Sabato , 25 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (XIII), Sesto Properzio, dal Libro II, elegia VII
Sesto Properzio
Sesto Properzio 
19 Ottobre 2009
 

Forse mai un “dopoguerra” fece esplodere tanto incredulo senso di pace pari a quello che conseguì alla battaglia di Azio (31 a.C.), dopo decenni di strazianti lotte civili. Ottaviano, da vero vincitore, “perdonò” molti ex nemici, creando così le basi per un solido e rinnovato regime politico e culturale. A Roma, capitale del mondo, confluirono genti e intellettuali da ogni parte. Dall’Umbria arrivò con la madre Properzio, un provincialotto che, pur orfano di padre e impoverito da requisizioni agrarie, ma forse ancora agiato, divenne presto un poeta acclamato, inserito nei circoli più esclusivi, come quello di Mecenate, “ministro” della cultura augustea. Nel fior fiore della società protoimperiale, il poeta diciottenne conobbe una certa Hostia (o Roscia?), una gran bella donna, forse sposata, di certo “libera” e colta, più matura di lui. La cantò come Cynthia, appellativo di Diana: la sua Dea.

   Fu un’epoca di strabiliante fioritura letteraria, specie per la poesia, i nomi sono notissimi. Mentre il sommo Virgilio, unico, procedé genialmente a ritroso, partendo dalle Pastorali (alessandrine) e giungendo dopo le Campestri (esiodee) all’epica (omerica) con l’Eneide, i coevi poeti erotici attinsero unicamente dalla “moderna” lirica ellenistica; ma l’elegia latina ebbe, rispetto al canone originale — elegante e galante, erudito e mitologico, — una sodezza tutta italica, un senso della realtà spesso superiore alla poesia dei nostri tempi (si veda qui il riferimento a una legge forse di leva, forse contro il celibato). Properzio è notoriamente difficile sul piano linguistico, ciò che ha ostacolato la sua diffusione e fama; nondimeno è stato amato dai poeti più grandi, fino a un Pound, uno Yeats (si veda la mia resa di A thought from Propertius). Il suo “Tu mihi sola places” sarà una gemma incastonata in Ovidio, in Petrarca, e quant’altri. Poeta ostico da tradurre, ho teso qui a una sua semplificazione; il distico elegiaco è reso con un verso piano di 15 sillabe e uno di tronco di 14, con prevalente ritmo ternario: soluzione perseguibile almeno nelle elegie più brevi come questa.

 

 

Sextus Propertius (circa 50 a.C.– dopo il 16 a.C.)

 

 

Gavisa es certe sublatam, Cynthia, legem,

   Qua quondam edicta flemus uterque diu,

Ni nos divideret; quamvis diducere amantes

   Non queat invitos Iuppiter ipse duos.

‘At magnus Caesar.’ Sed magnus Caesar in armis:

   Devictae gentes nil in amore valent.

Nam citius paterer caput hoc discedere collo,

   Quam possem nuptae perdere amore faces,

Aut ego transirem tua limina clausa maritus

   Respiciens udis prodita luminibus.

Ah mea tum qualis caneret tibi tibia somnos,

   Tibia funesta tristior illa tuba!

Unde mihi patriis gnatos praebere triumphis?

   Nullus de nostro sanguine miles erit.

Quod si vera meae comitarent castra puellae,

   Non mihi sat magnus Castoris iret equus.

Hinc etenim tantum meruit mea gloria nomen,

   Gloria ad hibernos lata Borysthenidas.

Tu mihi sola places; placeam tibi, Cynthia, solus:

   Hic erit et patrio sanguine pluris amor.

 

 

Di certo hai goduto ora, Cinzia, alla legge abrogata,

   che ci fece, emanata, piangere stretti un dì,

a lungo, temendoci divisi, pure se Giove

   separare due amanti controvoglia non può.

Più vorrei che mi fosse il capo staccato dal collo

   che non poter passare tra i nuziali falò,

o già sposo, e fedifrago, davanti alla tua soglia

   sprangata, rivolgendo gli umidi occhi là…

Rovinerebbe allora quel flauto imeneo i tuoi sonni,

   triste più della tromba di funerea pietà.

Chi vuol dunque che doni dei figli ai trionfi di Roma?

   Nessun soldato dal sangue mio scaturirà;

ché se combatter dovessi invero per la mia donna,

   mai correrebbe assai il cavallo di un Dio per me.

Già tanta gloria infatti si è meritato il mio nome,

   fino alle infreddolite genti del Dnepr laggiù.

Tu sola mi piaci, possa piacerti io solo, o Cinzia,

   più che dar figli alla patria è il mio amore per te.

 

www.webalice.it/marcocipollini

 


Articoli correlati

  Marco Cipollini: L’arte dell’imitazione (V). “The garden seat” di Thomas Hardy e “Letting go” di Francis Harvey
  Marco Cipollini: L'arte dell'imitazione (II). "Vides ut alta" di Quintus Horatius Flaccus
  Marco Cipollini: L’arte Dell’imitazione (VII). “Élévation” e “Correspondances” di Baudelaire
  Marco Cipollini: L’arte dell’imitazione (VI). “Copa Surisca” Dall’Appendix Vergiliana
  Marco Cipollini: L'arte dell'imitazione (IV). “L'inno ad Afrodite” di Saffo
  Marco Cipollini: L'arte dell'imitazione (III). “La vie antérieure” di Charles Baudelaire e “Langueur” di Paul Verlaine.
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (XII). Gérard d’Houville, Vœu.
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (XI). “Quand vous serez bien vielle” di P. De Ronsard e “When you are old” di W.B. Yeats.
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (X). “The Lamb” e “The Fly” di William Blake
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (IX). La I Olimpica di Pindaro
  Marco Cipollini: L’arte dell’imitazione (I). "The Tiger" di William Blake
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (VIII). Edgar Allan Poe e William Butler Yeats
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy