Giovedì , 12 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
I desideri proibiti di Yoani Sánchez 
Aggredito dalla polizia Ariel Sigler Amaya
20 Luglio 2010
 

Dal Twitter del 20 luglio 2010

 

Yoani Sánchez ha aperto il libro dei sogni e ha sintetizzato il suo desiderio di libertà per Cuba: «Le nostre esigenze si riassumono in una frase: vivere in una Cuba pluralista che consenta ogni tipo di pensiero e di opinione. Chiediamo che il registro delle associazioni venga aperto ai partiti di opposizione attualmente considerati illegali. L’educazione non deve essere più ideologica e al tempo stesso deve essere consentita l’istituzione di collegi gestiti in forma autonoma da privati. È necessario abolire il doppio sistema monetario. Il sistema informativo deve aprirsi alla stampa libera, permettere la nascita di periodici e di pubblicazioni che non rispondano direttamente al Partito Comunista. Serve un compromesso pubblico tra potere e società civile per garantire che nessuno venga più incarcerato per motivi di opinione. Deve essere sciolta la polizia politica, soprattutto quella nota come sezione 21. Devono essere rilasciati permessi per creare piccole e medie imprese. Un cittadino cubano deve essere libero di comprare un'auto o una casa, deve poter acquistare servizi internet e godere di una televisione satellitare senza filtri ideologici. Il governo deve eliminare il concetto di uscita definitiva che non permette agli esiliati di tornare nel loro paese e fa sì che le loro proprietà vengano confiscate. Deve essere incentivato il lavoro autonomo e l’impresa privata, con tutte le garanzie del caso. Va abrogata la Legge 88, nota come Legge Bavaglio. Devono essere eliminate dal codice penale le figure delittuose di associazione illecita, pericolosità e propaganda nemica. Il governo deve smantellare l’apparato repressivo che penalizza la libera opinione e la libertà di associazione».

 

Alcuni membri della Polizia hanno aggredito lunedì l’ex prigioniero politico paraplegico Ariel Sigler Amaya (foto), dopo la sua protesta all’esterno di un ufficio migratorio per la mancata concessione del permesso di uscita. La denuncia proviene dalla moglie, Noelia Pedraza, che afferma: «Hanno preso Ariel per il collo, l’hanno colpito e obbligato a salire su un autobus. Mio marito è malato e non può subire aggressioni simili, solo per aver reclamato un diritto». Testimoni del fatto la giornalista indipendente Leticia Ramos e Rafael Pedraza, componente del Consiglio dei Relatori dei Diritti Umani, che di fronte alla “mancanza di risposta” delle autorità sul permesso di uscita per Sigler, hanno dato vita a una piccola protesta di fronte alla sede governativa. I presenti hanno gridato frasi come: “Castro assassino” e “sbirri”, per questo è intervenuta la polizia e ha fatto cessare la protesta con le maniere forti. Ariel non vuole emigrare in Spagna ma negli Stati Uniti, perché ha un fratello a Miami, forse è proprio questa scelta a rallentare la concessione del permesso. Sigler Amaya ha manifestato il desiderio di cominciare uno sciopero della fame per fare pressione sulle autorità, ma i familiari non sono d’accordo, visto il suo precario stato di salute.

«La notizia di quel che è accaduto ad Ariel Sigler Amaya circola a tutta velocità», ha detto Yoani Sánchez. «Oggi ho visto persone che brandivano cartelli in Piazza della Rivoluzione per esigere il loro diritto a viaggiare. Juan Juan Almeida ha camminato in strada per circa venti minuti impugnando un cartello per chiedere il rilascio del permesso di uscita».

Niente di nuovo sotto il sole, purtroppo.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Yoani: Anche per oggi non si viaggia
  Marianna Mascioletti. Cuba, atto terzo. La fabbrica degli eroi e il Nobel per la pace
  Carlos Carralero. “A Cuba non si tortura... A Cuba non si uccide... A Cuba non c’è opposizione al regime...”
  Arrestate Dame in Bianco a Matanzas
  Juan Juan Almeida obbligato a restare
  Cuba. Juan Juan Almeida in sciopero della fame
  Juan Juan Almeida esce da Cuba. Reina Luisa Tamayo apre un blog
  Gordiano Lupi. Nuovi blogger e repressione
  L'Avana. Fermato Juan Juan Almeida?
  Dal Twitter di Yoani Sánchez. Preoccupazione per Juan Juan Almeida
  Juan Juan Almeida riabbraccia i suoi cari
  Carlos Alberto Montaner. Un altro che è disposto a morire
  “Sono avanero di nascita e di cuore”. Yoani Sánchez intervista Juan Juan Almeida (1ª parte)
  Di nuovo arrestato Luis Felipe Rojas Rosabal
  Reazioni alla morte di Orlando Zapata Tamayo
  Coco Fariñas in sciopero della fame e della sete
  “Il governo cubano usa il terrore contro la penna”. Espulso da Cuba un giornalista spagnolo
  Yoani Sánchez. La luce in fondo al tunnel
  Lettera della figlia di Juan Juan Almeida al Vaticano
  “Per Dio, mi considero un essere vivente... un cubano, un avanero!” Yoani Sánchez intervista Juan Juan Almeida (2ª parte)
  Fidel Castro fa marcia indietro sulla guerra nucleare
  Cuba. Un 8 settembre di arresti e violenze
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy