Lunedì , 11 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Rosa Pierno: “Il Bene Della Vista” Di Mauro Ferrari, Edizioni Joker.
Euro 12,50, Joker, 2006
Euro 12,50, Joker, 2006 
21 Aprile 2008
 

Riflessione sulla vita restituirebbe specchio rotto, i cui frammenti, nei quali ravvisiamo la nostra immagine franta, non collimano, non ricompongono più una figura congruente e unitaria. È esattamente questa la configurazione del problema esistenziale, il lavoro che il poeta affronta nei suoi versi. In questo senso si può parlare qui di poesia etica, ove per etico s’intenda il senso da dare alle nostre azioni e ai nostri pensieri attraverso una formalizzazione non categorica, non dogmatica, ma scandagliata e sceverata in ogni sua ansa e piega.

È, però, la modalità di questa costruzione che ci colpisce in maniera singolare e che rapisce l’attenzione. C’è una convergenza tra i temi della riflessione etica e i temi della perlustrazione del reale (nel senso della sua restituzione percettiva e quindi estetica), quasi che non esistesse distanza tra di loro: «E la stocastica degli urti, / le occhiate che s’incrociano / attraverso un tavolo come due spade / sono masse estranee che si sfiorano». A tal punto che saremmo tentati di dire che la poesia, in fondo, è il luogo ove questa commistione, ben separata in alcuni ambiti filosofici, possa darsi in inestricabile contiguità.

Quale sarà l’esito di tale indagine è domanda che Mauro Ferrari rivolge anche a se stesso. Il suo libro è, appunto, testimonianza del percorso insieme rischioso eppure inevitabile, che il poeta si pone come obiettivo, quando l’impegno della poesia sia assunto in pieno, in tutta la sua portata. Proprio tale percorrenza sarà, infatti, contemporaneamente, esito/scacco: «Il corpo del reato / è un atomo marmoreo e muto, / i fatti uno strisciare fra le rocce / o l’arruffarsi del cespuglio / che non dice vento».

E, dunque, appare in tutta evidenza che gli strumenti dell’indagine e gli oggetti investigati sono problematici di per sé, non solo perché paiono non rispondere agli interrogativi posti dal poeta, ma anche perché è certamente arduo il trapasso da tali strumenti e da tali dati materiali alle entità metafisiche (Verità, Giustizia). Tale trapasso è, infatti, certificato da un salto, si compie su un baratro. Eppure: «c’è un fare che si fa sapere / e dire, e ancora vivere, nell’ultimo». Ed è con questa pesca, che restituisce il senso stesso della pratica poetica, che Ferrari ci conduce, convinti e grati, alla condivisione di una miracolosa moltiplicazione: esperienza di uno che si fa di tutti.

Mauro ci guida attraverso la perigliosità del dire con dantesca memoria: «e quella carne e quella luce, / come dirle senza tradire la consegna / del bianco e del silenzio?». Il poeta accetta lo scacco, ma non torna a mani vuote, persino quando si pone dinanzi alla descrizione di una pittura o quando parla di un avvenimento doloroso o di eventi che come boe deformano il corso della storia o dello spaesamento che coglie dinanzi a «le geologie / che fremono in maturazione». Ferrari non risparmia nessun oggetto alla sua investigazione né cerca artifici consolatori: «nulla mai saprai per sommatoria o balzo della mente / degli intenti silenziosi delle sfere o della forza che ci regge / la stessa che ha aperto i monti, il lago e i venti». Ferrari non sopprime il baratro tra dati reali e dati culturali e anzi si sporge nel vuoto, senza paura di fissare.

 

Rosa Pierno

 

 

Mauro Ferrari (Novi Ligure 1959) è stato direttore editoriale delle Edizioni Joker, www.edizionijoker.com, da lui fondate nel 1994.

Ha pubblicato tre raccolte poetiche: Forme (Genesi, Torino 1989), Al fondo delle cose (Joker, Novi 1996) e Nel crescere del tempo (con l’artista Marco Jaccond, I quaderni del circolo degli artisti, Faenza 2003); ha inoltre pubblicato brevi saggi di poetica, Poesia come gesto. Appunti di poetica (Joker, Novi 1999), e ha collaborato con testi e saggi ad antologie italiane ed europee.

Suoi interventi sono apparsi sulle maggiori riviste, nell’Annuario Castelvecchi e nella silloge critica Sotto la superficie. Letture di poeti italiani contemporanei (Bocca, Milano 2004).


Articoli correlati

 
Opere correlate

 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.8%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy