permette di adeguatamente argomentare, facendo facilmente scivolare in slogan 'pro'/'contro', proviamo ad esporre le diverse opinioni, in concise messe a punto da parte di chiunque volesse intervenire, che pubblicheremo in prima. Iniziamo con questa nota che Leonardo Mesa aveva postato oggi nei Commenti rispondendo a 'Massimo' (in calce la sua nota che ha originato la replica). Chi vuole partecipare al dibattito può inviare il proprio contributo scrivendo direttamente in redazione >> labos@retesi.it identificandosi con nome e cognome e lasciando un valido recapito di posta elettronica per eventuali necessità di contatto ai fini della pubblicazione. (Enea Sansi)

 

 

Il Blocco non è nato come rappresaglia alle armi nucleari puntate contro gli USA. Quei fatti risalgono all'ottobre del 1962. Una breve cronologia lo dimostra:


10 marzo di 1959. Allen Dulles, direttore della Cia, ordina al Comitato di Sicurezza (SNC) di sondare le possibilità per abbattere il governo cubano.

Maggio 1959. Nixon, a quell’epoca candidato alla presidenza, promette in Miami di abbattere il governo cubano.

11 agosto di 1959. Invasione Trujillista.

Aprile del 1960. Lester Dewitt, sottosegretario di Stato aggiunto per gli Assunti Interamericani, raccomanda a Eisenhower l’embargo totale a Cuba.

3 luglio di 1960. Imposto l’embargo allo zucchero cubano e alle forniture di petrolio nordamericane. Due elementi dai quali dipendeva la sopravvivenza nazionale. È, a tutti gli effetti, questa la data di inizio dell’embargo.

Ottobre del 1960. Si amplia l’embargo.

17 aprile 1961. Invasione della Baia dei Porci.

Febbraio del 1962. Inizia, con decreto esecutivo, l’Embargo totale: commerciale, economico e finanziario. E dopo,

nell'ottobre del 1962, la Crisi dei Missili.


Quindi, Massimo, a meno che il tempo non scorra all’indietro, lei si sbaglia.

Conviene sottolineare che la Crisi dei Missili è stata la risposta sovietica all’istallazione di missili nucleari in Turchia e Italia e la risposta cubana all’operazione “Mangusta”, che prevedeva la sovversione esterna, le azioni terroristiche interne, l’assassinato dei capi rivoluzionari, l’autoaggressione nella base navale di Guantanamo e la conseguente “risposta” degli Usa con un intervento militare diretto; da compiersi, precisamente, nell'ottobre del 1962.

Per non parlare che il potenziale nucleare era 17 a 1, in favore degli Usa.

Poi, già i missili Usa erano puntati, da molto, verso Cuba.

Tutti fatti accertati da documenti Usa resi pubblici e dalle dichiarazioni di McNamara in persona.


Leonardo Mesa


*** *** ***


Commento di Massimo, 11/04/2009

al post “Montecchi e Capuleti” di Yoani Sánchez

(Oblò cubano 11/04/2009)


L'arrivo di Obama indebolisce ulteriormente l'apparato propagandistico cubano, che vedeva in Bush un redivivo Hitler. (Il bue che dice cornuto all'asino). Se Obama manterrà il Blocco, nato come rivalsa ed atto difensivo contro le armi nucleari sovietiche puntate da Cuba contro gli USA, sarà anche lui paragonato a Bush e quindi a Hitler? E sarà credibile il regime castrista agli occhi dei cubani quando tutto il mondo esalta la figura del nuovo presidente americano come una ventata di speranza? Castro è a un bivio. Storico e politico. Ed io spero molto che la fine del regime sia davvero prossima. I colpi di scena, gli assi nella manica.... sono finiti. Il bluff è sotto gli occhi di tutti.


Articoli correlati

  “Ma dov'è questo embargo?” Delusione Rousseff a Cuba
  Iván García. La Florida: il salvacondotto dei Castro
  Garrincha. Cinquant'anni di embargo!
  “Vorrei la si facesse finita con la scusa dell'embargo”, Yoani a Washington
  Gordiano Lupi. Yoani, ma ci sei o ci fai?
  Nuove polemiche sull'embargo USA contro CUBA
  Massimo Campo. E Castro marcirà all'inferno...
  Garrincha. Tolto l'embargo a Cuba!
  Yoani Sánchez davanti al Senato brasiliano
  Yoani e l'embargo
  Cosa bolle nella pentola caraibica
  Yoani Sánchez si pronuncia contro l’embargo
  Garrincha e Fidel, Garrincha e l'embargo
  Barack Obama: “Le misure cubane non sono ancora sufficienti”
  Barack Obama allenta la morsa su Cuba. Verso la fine dell’embargo?
  Yoani Sánchez. La teoria della caldaia
  Yoani Sánchez. Parole pronunciate per fuori
  Yoani Sánchez. E adesso che cosa accadrà?
  Massimo Campo. Lettera aperta a un filocastrista
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy