Lunedì , 26 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
e che ci fossero ancora i dinosauri, nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 21
Giocattoli-Norimberga
Giocattoli-Norimberga 
03 Giugno 2009
 

e che ci fossero ancora i dinosauri

 

Ancora per le edizioni de “La Camera verde”, già presenti in precedenti note di questo spazio, è pubblicata Bianca come neve, libro che raccoglie testi di Michele Zaffarano e che nell’ossimorico connubio di leggerezza e densità mantiene la promessa contratta nel titolo. Volutamente scontato, privo di specificità e quasi tautologico, proprio il titolo del libro cela tutta una serie di focali attraverso cui riuscire a vedere quante “cose” ingannevoli siano oltre le parole e quali “cose” ingannevoli siano le parole stesse. Nel testo riportato in calce, e così negli altri testi del libro che alle volte assumono una disposizione orizzontale (arduo risulta parlare di verso e/o prosa per una scrittura che non rientra in un canone, se non quello determinato dall’autore) si assommano in forma elencativa una serie di “circostanze”, enunciate con la medesima intonazione, ma tutte diverse nella loro composizione e soprattutto per quanto attiene il rapporto di percezione soggetto/oggetto, così come la neve si compone di cristalli di ghiaccio tutti a forma esagonale, tutti differenti l’uno dall’altro. E come la neve viene prodotta dalla combinazione di pressione atmosferica e raffreddamento della temperatura, così questi testi, e il testo qui proposto, sembrano nascere dalla reazione tra una pressione emotiva indifferibile ed il raffreddamento del suo sfogo. Ecco che la critica al mondo esterno (una critica feroce e impietosa nei confronti del luogo comune, della categorizzazione, della pre-disposizione, del linguaggio stesso inteso come incubatore di tutti i difetti che l’uso, l’abuso e l’inerzia provocano senza il filtro di un’attenta auto-consapevolezza), la critica rivolta a sè in quanto organismo, o meglio elemento organico, del mondo esterno (dall’evidenza del luogo comune non è esente la propria quotidianità) ed una sorta di scetticismo che rischierebbe di assumere posa di cinica censura, vengono qui ribaltate non solo dall’inclusione dell’autore, come detto tra parentesi, nel luogo dei luoghi comuni, ma soprattutto dalla espressione del disincanto che rimane sullo sfondo a produrre apparentemente “frasi senza senso”. E invece il senso è stringente, serrato nelle maglie di una reazione che esplode nella direzione più istintiva e naturale che l’essere umano può opporre alla paura, al terrore o, peggio, alla rassegnazione nei confronti della propria esistenza. E’ il sogno, l’invenzione, il nuovo, proliferante incanto che, in assenza di reali vie di fuga, permette la dose di ossigeno sufficiente a dire ancora. Tanto più è consapevole e adulta la resistenza alla provocazione (che si riflette in una forma di provocazione uguale e contraria nella ripetizione della/e frase/i campionate dalla vita di tutti i giorni) tanto più si alza il livello di con-fusione tra le soggettività del testo (quella personale, quella impersonale, quella fittizia e quella plurale). La contraddizione, altro fondamentale strumento di disorientamento del lettore, è in parte controllata; proprio quando sfugge rivela e offre ulteriori momenti di “illuminazione” che ricordano gli esercizi verbali volti a provocare il satori (illuminazione) nella pratica zen. Testi, e questo testo, da leggere e ri-leggere alla scoperta dei rebus e paradossi che il linguaggio comune e il sotto-testo di presunta normalità nascondono continuamente agli occhi del lettore (sempre più distratto) di informazioni sempre più pre-configurate.

 

Giulio Marzaioli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

buttarmi dal ponte

essere un re

abitare in una fattoria

avere una tarantola oppure mezzo scorpione

avere mezzo scorpione e mezza tarantola

avere uno stallo

buttarmi giù da un castello

guadagnare cinque milioni l’anno

essere un uccello

andare a fare una crociera

cane cavallo fata sole

topolino scoiattolo

gatto un pesce

la mamma orsetto

a letto

in spiaggia

un pesce

io te e il sole

giocare al dottore

essere un missile

che fosse sempre estate

stare con il mio gatto

che la primavera restasse per tutta la vita

essere uno del circo

e che ci fossero ancora i dinosauri

aiutare gli animali

avere un telescopio

andare in egitto

andare da mia sorella a monaco

stare nella giungla

salire sopra gli alberi senza farmi male

che tutta la gente fosse viva

un letto di cedro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Michele Zaffarano è nato nel 1970 a Milano e vive a Roma. Suoi testi sono apparsi su varie riviste in Italia, Stati Uniti, Francia, Svezia. Per La Camera Verde sono usciti: E l’amore fiorirà splendidamente ovunque (2007), Il culto dei feticci nell’Italia contemporanea (2007), A New House (2008), Bianca come neve (2009). Come traduttore dal francese (Denis Roche, Jean-Marie Gleize, Claude Royet-Journoud, Olivier Cadiot, Christophe Tarkos, Jean-Michel Espitallier, ecc.) ha collaborato con «Testo a fronte», «Exit», «Nuovi argomenti», «L’Ulisse», «L’immaginazione». Dirige la collana «chapbooks» (ed. Arcipelago, Milano). È redattore di www.gammm.org.  Si occupa di installazioni sonore.

 

 

 

 

Bianca come neve

è edito da “La Camera Verde”.

Per informazioni

lacameraverde@tiscalinet.it  

tel. 340.5263877

 


Articoli correlati

  I Quaderni di Orfeo. Nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 13
  Juan Mayorga: “Teatro”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 7
  Marcello Sambati: “Sul cammino dei passi brevi”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d'uscita 6
  Michele Fianco: “Versi in via di liberazione (e un numero civico)”. Giulio Marzaioli: Vie d'uscita 5
  Edizioni Due Lire. Nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 12
  Letizia Leone: “Carte Sanitarie”; Matteo Lefèvre: “Ultimo venne il porco”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 10
  Lidia Riviello: “Neon 80”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 8
  La Camera Verde. Nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 14
  Carlo Bordini: “Sasso”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 9
  Brunella Antomarini: “Pensare con l’errore”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d'uscita 3
  Alessandro De Francesco, un testo. Nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 16
  A. Raos: “Le api migratori”; M. Giovenale: “Criterio dei vetri”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d'uscita 4
  Franco Buffoni: “Noi e loro”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d'uscita 1
  Eleonora Pinzuti. Due testi in uno, una nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 18
  Alessandro De Francesco: sul mio 'lo cercano' recensito da Giulio Marzaioli
  Musica in forma, una nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 20
  Giuliano Mesa: “Tiresia”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d'uscita 2
  Spot/ Roma. QUADERNI DI SCENA
  Angela e Christian Sanmann. berliNO, una nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 19
  Elisa Davoglio, un testo. Nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 17
  Giulio Marzaioli: Presentazione postuma. Vie d’uscita 11
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy