Mercoledì , 25 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez incontra in carcere un italiano accusato di omicidio
25 Giugno 2011
 

«Mi hanno espulso dal Combinado del Este con queste parole: Lei non è autorizzata a stare qui. Ma prima ho potuto parlare per 20 minuti con due italiani reclusi da oltre un anno che sono ancora in attesa di processo».

Ricordiamo i fatti. Siamo nella metà del mese di maggio del 2010, una studentessa cubana di 12 anni muore apparentemente per overdose. Le indagini si svolgono con la tipica segretezza cubana, senza clamori di stampa. Il corpo dell’adolescente viene rinvenuto in stato di decomposizione nei pressi di una discarica di Bayamo. L’autopsia rivela - senza ombra di dubbio - che la morte è in relazione a un eccessivo consumo di droga. Alla fine vengono arrestati tre italiani, ritenuti coinvolti nel crimine, e sono subito rinchiusi nel carcere del Combinado del Este. Giacinta Oddi, incaricata dell’ambasciata italiana, si reca a far visita ogni giorno ai tre prigionieri: Simone Pini, Luigi Sartorio e Angelo Malavasi, coinvolti nel caso, che hanno sempre professato la loro innocenza.

La blogger cubana Yoani Sánchez afferma: «Ho ricevuto lettere disperate da parte dell’italiano Simone Pini, che mi hanno convinto ad andare a fargli visita in carcere, cosa che ritengo mio dovere di giornalista che racconta il quotidiano». Secondo la Sánchez il Combinado del Este è una «prigione triste, piena di prigionieri». A suo parere il principale motivo del sovraffollamento carcerario è che «nel nostro paese troppe cose sono proibite».

Simone Pini ha dichiarato che non si trovava a Cuba il 14 maggio, quando successe il tragico incidente fatale, ma la polizia sostiene di avere le prove del suo ingresso anteriore nel paese, in forma clandestina, nonostante il visto ufficiale sul passaporto. Pini ha scritto in una lettera alla famiglia italiana di essere arrivato a Cuba dieci giorni dopo il fatto, per far visita al figlio e alla moglie che vivono a Cuba. Yoani Sánchez ha parlato con Pini e subito dopo ha scritto su Twitter: «Non so dire se quest’uomo sia colpevole o innocente, ma so che si trova in prigione da oltre un anno e non ha ancora avuto un regolare processo». Le accuse contro Pini sono molto gravi: procurato omicidio, traffico di droga e sfruttamento della prostituzione infantile. Rischia fino a vent’anni di reclusione. Gli altri due italiani: Luigi Sartorio e Angelo Malavasi, di Vicenza, si trovavano alla festa del 14 maggio che provocò la morte della studentessa per overdose.

Le autorità cubane non rilasciano molte informazioni sul caso e l’avvocato che rappresenta i tre italiani non ha potuto visionare il fascicolo penale.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Cuba. Circolano in rete tre video sul delitto di Bayamo
  Luigi Sartorio. Fatti la galera. (E taci)
  Il delitto di Bayamo. “Il mio cliente è vittima di un grave errore giudiziario”
  Italiani detenuti a Cuba. Interrogazione alla Farnesina dei senatori radicali
  Gordiano Lupi. Il caso degli italiani a Bayamo
  Gordiano Lupi. Cuba. Giornalista spagnolo processato per corruzione di minori
  Cuba. I veri assassini di Bayamo sono ancora liberi
  Cuba. Tre italiani a giudizio per il delitto di Bayamo
  Cuba. Simone Pini “dall'inferno del Combinato del Est”
  Yoani Sánchez diffonde la denuncia di Simone Pini
  Gli italiani coinvolti nel delitto di Bayamo rischiano fino a 25 anni di galera
  Alan Gross, lo sciopero della fame e gli italiani condannati per omicidio
  Tre italiani condannati a severe pene detentive per il caso della bambina morta a Bayamo
  Garrincha e Alan Gross
  Gordiano Lupi. Tre italiani nelle carceri cubane
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy