Martedì , 24 Novembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Il saluto di Plevano a Bruno Dell'Ava
Bruno Dell
Bruno Dell'Ava, 'L'alfabeto del Custode', a cura di Claudio Di Scalzo, C.M. della Valchiavenna, 2004 
16 Ottobre 2010
 

Chiavenna, 9 ottobre 2010 – Ho lasciato Milano per raggiungere Chiavenna. È morto Bruno Dell’Ava e oggi c’è stato il suo funerale.

Ho fatto in tempo a vederlo composto con giacca e cravatta, pulito e rasato nella bara e mi è parso irriconoscibile, abituati a vederlo seduto nei bar del paese con la barba lunga e arruffata, il maglione sgualcito, l’occhio lucido e bonario. Ho avuto un attimo di spensierata allegria nel guardarlo da morto, mi sembrava un monsignore, o un giudice, o un avvocato, o un commissario, o un medico. Era il suo ultimo sberleffo alla vita. Se n’è andato un poeta e con lui una parte di me e di Chiavenna.

L’ho conosciuto 40 anni fa e da allora la sua opera pittorica e poetica mi ha accompagnato lasciandomi sempre sorpreso e sgomento per l’ironia dissacratoria e spesso feroce di ogni ordine costituito, fotografando la tragicommedia umana con lucida follia.

Il Custode del Paradiso ci ha lasciato per raggiungere il Paradiso dei poeti.

 

P.S. Nel 2004 è stato pubblicato L’alfabeto del custode edito dalla Comunità Montana della Valchiavenna e questa è la mia testimonianza su Bruno Dell’Ava. La precedono 7 poesie dell’autore inserite nella raccolta stessa che parlano della morte.

 

 

Passando vicino al cimitero, di notte, da solo,

ti prende un senso di sgomento

nonostante quello che ti han raccontato sul paradiso.

 

Quanti anni vivrò?

Ma adesso so di morire (prima non ci pensavo)

Ed è nato un nuovo sentimento.

 

Quando si è vecchi

si è più umili di fronte

alla vita e alla morte.

 

Epitaffio

Morì senza essere riuscito a esprimere il suo mondo.

 

Canzone

Ho visto una bara passare

e nel cielo c’erano le figure di Chagall,

suonava una musica lenta e dolcissima,

è bello morire così.

 

La vita, la morte, come uno schiocco di dita.

L’unico vero problema è la sofferenza.

 

I dottori e gli infermieri lavorano a contatto con la morte e hanno paure verticali violentissime.

 

 

 

Milano, 20 agosto 2002

Una testimonianza da amico su Bruno Dell’Ava, chiestami con grande sensibilità da Marco Sartori, non è un’impresa semplice. È necessario un linguaggio scarno, essenziale, come ci ha insegnato tutta la sua opera. L’ho conosciuto 30 anni fa mentre dipingevo felice al cavalletto il campanile di San Lorenzo a Chiavenna. Mi si avvicinò e brutalmente mi disse che il campanile era corto, largo e storto. Siamo diventati amici, ho visto le sue opere nella casa su per Pianazzola e ho capito subito la forza personalissima del segno e del colore, del suo spazio altro. Era stanco del lavoro di verniciatore di sci e gli consigliai di venire a Milano a studiare. Lo ospitai nel mio studio sui navigli e dopo pochi anni e pochissime frequenze ottenne la maturità artistica. L’esame di stato fu un manuale da film tragicomico, da commedia dell’arte con Totò e Buster Keaton come professori. Si sedette davanti alla Commissione, la Commissione lo guardò, lui guardò sbilenco la commissione, tirò fuori da un sacco di tela tre piccoli quadri ad olio, si guardarono tutti in faccia e lui ebbe la maturità. Col diploma cambiò lavoro e divenne il Guardiano del Paradiso, il Museo botanico archeologico di Chiavenna. In un gabbiotto di un metro per un metro ha scritto e dipinto le cose più potenti e dirompenti di questo fine millennio. Gli pubblicai i suoi fulminanti aforismi nei miei primi quattro cataloghi. Davanti alle sue opere io provai disagio e un senso di forza devastante e rigeneratrice di un nuovo ordine. I suoi segni sono lame nella carne viva e martoriata dell’uomo che vaga tra i non sensi e gli enigmi della vita. Nell’ignavia, stupidità e banale mostruosità di questi nostri tempi tecnologici, burocratici, pubblicitari, si ode il tuo urlo, unico e inconfondibile, forza primordiale della natura. La tua opera, caro Bruno, ti sopravviverà, si eleverà imperiosa nel tempo e nello spazio e Chiavenna sarà orgogliosa di te.

 

Roberto Plevano


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy