Domenica , 29 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Tania Quintero. 14ymedio, lo spazio web che fa il gioco del regime
Incontro con il Dalai Lama. Praga, 2013
Incontro con il Dalai Lama. Praga, 2013 
16 Giugno 2014
   

14ymedio non è un giornale, è uno spazio web. E la sua uscita, due giorni dopo che una commissione vicina al governo cubano aveva chiesto a Obama di togliere l’embargo, fa il gioco di Castro. Serve per inviare segnali democratici e manifestazioni di apertura dall’Avana. Non è altro che uno spazio web perché è stato finanziato e realizzato per amplificare oltre misura l’ego di una blogger di 38 anni chiamata Yoani Sánchez Cordero, adesso impresaria della CLYS Comunicaciones, con sede a Madrid.

Yoani ha trascorso un anno a parlare in giro per il mondo del suo periodico, promuovendolo nei continui viaggi all’estero e – prima di farlo uscire – ha annunciato che il regime l’avrebbe demonizzato. In realtà tutto fa capire il contrario: il regime deve essere molto contento. Tra l’altro la maggior parte dei numeri usciti trattano con benevolenza il governo (l’articolo più forte riguarda le riforme di Raúl Castro) e gli elementi critici sono molto blandi. Il nome del periodico ricorda l’indicazione di una strada, il numero di un appartamento illegale, la lunghezza del pene di un adolescente o il nome di una posada (casa per appuntamenti) avanera. Tutto, ma non il titolo di un periodico che voglia essere serio e professionale. Nello staff, a parte YS, le firme più conosciute sono quelle delle blogger Miriam Celaya, collaboratrice di Cubanet; Regina Coyula, che insieme ad altri tre cubani residenti sull’Isola, scrive nel blog Voces desde Cuba della BBC (si dice che ognuno venga pagato 400 sterline, una cifra superiore ai 600 cuc); e Lilianne Ruiz, pure lei collaboratrice di Cubanet. Tra le penne foranee, Vicente Echerri, scrittore e giornalista de El Nuevo Herald. Gli altri sono abituali frequentatori di casa Sánchez, a eccezione di Darsi Ferrer, attualmente esiliato negli Stati Uniti. Quasi tutte le foto sono proprietà del web, inoltre troviamo un inserto culturale, la situazione del tempo all’Avana e provincie limitrofe, oltre ad alcune capitali europee: Madrid, Berlino e Mosca. Una sezione è dedicata al prezzo in pesos di alcuni prodotti, come la carne di maiale, la zucca, i pomodori e la malanga. Ci sono anche alcuni consigli anonimi su come aprire un negozio per tagliare i capelli. Non è firmata neppure una nota sulla riunione dei vescovi cubani. La grafica della Home Page sembra anemica da quanto è scolorita. I toni arancione sembrano presi da Cubaencuentro o dall’uniforme dei prigionieri di Guantanamo. Il contenuto non è niente di speciale, certo non corrisponde al proposito di scrivere il miglior giornalismo insulare.

Tutto è segreto nel matrimonio Sánchez-Escobar. Non è lecito sapere neppure quanto pagheranno i collaboratori (nell’Avana dissidente è voce di popolo la loro taccagneria). Grazie alla fotocopia di un budget circolato su Internet siamo venuti a sapere che “il nuovo periodico per una nuova Cuba”, disporrà di un capitale iniziale superiore ai 420 mila dollari. Da questa cifra, ai giornalisti destineranno circa 17mila dollari, oltre 130 mila andranno alla gestione del web e intorno ai 170 mila per la tecnologia.

Senza sapere se questo spazio digitale adempierà al suo compito informativo, un gruppo di intellettuali non ci ha pensato due volte a firmare una lettera di sostegno, cosa che mi pare una mancanza di etica. Viene inaugurato un presunto giornale con una pubblicazione così poco creativa come una lettera di sostegno. Ma poi di sostegno a chi? Di certo non al giornalismo indipendente cubano, che ha già compiuto 20 anni. Soltanto a una blogger venuta fuori nel 2007, che non è stata mai convocata a Villa Marista, non ha mai dormito in una cella, e che se va avanti così, a base di narcisismo e di culto della personalità, finirà per diventare la versione femminile di Fidel Castro, il più grande narcisista che ha sofferto Cuba.

 

Tania Quintero

(da El Blog de Tania Quintero, 22 maggio 2014)

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy