Mercoledì , 27 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Obiettivo educazione
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giancarla Codrignani. Insisto, scuola e militari sono incompatibili
06 Ottobre 2010
 

Confesso che non credevo che fossimo a questo punto.

Mercoledì 29 settembre Radio3 ha trasmesso un dibattito sulla deprecata proposta La Russa «per prevenire», come ha avuto il coraggio di sostenere (e qualcuno gli avrà creduto) il nostro ministro-in-orbace, «il bullismo». Uno dei partecipanti al dialogo, un signore certo non antimilitarista, che riteneva positiva per i ragazzi più grandi una preparazione patriottica e, al tempo steso, difensiva, raccontava dei suoi incontri in campagna con bande di ragazzini che si esercitano a sparare sul serio con armi più o meno reali. E aggiungeva i propri funesti riscontri che sperimenta nella consultazione di siti elettronici specializzati: non pochi ragazzi giovanissimi si offrono ai reclutatori di mercenari garantendo la propria formazione: “ben preparati ad uccidere”.

Sono ancora sgomenta. Eppure so bene i rischi di una pedagogia familiare e scolastica ferma, quando c'è, agli schemi delle passate generazioni. Dobbiamo invece essere preoccupati per le responsabilità di cui ci stiamo caricando per la nostra irresponsabilità involontaria, se si può dire. Infatti, quando regaliamo una playstation al ragazzino, gliela lasciamo in libera gestione. Alzi la mano (gli diamo subito una medaglia) chi, regalata la playstation, sta di frequente alle spalle del figlioletto per controllare quello che sta vedendo e ragionare con lui. I piccoli delle passate generazioni, quando tagliavano la coda alle lucertole (i bambini mai stati buoni per natura), si sentivano dire “no, ché gli fai male».

Adesso i bambini giocano in tutta autonomia e solitudine con il virtuale e imparano a uccidere senza provare emozioni; e nessuno li mette in guardia: “Attento, non fargli male, anche se è un nemico virtuale”. Non è più come quando i genitori giocavano alla guerra e uno faceva teatro e si lasciava cadere morto, e subito si rialzava: c'è un abisso rispetto alla suggestione delle fiction, tanto è vero che si è dato il caso di bimbi molto piccoli - quattro o cinque anni - che si sono buttati dalla finestra dopo aver visto Spiderman. Se uccidiamo le emozioni, rendiamo più problematico distinguere ciò che è bene da ciò che “fa” male. La scuola non è ancora attrezzata per fare educazione sentimentale.

Quindi, attenzione: insegnare a sparare a chi ha amato le insospettate storie create alla play-station, non evita, ma produce bullismo. E prepara personale per nuove Gomorra, assassini professionali, disoccupati che trovano impiego nelle mafie: 50 euro per una vita umana. Una minoranza, si dirà: ma anche i buoni, essendo ben consapevoli di che cosa pensano di fare i pochi, introietteranno indifferenza e paura.

 

Giancarla Codrignani

(da Telegrammi della nonviolenza in cammino, 6 ottobre 2010)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy