Mercoledì , 24 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giulio Marzaioli: Sul libro “Plis de pensée” di Flavio Ermini recensito da Alessandro De Francesco
Flavio Ermini e Ida Travi
Flavio Ermini e Ida Travi 
04 Aprile 2008
 

Per l’importanza riconosciuta ai Commenti che arricchiscono l’orizzonte dell’interpretazione letteraria sui libri di poeti contemporanei pubblicati di recente, per l’amicizia che mi lega a Flavio Ermini, per la simpatia che nutro verso l’avventura sperimentalpoetica di Alessandro De Francesco, ospito in prima il commento di Giulio Marzaioli. Invitandolo nel contempo (come è scelta abituale di Tellusfolio-Critica della Cultura verso la produzione di lettori-navigatori interessanti per la Redazione), vista la capacità che ha di entrare nelle nervature di un testo poetico, ad esercitare la sua lente con altri contributi in  questo giornale-rivistaweb.

   

                                                              Claudio Di Scalzo

                                                              discalzo@alice.it

  

  

  

 Attorno a Plis de pensée di Flavio Ermini

  

Tra i vari e pertinenti passaggi della recensione di Alessandro De Francesco, trovo particolarmente interessante quanto puntualizzato a proposito del “genere” dei testi-frammenti di Ermini, ovvero un non-genere che mal si colloca nel solo genere poesia o nel solo genere prosa, comprendendoli entrambi. Credo che l’opera di Ermini possa essere messa in controluce rispetto alla finestra che, negli anni, la rivista Anterem ha aperto su esperienze di ricerca che non fossero caratterizzate soltanto dal mero azzardo formale, ma anche da un’interrogazione costante alla e con la parola. Soprattutto in poesia è necessario porsi il problema della forma e qualsiasi sia la soluzione, in linea con formule già conosciute piuttosto che nel solco di una propria definizione, occorre che questa sia “propria” all’esito di un attraversamento. Così, restituendo a ciascun codice e a ciascuna forma la sua peculiarità, credo sia opportuno riconoscere a ciascuno il proprio codice e la propria forma. Sicuramente la “forma” prescelta da Flavio Ermini porta con sé i segni dell’attraversamento di forme altre, e tali segni arricchiscono l’”ascolto” del lettore come tracce di percorsi di cui, senza volere, rimane memoria nel e “attraverso” il proprio, che solo di questo si può dare conto (non esistendo la possibilità di dire qualcosa di “nuovo” - cito lo stesso Ermini da una recente conversazione). Ecco che, per quanto lontano da qualsiasi riferimento, il solo fatto di avere avuto esperienza di differenti linguaggi (differenti rispetto al proprio) colloca nella storia qualsiasi voce che, altrimenti, resterebbe a-temporale e quindi non permanente. Rendere conto di una conoscenza, di aver attraversato.

 

Questo mi sembra che faccia Ermini, in una commistione di riflessione filosofica e scarto percettivo che ben si iscrive (viene scritta) nel frammento non-in-versi, che tuttavia non può dirsi non-poesia o prosa in prosa, come, mi corregga De Francesco se sbaglio, Gleize è solito definire i propri testi. Complimenti per la sfida che vede questa storia a confronto con una storia, quella francese più recente, in cui tanti percorsi di-versi sono la prova di una differenziazione che - nonsotante la presenza di agguerrite scuole di poetica - arrichisce un panorama la cui dinamicità è alimentata anche da un dialogo effettivamente praticato tra discipline, linguaggi e, per l’appunto, generi.

  

 

                                          Giulio Marzaioli

                                       gmarzaioli@yahoo.it

 


Articoli correlati

  Sulla danza
  Flavio Ermini. La poesia non è un genere letterario
  Patrizia Garofalo. “Essere il nemico” di Flavio Ermini
  L'esperienza poetica del pensiero. Il numero 80 di “Anterem”
  Patrizia Garofalo. “Della fine” di Flavio Ermini
  Della spiritualità della terra e del seme della parola. Duccio Demetrio e Flavio Ermini
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  La verità dell’ombra, l’ombra del dire
  Lorenzo Montano: Viaggio attraverso la gioventù. Postfazione di Flavio Ermini. Moretti & Vitali editori
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Flavio Ermini. L’ascolto del testo
  Rosa Pierno. “Il matrimonio del Cielo con la Terra” di Flavio Ermini
  Spot/ Cierre Grafica con Anterem Edizioni e Poesia2.0: Opera prima
  Flavio Ermini. L’altare dei sacrifici e il giardino destinato alla vita
  Flavio Ermini. La persistenza dell’aurora
  Biennale Anterem di Poesia. Motivazioni e finalità.
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Giuseppina Rando. Dove persiste oscurità
  In libreria/ Aurelia Delfino. Danze
  Vetrina/ Flavio Ermini. Il totem che cade e cade
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  L’Albero della filosofia. Rainer Maria Rilke
  Giuseppina Rando. Impensato
  In libreria/ Flavio Ermini, Il compito terreno dei mortali
  Eventi/ Roma: Ritratti di Poesia
  Patrizia Garofalo. Su “Karlsár” di Flavio Ermini
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  Galleria Peccolo. “Action Poetry”: Conversazione con Flavio Ermini
  Franc Ducros: Prefazione a Flavio Ermini, Plis de pensée.
  La tâche terrestre des mortels. Poésies 2002-2009
  Riviste/ Anterem 81. Poetiche del pensiero
  Riviste/ Anterem 82. La responsabilità della parola poetica
  Giuseppina Rando. “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  Spot/ Flavio Ermini: L'esperienza poetica del pensiero
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  “La parola poetica, vicina alla verità”. Incontro con Flavio Ermini
  Milano: Le riviste letterarie. Un incontro
  In libreria/ Patrizia Garofalo. L’abbaglio ideale delle rose
  Patrizia Garofalo: Flavio Ermini. Rilke e la natura dell’oscurità
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Patrizia Garofalo. La parola numerosa di Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. Breve nota alla parte sesta de “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Flavio Ermini, Plis de pensée. Recensione di Alessandro De Francesco
  Flavio Ermini, Il moto apparente del sole. Storia dell’infelicità.
  Flavio Ermini. Il giardino conteso
  Alessandro De Francesco, un testo. Nota di Giulio Marzaioli. Vie d’uscita 16
  Aymen Hacen. Alphabet de l’heure bleue. Prefazione di Alessandro De Francesco
  Alessandro De Francesco: sul mio 'lo cercano' recensito da Giulio Marzaioli
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy