Mercoledì , 25 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Tre italiani condannati a severe pene detentive per il caso della bambina morta a Bayamo
06 Novembre 2011
 

Tre italiani e sei cubani sono stati condannati a severe pene detentive per il caso di una bambina di 12 anni, Lillian Ramírez Espinosa, morta nella città di Bayamo, lo scorso anno, nell’Oriente dell’isola

 

 

Gli italiani Angelo Malavasi e Simone Pini, accusati di omicidio e corruzione di minori, sono stati condannati a 25 anni di galera, mentre Luigi Sartorio dovrà scontare 20 anni per il secondo capo di imputazione. La notizia è stata diffusa dalla rivista telematica CaféFuerte.

Pini e Sartorio hanno proclamato la loro innocenza rilasciando dichiarazioni alla stampa straniera. Pini sostiene (e può provare) che non si trovava a Cuba quando si è verificato il tragico evento. La sentenza del tribunale della provincia di Granma è stata diffusa nella città di Bayamo da un notiziario della radio locale.

Tra i cubani sono stati condannati: Vicel Ramos Cedeño, il principale accusato, che dovrà scontare 30 anni di galera per omicidio e corruzione di minori, mentre Yoel Rafael Sánchez Ramírez, alias “Yoquer”, e Leonel Milán Gamboa sono stati condannati a 25 anni per gli stessi delitti. Yaina Cosett Pardo Muñoz e Yanet Casate Pérez sono stati condannati a 22 anni di reclusione per omicidio e corruzione di minori. lliana Victoria Muñoz Yero a 20 anni per corruzione di minori. Dolores Rita Marsán Sosa, 61 anni, è stata assolta.

I condannati cubani si trovano in prigione dallo scorso anno in alcuni penitenziari della provincia di Granma. Sartorio e Malavasi sono stati fatti rientrare da alcuni giorni rispettivamente alle prigioni del Combinado del Este e La Condesa. Pini si trova ancora a Bayamo, nel carcere provinciale di Las Mangas.

Il giudizio si è svolto a porte chiuse e nel segreto più assoluto, tra il 26 e il 30 settembre, presso la Scuola Professionale d’Arte “Manuel Muñoz Cedeño”, alla periferia di Bayamo. Le udienze avrebbero dovuto tenersi presso il tribunale provinciale, che si trova al centro della città di Bayamo, ma le autorità hanno ritenuto opportuno far svolgere il processo in una zona meno accessibile per il pubblico. Il processo è stato seguito dalla stampa cubana, ma nessun giornale locale o nazionale ha pubblicato notizie e commenti. La televisione e la radio cubana non si sono occupate del caso, seguito soltanto dalla rivista digitale CafèFuerte.

Il cadavere di Lilian Ramírez Espinosa, 12 anni, era stato rinvenuto il 19 maggio 2010 in un luogo difficilmente accessibile, coperto dalla vegetazione spinosa, nella campagna alla periferia di Bayamo. La minorenne era asmatica e pare che avesse preso parte a un convegno erotico, ma la morte è sopravvenuta per asfissia nel bagagliaio dell’auto, dove era stata nascosta prima di essere seppellita nei campi.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Cuba. Circolano in rete tre video sul delitto di Bayamo
  Luigi Sartorio. Fatti la galera. (E taci)
  Il delitto di Bayamo. “Il mio cliente è vittima di un grave errore giudiziario”
  Italiani detenuti a Cuba. Interrogazione alla Farnesina dei senatori radicali
  Gordiano Lupi. Il caso degli italiani a Bayamo
  Gordiano Lupi. Cuba. Giornalista spagnolo processato per corruzione di minori
  Cuba. I veri assassini di Bayamo sono ancora liberi
  Cuba. Tre italiani a giudizio per il delitto di Bayamo
  Cuba. Simone Pini “dall'inferno del Combinato del Est”
  Yoani Sánchez diffonde la denuncia di Simone Pini
  Gli italiani coinvolti nel delitto di Bayamo rischiano fino a 25 anni di galera
  Alan Gross, lo sciopero della fame e gli italiani condannati per omicidio
  Yoani Sánchez incontra in carcere un italiano accusato di omicidio
  Garrincha e Alan Gross
  Gordiano Lupi. Tre italiani nelle carceri cubane
  Luigi Sartorio, in carcere in Italia come a Cuba. Da sette anni
  Gordiano Lupi. Luigi Sartorio, vittima della 'giustizia' cubana?
  Gordiano Lupi. La censura nei media cubani
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy