Lunedì , 26 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Riviello: “Neon 80”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 8
24 Giugno 2008
 

Fatti non fummo

 

Siamo all’interno di una camera, con i poster alle pareti, i peluches sul davanzale e, seminascosto tra le coperte, un cadavere riverso sul letto. Il corpo di un’ingenuità sacrificata sull’altare di una visione adulta, fatta e dichiarata responsabile.

È stato scritto e detto che la poesia di Lidia Riviello può essere definita “pop”. Ci troviamo ben oltre. Se questo poemetto “anni ‘80” non è datato è proprio perché sulle icone della produzione e del mercato pone il velo del lutto. Non credo, insomma, che questa scrittura divenga prodotto, per il semplice fatto che il sottotesto è tutto interno alla componente verbale del titolo, neon, e non all’elemento numerico, (gli anni) 80. E allora la lettura cambia e l’autrice si mostra con il freddo cinismo di chi assiste alle esequie della propria vittima, incredula e partecipe (colpevole?) ad un tempo (quanto Corpo a noi dovuto ci è stato sottratto?). Se icone pop costellano il poemetto è perché esse si mostrano alla luce ospedaliera del neon, appunto, e quindi già deteroriate. Chi scrive, in qualche modo, sa del danno subito (a quanto Corpo abbiamo rinunciato per il look di base/ con un’anima bella chiusa in una bora nucleare?).

Lidia Riviello, dunque, non si limita a rappresentare. Il gioco è nello scardinamento della memoria, nello scavo da dietro dell’immagine perché sia dato vedere ciò che rimane (era tutto poco originale, visto da dietro). E per fare questo niente è da tralasciare, dal momento che solo dall’immagine del corpo si può arrivare alla percezione dello scheletro: «credo si debba tenere tutto a distanza e a portata di mano quando si scrive: le imprecisioni, i dettagli, i tic delle parole in fase di montaggio, e quando poi smonti il meccanismo del reale è l’antimorale che ne viene fuori che riassesta l’immagine sfocata» (cit. da Lidia Riviello, Variazioni Meridiano, dichiarazione di poetica su www.nazioneindiana.com). La catalogazione delle icone “anni ‘80” viene sapientemente orchestrata dalla Riviello quasi fosse un pianto di vecchie comari, coinvolte nella processione dietro il carro su cui giace, tuttavia, un’innocenza da loro stesse violata. E se andiamo a togliere il velo del lutto troviamo, ancor più a fondo, nella disgregazione e dispersione dell’emotività, la perdita più straziante. Anche la capacità di amare è infatti filtrata da una luce al neon (cfr. la sezione “Terra di neon o del perduto amor”): siamo ormai inadatti ad un rapporto che vada oltre la patina del consumo del sentimento. La decadenza sottesa a questa “visione” storica è resa nel barocchismo della citazione, nella nenia dantesca del “fatti fummo…” che, dietro l’artificio, cela lo schernimento non soltanto della propria generazione, ma dell’adolescenza di qualsiasi generazione.

Nella finzione più dichiarata la possibilità di non fingere; nella esposizione dell’immagine la durezza del reale e del tempo definitivamente materico e trascorso; nella scelta del mito da consumo nessuna falsa aderenza ad una simbologia sociale ulteriormente falsa, non propria perché non realmente attraversata. Ancora la Riviello: «questi sono tempi come gli altri, non si fanno sconti, né dobbiamo innalzare e sublimare il dramma per scrivere meglio».

Dichiarando l’assoluta buona fede del suo artificio, l’autrice - in appendice al poemetto - porta come contro-luce una disamina di “fatti” di quegli anni; tutto ciò che, mentre eravamo “assuefatti” al neon, sotto altra luce stava de-formando il tempo a venire. Forse la speranza era (ed è) in un’alternativa (convinti che dalla città di fronte/ci avrebbero restituito il sole). Ma prima - ci ripete la Riviello nella sua macabra danza - sia deposto il primo strato della storia, la sua superficie di plastica (fummo spenti con il neon appunto).

 

Giulio Marzaioli

 

Lidia Riviello
Neon 80
Editrice Zona

10,00

 

 

Lidia Riviello è nata a Roma dove vive e lavora. È autrice di poesia e prosa. Suoi testi sono tradotti in inglese, francese, arabo, sloveno e giapponese. Con l’inedito Neon 80 ha vinto la quarta edizione del Premio “Antonio Delfini” 2007. Partecipa a reading di poesia in Italia e all’estero, è curatrice di importanti festival internazionali nonché autrice di programmi radio e tv.


Articoli correlati

  I Quaderni di Orfeo. Nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 13
  Juan Mayorga: “Teatro”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 7
  Marcello Sambati: “Sul cammino dei passi brevi”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d'uscita 6
  Michele Fianco: “Versi in via di liberazione (e un numero civico)”. Giulio Marzaioli: Vie d'uscita 5
  Edizioni Due Lire. Nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 12
  Letizia Leone: “Carte Sanitarie”; Matteo Lefèvre: “Ultimo venne il porco”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 10
  La Camera Verde. Nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 14
  Carlo Bordini: “Sasso”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 9
  Brunella Antomarini: “Pensare con l’errore”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d'uscita 3
  Alessandro De Francesco, un testo. Nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 16
  A. Raos: “Le api migratori”; M. Giovenale: “Criterio dei vetri”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d'uscita 4
  Franco Buffoni: “Noi e loro”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d'uscita 1
  Eleonora Pinzuti. Due testi in uno, una nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 18
  Alessandro De Francesco: sul mio 'lo cercano' recensito da Giulio Marzaioli
  Musica in forma, una nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 20
  Giuliano Mesa: “Tiresia”. Recensione di Giulio Marzaioli. Vie d'uscita 2
  Spot/ Roma. QUADERNI DI SCENA
  Angela e Christian Sanmann. berliNO, una nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 19
  e che ci fossero ancora i dinosauri, nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 21
  Elisa Davoglio, un testo. Nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 17
  Giulio Marzaioli: Presentazione postuma. Vie d’uscita 11
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy