Domenica , 19 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Cipollini: L'arte dell'imitazione (IV). “L'inno ad Afrodite” di Saffo
10 Marzo 2009
 

SAFFO (seconda metà VII – primi decenni del VI sec. a. C.)

 

L’unica ode integra di Saffo. Ho lavorato su una servile, troppo onesta traduzione, non avendo la preparazione filologica per affrontare il nudo originale (dialetto eolico), al quale tuttavia ho guardato. Né, al di fuori della fidata pagina a stampa, si arrischia di avviare per i sentieri elettronici il testo greco con la sua segnatura meticolosa. Come ho annotato all’inizio della serie presente, la difficoltà vera del traduttore non è nella lingua di partenza, bensì in quella di arrivo. Ogni lingua letteraria è predisposta ad accogliere del trapianto poetico certi caratteri, a modificarne altri, a rifiutarne altri ancora. Ciò vale peculiarmente per l’italiano, con i suoi otto secoli di tradizione lirica. È dunque inutile, e nocivo, fingere di perseguire una qualche verginità stilistica, una purezza arcaica di ritorno – gli “arcaici” eran tutt’altro che “puri”! – come se duemilaseicento anni non fossero intercorsi tra noi e la poetessa di Mitilene: c’è in mezzo il mare latino, e Dante, Petrarca, Leopardi, e secoli insomma di traduzioni dai classici…

In parallelo alla traslazione linguistica, occorre operare quella dell’immaginario. Noi non vediamo più la natura divinizzata di Saffo; pertanto diversi dettagli figurativi, se non sono tradìti, oltre che tràditi, pèrdono d’intensità: per es. tutta la zona del cocchio con i passeri aggiogati che, presa a sé, sa di stucco rococò, di marzapane arcadico. Per recuperare un pochino lo spirito originario dobbiamo predisporre un paesaggio dell’anima, psicologicamente attendibile.

Siamo su un’isola greca, al termine di una notte insonne di desideri inappagati. Ma ecco verso oriente spunta alta sul mare Venere, la stella maris (e qui come non ricordare il dantesco “lo bel pianeto che d’amar conforta / faceva tutto rider l’oriente” sulla riva del Purgatorio?). Si spalanca una splendida aurora mediterranea, variegata dal rosso porpora al dorato: è questo il trono variopinto dell’astrale Afrodite. Saffo scorge la Dea – nel VII sec. a. C. gli Dei erano , visibilissimi – e la invoca; ed ella “viene” da lei, lasciando la casa dorata del padre Zeus, ovvero il cielo che, sùbito dopo l’aurora, acquista la sua vastità radiosa. Il cocchio con i passeri. Al sorgere del sole, e già nel crepuscolo antelucano, tutti gli uccellini iniziano a cantare, ed è come se quel tripudio cinguettante accompagnasse la “venuta”, cioè l’insorgere della presenza di Afrodite presso il cuore di Saffo. Sintesi didattica: Saffo, svegliatasi a quel cinguettio e vedendo, oltre l’apertura del suo cubicolo, Phosphóros (Lucifero, la portatrice di luce), si ricorda di una precedente occasione felice, oso dire teofanica, e sente rinascere in sé la promessa di un amore corrisposto. La “terra nera” è un binomio già cristallizzato nell’epica, dato che i Greci disponevano di ben pochi nomi per i colori: la Madre Terra quindi, rispetto al cielo diurno, è sempre “nera” (risimbolizzata dal Carducci in “sei nella terra negra”). Ma qui voglio immaginare che significhi “ancora in ombra”, non illuminata al pari dell’etere mattutino. Infine Afrodite è invocata come “sümmakos”, alleata; Saffo le chiede di lottare al suo fianco, così come combattevano i guerrieri nella falange. L’esecuzione cantata dell’inno sarà avvenuta di fronte a un simulacro della Dea, nell’àmbito del thiasos di fanciulle che Saffo dirigeva (sguardi, bronci, ammicchi, sorrisini…). Gelosie e affetti di breve respiro, di cui non restano nemmeno povere ossa. Rimane la poesia, come sempre.

Quanto alla metrica, si è adottata la tradizionale saffica italiana, di tre endecasillabi più un quinario. La perdita lirica nel suo complesso è irreparabile e non c’è restauro linguistico, ovvero poetico, bastante a consolarcene.

 

 

INVOCAZIONE AD AFRODITE

 

Stella del mare, sul trono istoriato

d’aurora, te generata immortale

dal cielo eterno io supplico, o radiosa

qua d’illusioni,

 

tu che mi dòmini oh non prostrarmi

con noia e tumulti, già se apparisti

remota ai miei sospiri, e la dimora

d’oro del Padre

 

lasciasti, aggiogati i passeri al cocchio,

e rapidi in un fitto batter d’ali

ti condussero per il vasto cielo

fin sulla terra

 

in ombra, e sùbito giungesti, e beata

tu di un sorriso aldilà della morte,

che mai patisse ancora, folle in seno,

che mai volesse

 

il cuore, avido ancora, mi chiedevi:

chi è lei che ami, Saffo? che più brami

l’apra al tuo amore la Dea persuadente?

Chi ti rifiuta,

 

e il modo ancor ti offende? Ma chiunque

ti sfugge ti cercherà, a te con doni

verrà se or li respinge: non perdona

Amor non si ami”.

 

Torna o stella del mare, da angosciosi

ceppi qui scioglimi ed ai miei acconsenti
più segreti desii, ora e per sempre

lotta al mio fianco.

 

 

www.webalice.it/marcocipollini


Articoli correlati

  Marco Cipollini: L’arte dell’imitazione (V). “The garden seat” di Thomas Hardy e “Letting go” di Francis Harvey
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (X). “The Lamb” e “The Fly” di William Blake
  Marco Cipollini: L'arte dell'imitazione (II). "Vides ut alta" di Quintus Horatius Flaccus
  Marco Cipollini: L’arte Dell’imitazione (VII). “Élévation” e “Correspondances” di Baudelaire
  Marco Cipollini: L’arte dell’imitazione (VI). “Copa Surisca” Dall’Appendix Vergiliana
  Marco Cipollini: L'arte dell'imitazione (III). “La vie antérieure” di Charles Baudelaire e “Langueur” di Paul Verlaine.
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (XII). Gérard d’Houville, Vœu.
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (XI). “Quand vous serez bien vielle” di P. De Ronsard e “When you are old” di W.B. Yeats.
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (IX). La I Olimpica di Pindaro
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (XIII), Sesto Properzio, dal Libro II, elegia VII
  Marco Cipollini: L’arte dell’imitazione (I). "The Tiger" di William Blake
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (VIII). Edgar Allan Poe e William Butler Yeats
  Paolo Diodati: A Roberto Benigni, Hum… che occhi, che beddi capiddi…
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy