Martedì , 21 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Cipollini: L’arte dell’imitazione (I). "The Tiger" di William Blake
Blake: The Tiger
Blake: The Tiger 
05 Febbraio 2009
 

Caro Claudio, ho letto “La panchina” di Thomas Hardy. Càpita a puntino. Ero qui infatti per proporti una mia serie a puntate, dedicata alla traduzione di poesie in forma chiusa, che è fuori moda. La prima puntata contiene qualche appunto teorico e la traduzione, con testo originale, di The Tiger. Le altre a seguire, con uno o due testi per volta (con originale), dall'inglese (anche Thomas Hardy, reso male da Montale), dal francese, dal latino, e forse qualcosa dal greco. Se c'è spazio in TF per questa operazione ecco il primo testo della serie, con gli appunti teorici generali; gli altri testi ne avranno, casomai, pochissimi e solo di carattere particolare.

Marco C.

 

 

L’ARTE DELL’IMITAZIONE. THE TIGER DI WILLIAM BLAKE

 

Questa serie di scritture si occuperà di imitazioni, ovvero traduzioni poetiche in forma chiusa, assai decadute nelle ultime generazioni, parallelamente alla stessa forma chiusa della poesia in prima istanza. Pochi appunti preliminari (il fare dimostrerà più del dire).

 

1) Pound: «La miglior traduzione è nel linguaggio che l’autore avrebbe usato se avesse scritto nella lingua del traduttore». Pertanto (del medesimo): «La cosa di PRIMA importanza in una traduzione è che il traduttore capisca la PROPRIA lingua, quella originale conta meno». Detto più liscio dal vecchio Monti: «Quando si traduce, non è più la lingua del tradotto a cui si debbano i primi riguardi, ma quella del traduttore».

2) Il Foscolo nelle considerazioni Su la traduzione del cenno di Giove, conclude a contraggenio: «Rispetto alla mia traduzione di questi tre versi, e di moltissimi altri, m’accorgo che si può etimologizzare, sillogizzare, fantasticare sopra i grandi originali, ritrarli al vivo non mai; e che le mie teorie condannano i miei esempi: però è più arrogante chi parla che chi fa». Eccellenti le due considerazioni finali.

3) Mai dimenticare T.S. Eliot: «Non so che razza di verso possa essere quello che non si può misurare». Una glossa un po’ spiccia: la prosa è prosa, e il verso non è prosa. Pertanto i versi veri siano tradotti in versi veri. Su cosa sia un verso vero ho già scritto nel Decalogo di poesia (vedi in Tellusfolio). In quanto alle possibilità ritmiche, nessuna lingua è più ricca dell’italiano; qualche ostacolo insorge riguardo il metro: per es., con lingue monosillabiche come l’inglese.

4) Le forme chiuse esigono forme chiuse, ottimo se corrispondenti (sonetto con sonetto). Qualora tradizioni e strutture linguistiche troppo diverse non lo consentano, pena il cadere in un calco tristo e cocciuto, si tenti di perequare in una forma equipollente, dato che ciascuna lingua ha le sue catene e i suoi tesori. Il traduttore deve vincere lo spessore della propria forma chiusa così come la sua vinse l’autore primo: disciplina etica, prima ancora che estetica.

5) Non si traduca puntando a una resa perfidiosa della parola intesa come nudo e crudo concetto, ma si guardi anche al suo ritmo sonoro, e quindi all’intera armonizzazione del discorso. Pertanto, anche se nessuna tessera del mosaico riprodotto corrisponderà alla corrispettiva originale, poco importa; ma ecco che basta allontanarsi di qualche passo e il concerto cromatico è il medesimo. Se gli strumenti (letterari, linguistici) mutano, lo spartito (concettuale, formale) pure muti in considerazione di quelli, tale da renderci pur sempre quella musica. La poesia, e quindi la traduzione metrica, si valuta pienamente nella sua dizione.

6) Se la traduzione, nel suo sforzo di fedeltà, riesce ad arricchire espressivamente l’originale, tanto di guadagnato; ciò, se non altro, compenserà in parte altre perdite. Il traduttore imitatore è il secondo autore del testo originale, al contrario di chi opera una “traduzione di servizio” o in versi liberi.

7) Rapporto etico, al livello sublime, fra Traduttore, Autore e Lettori: «Colui che Lo tradiva aveva convenuto un segnale con Loro, dicendo: “Chi bacerò è Lui; prendetelo e portatelo via tenendolo ben forte”» (Marco, XIV-44). Valutare attentamente ogni parola.

 

Un esempio di imitazione. The Tiger di Blake vive soprattutto del ritmo martellante, ora trocaico ora giambico, esaltato dal verso breve, che velocizza l’esecuzione, e dalle rime. Castrata di questo apparato espressivo, la tigre si trasforma in un micione. Non c’è, ch’io sappia, una resa in italiano che ce lo restituisca a un livello accettabile (Ungaretti, Ceronetti…), ma posso sbagliarmi. Tutti temono di tradire (!) il significato letterale – ben misera fedeltà – e solo a quello puntano. Quanto propongo non è, e non potrà mai essere, una corresponsione perfetta; ma l’uso di decasillabi, ancorché non irreprensibili, e di rime, baciate o alterne (si fa quel che si può), mi pare che funzioni abbastanza. Certa approssimazione semantica, se non sintattica, è nell’originale. Si consiglia una dizione scolpita, in “staccato”.

Ti prego, William, perdonami.

   

    

WILLIAM BLAKE

(1757 – 1827)

 

THE TIGER

 

Tiger! Tiger! burning bright

In the forests of the night,

What immortal hand or eye

Could frame thy fearful symmetry?

 

In what distant deeps or skies

Burnt the fire of thine eyes?

On what wings dare he aspire?

What the hand dare seize the fire?

 

And what shoulder, and what art,

Could twist the sinews of thy heart?

And when thy heart began to beat,

What dread hand? and what dread feet?

 

What the hammer? what the chain?

In what furnace was thy brain?

What the anvil? what dread grasp

Dare its deadly terrors clasp?

 

When the stars threw down their spears,

And water’d heaven with their tears,

Did he smile his work to see?

Did he who made the Lamb make thee?

 

Tiger! Tiger! burning bright

In the forests of the night,

What immortal hand or eye

Dare frame thy fearful symmetry?

 

 

LA TIGRE

 

Tigre! Tigre! bagliore screziante

le foreste di tenebre, quale

mano seppe, quale occhio immortale

forgiar la tua simmetria agghiacciante?

 

In quali remoti cieli o abissi

arse il fuoco dei tuoi occhi fissi?

Chi e con che ali osa sfidare?

Quale mano il fuoco osa afferrare?

 

Quale spalla seppe e quale arte

torcere i tendini del tuo cuore?

E palpitò: Chi ci prese parte

con mani e piedi senza tremore?

 

Quale maglio usò? quale scalpello?

In quale forgia fu il tuo cervello?

Quale pugno su incudine osa

serrar l’atrocità luttuosa?

 

Quando gli astri giù luce scagliarono

e di lacrime il cielo lavarono,

sorrise a veder Lui il suo travaglio?

Sortì l’Agnello e te dal suo maglio?

 

Tigre! Tigre! bagliore screziante

le foreste di tenebre, quale

mano osa, quale occhio immortale

forgiar la tua simmetria agghiacciante?

   

 

 

www.webalice.it/marcocipollini 


Articoli correlati

  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (X). “The Lamb” e “The Fly” di William Blake
  Marco Cipollini: L’arte dell’imitazione (V). “The garden seat” di Thomas Hardy e “Letting go” di Francis Harvey
  Marco Cipollini: L'arte dell'imitazione (II). "Vides ut alta" di Quintus Horatius Flaccus
  Marco Cipollini: L’arte Dell’imitazione (VII). “Élévation” e “Correspondances” di Baudelaire
  Marco Cipollini: L’arte dell’imitazione (VI). “Copa Surisca” Dall’Appendix Vergiliana
  Marco Cipollini: L'arte dell'imitazione (IV). “L'inno ad Afrodite” di Saffo
  Marco Cipollini: L'arte dell'imitazione (III). “La vie antérieure” di Charles Baudelaire e “Langueur” di Paul Verlaine.
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (XII). Gérard d’Houville, Vœu.
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (XI). “Quand vous serez bien vielle” di P. De Ronsard e “When you are old” di W.B. Yeats.
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (IX). La I Olimpica di Pindaro
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (XIII), Sesto Properzio, dal Libro II, elegia VII
  Marco Cipollini. L’arte dell’imitazione (VIII). Edgar Allan Poe e William Butler Yeats
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy