Martedì , 22 Settembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Manuale Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Caivano. La battaglia di Buglio in Monte (16 giugno 1944) 
Discorso pronunciato nella commemorazione tenutasi domenica 19 giugno 2011
20 Giugno 2011
 

Ricorre, quest’anno, il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Hanno concorso a realizzarla l’idealismo di Mazzini, la diplomazia di Cavour, l’eroismo di Garibaldi e dei garibaldini che l’hanno offerta a Vittorio Emanuele II. È costata molto. Forse troppo. Merita grande rispetto e devozione. Le celebrazioni hanno visto ovunque una grande partecipazione popolare. La nostra con assoluta convinzione. Perché i partigiani, anche se avevano diverse aspirazioni politiche, si sono sempre battuti per una sola bandiera, il tricolore. Anche noi dell’ANPI lo portiamo sulle spalle. E la guerra di Liberazione è stata un atto d’amore verso la Patria!

Risorgimento ed Unità d’Italia costituiscono i capisaldi della nazione. Sui quali occorre innestare tre anni magici: quelli compresi tra il 25 aprile ’45 e il 1° gennaio ’48, resi possibili dalla Resistenza. Quella della Resistenza è una stagione irripetibile, permeata da forti passioni, grandi ideali e notevole generosità, che producono la Liberazione del Paese dall’invasore tedesco e dal totalitarismo fascista, l’avvento della Repubblica, l’approvazione della Costituzione. Costituisce il necessario completamento degli ideali che animarono i patrioti del Risorgimento. Ha anche visto operai contadini studenti professionisti artigiani senza distinzioni di classi partecipare ad un evento eccezionale, una guerra popolare combattuta con l’appoggio delle popolazioni. Senza il Risorgimento, non avremmo avuto l’unità. Senza la Resistenza, non avremmo avuto né la Repubblica né la Costituzione.

Le nostre valli vengono liberate quando gli Alleati sono lontani. È la fine di un incubo! Le nostre piazze, le nostre strade vengono invase da una folla impazzita festante che si stringe attorno ai patrioti, li bacia, li abbraccia. Per diversi giorni si scherza si balla si canta. Torna la voglia, la gioia di vivere. Abbiamo tutti un debito di riconoscenza nei loro confronti. Abbiamo il dovere di ricordare quelli che caddero per la conquista della libertà, i tanti che sono scomparsi nel corso di questi anni, quanti per fortuna sono tra noi e dire loro una sola parola: Grazie! Grazie per quanto hanno fatto, grazie per averci restituito la libertà, grazie per aver cacciato lo straniero, grazie per aver eliminato il fascismo!

La guerra di Liberazione ha richiesto un alto prezzo di caduti partigiani e civili, mutilati invalidi e feriti. Il Presidente della Repubblica ha voluto consacrare la Resistenza armata dei partigiani e quella disarmata delle popolazioni concedendo la medaglia d’argento alla nostra provincia. Medaglia che viene sbandierata in tutte le occasioni, dimenticandosi spesso, però, di specificare che è stata assegnata alla Resistenza.

Da troppi anni ci viene proposta un’altra storia. Ci vengono descritti un fascismo mai esistito, una dittatura all’acqua di rose, ed i peggiori fascisti, quelli di Salò, come combattenti per la Patria quando il Governo legittimo italiano era in guerra con la Germania! Possiamo anche comprendere la confusione di giovani irretiti dal fanatismo e dalle menzogne. Ammettiamo anche che alcuni di loro fossero in buona fede. Ma quanto alla Patria, non raccontiamoci favole: la Patria stava da un’altra parte: stava dalla parte di chi combatteva per la libertà e la democrazia, non dalla parte di chi difendeva la dittatura e il nazismo! Viviamo oggi in un Paese che ha smarrito la bussola, ha perso la memoria storica, non capisce il presente, non sa progettare il futuro, lascia i giovani senza futuro. Dove gli imputati cercano di processare i giudici e si fanno approvare leggi ad personam. Dove si voleva ritornare al nucleare e speculare anche sull’acqua. Per fortuna il popolo, questa volta sovrano ha respinto queste tesi col referendum. Ma c’è di più: in questo clima si vuole abolire il divieto costituzionale di riorganizzazione del partito fascista, si osa ancora proporre l’equiparazione tra repubblichini e partigiani. Come se fosse possibile mettere sullo stesso piano chi ha difeso la Patria e la libertà con chi l’ha tradita diventando servo dei tedeschi e corresponsabile dei lager, campi di deportazione e di lavoro, delle tante Ville Tristi ove si torturava e si uccideva! Ma vedrete, il popolo italiano non consentirà l’affermarsi di queste aberrazioni storiche e morali.

Anche su Buglio si tenta di capovolgere la storia. Per malafede o per ignoranza si è scritto che sono stati i partigiani ad incendiare le case e ad uccidere i civili! Qui ci sono partigiani che conoscono la realtà, per aver preso parte alla battaglia. E sono giustamente indignati. La storia, quella vera ci ricorda che l’11 giugno ’44, dopo una serie di azioni vittoriose nella bassa valle, la 40ª Brigata “Matteotti” alza il tiro ed occupa pacificamente il paese di Buglio in Monte. Viene deposto il Podestà, si distribuiscono agli abitanti i viveri destinati ai maggiorenti del fascio, la lana destinata all’ammasso, si nomina il Sindaco, si tengono assemblee, si prendono decisioni. Sul Comune sventola una bandiera rossa: in quel contesto simbolo di libertà. L’entusiasmo si diffonde tra i partigiani e gli antifascisti. Ma è prematuro.

Il sogno, forse anche l’utopia viene infranto il 16 giugno, quando un esercito di circa 800 nazifascisti e mongoli con 26 automezzi prima esplode i cannoni sull’abitato, poi travolge il modesto presidio partigiano ed infine rincorre ed uccide i civili che cercano inutilmente scampo nei boschi, nelle baite, nelle montagne. Andandosene, lasciano sul terreno 7 partigiani caduti nel tentativo di difendere il Paese, e sette civili vilmente assassinati. Non contenti, appiccano il fuoco a 36 case o casolari. Agli abitanti non resta che piangere i propri cari, far fronte in qualche modo alle ristrettezze, alla fame, al freddo che verrà. Le strategie belliche partigiane vengono ripensate, per salvaguardare le popolazioni. Sarà inutile: incendi, devastazioni, omicidi di civili, delazioni, torture ed angherie continueranno fino alla Liberazione.

Vogliamo oggi rendere omaggio ai civili inermi uccisi in quel giorno infausto; ai familiari delle vittime la cui vita resta segnata per sempre; ai partigiani immolatisi nell’impari battaglia. Altri quattro patrioti di Buglio perdono la vita in altre occasioni, dei quali citerò Lina Selvetti, caduta a Milano. Tutti loro col sacrificio supremo hanno contribuito a restituirci la dignità e l’onore perduti da vent’anni e a ridare un senso alla Patria.

 

Sergio Caivano*

 

 

* Presidente ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia) provincia di Sondrio. Testo integrale del discorso pronunciato a Buglio in Monte il 19 giugno 2011, in occasione della celebrazione dei caduti nella battaglia di Buglio in Monte (16 giugno 1944).


Articoli correlati

  Sergio Caivano. Sulla scritta di Grosio
  Sergio Caivano. La strategia della tensione
  Sergio Caivano. Il mio ricordo della Liberazione di Sondrio
  Attualità del Partigiano
  Sergio Caivano. Di una grande manifestazione antifascista al Pedretti di Sondrio (1960)
  Sergio Caivano. La battaglia di Mello (1° ottobre 1944)
  Sergio Caivano. Resistenza e Liberazione nelle nostre Valli
  Annagloria Del Piano. 25 Aprile: Festa della Liberazione
  Bianca Ceresara Declich. S. Anna di Stazzema. L’ECCIDIO
  Resistenza e liberazione in Valtellina e Valchiavenna
  Sergio Caivano. La fuga interrotta di Mussolini verso la Spagna
  Sergio Caivano. L’ANPI rende onore a Giorgio Bocca
  Sergio Caivano. Dongo la fine
  Sergio Caivano. L'ANPI contro la violenza, contro il fascismo, per la democrazia
  Sergio Caivano. Ideale Cannella
  Sergio Caivano. Le lettere dei partigiani italiani
  Sergio Caivano. La Costituzione. Il pensiero di Calamandrei
  Sergio Caivano. Discorso del 25 aprile 2011 a Tirano
  Sergio Caivano. 2 giugno, Festa della Repubblica
  Biblioteca civica “Ezio Vanoni” di Morbegno. Incontri di inizio estate
  Sergio Caivano. Ricordo di Giovanni Conca, il partigiano “Bruno” di Chiavenna recentemente scomparso
  Sergio Caivano. Maledetto coronavirus covid 19
  Sergio Caivano. Traccia per il discorso del 25 aprile 2013 a Sondrio
  L’Italia s’è desta. Stampa satirica, storia iconografica dell’Unità d’Italia
  Spot/ Se peregrina voglia...
  Momenti della riflessione filosofica e pedagogica italiana nell’età risorgimentale
  Amici Biblioteca Sondrio: Arti in Valtellina tra Risorgimento e unità nazionale
  Carrara. Le interviste risorgimentali di Paolo Pratali
  Archivio antifascista. Benigni e Fratelli d'Italia, dubbi su una lezione di Storia
  Arvangia. Sarte contadine dell'Italia unita
  Giovanna Corradini. Intorno alla mafia, prima e dopo l'unità
  Alessandra Borsetti Venier: “Addio, mia bella, addio…” il libro di Anna Lanzetta
  Gigi Fioravanti. Lettera al vento
  Ferrara. Il Risorgimento a Palazzo Paradiso
  Risorgimento: questioni aperte
  Marco Lombardi. L'inganno del Governo sul 17 marzo 2011
  Laura Tussi. 1861-2011 Unità (militare) d’Italia
  Rosangela Pesenti. A Cortenuova (BG), se non ora quando?
  Alberto Figliolia. Io da cosmopolita festeggerò il 150°
  Famiglia Valtellinese di Roma. Conferenza di Garbellini “Risorgimento e unità d'Italia”
  Addio mia bella addio. Gioventù, passione, amicizia e onore nel Risorgimento comasco
  Vetrina/ Ezio Maifrè. L'amor di Patria e di paese
  Nemo. Centocinquant'anni…
  V. Donvito e A. Gallucci / Giorgio Gaber. Io non mi sento italiano
 
Opere correlate

 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy