Martedì , 25 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Presto libero uno dei cinque agenti cubani
06 Ottobre 2011
 

Il governo cubano li chiama “i cinque eroi prigionieri dell’Impero”, gli statunitensi si limitano a definirli agenti segreti colpevoli di spionaggio internazionale. In ogni caso qualcosa si sta muovendo tra Cuba e USA, perché sembra che questa annosa questione stia per trovare una soluzione. René González sarà il primo dei cinque agenti cubani arrestati nel 1998 a uscire di prigione, ma non potrà rientrare a Cuba, perché dovrà scontare tre anni in condizione di libertà vigilata. Questa ulteriore manovra cautelare ha indignato il governo cubano, che pretende la liberazione incondizionata dei cinque agenti, dopo tredici anni di prigionia. González potrà scontare i tre anni di pena supplementare in qualsiasi località degli Stati Uniti. I suoi compagni di sventura - Gerardo Hernández, Ramón Labañino, Antonio Guerrero e Fernando González - sono stati condannati a pene detentive molto più lunghe e per il momento resteranno reclusi. Di solito i condannati stranieri vengono estradati nel paese di origine, al termine della pena detentiva, ma René González è nato a Chicago e possiede la doppia cittadinanza, cubano-americana, quindi dovrà restare negli Stati Uniti.

Fidel Castro, in una 'Riflessione' pubblicata su Granma il 29 settembre scorso, si è detto indignato del comportamento nordamericano. Il governo cubano chiede con forza il rientro in patria di una persona che definisce “un eroe della Rivoluzione”. Castro ha scritto: «Il governo statunitense protegge mostri come Posada Carriles e Orlando Bosch, che hanno organizzato attentati e ucciso persone, mentre obbliga René a restare in una nazione che non punisce i veri assassini».

Alcuni congressisti repubblicani, invece, si sono detti preoccupati per la liberazione di René González, definito “un nemico degli Stati Uniti”, alla stregua del regime che serve, patrocinatore del terrorismo.

Se leggiamo oltre le reciproche prese di posizione giocoforza estreme, è possibile intuire uno spiraglio di luce alla fine di questa annosa vicenda.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy