Mercoledì , 01 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Barbarah Guglielmana. La fragilità in tasca
(foto di Ilaria Francesca Martino)
(foto di Ilaria Francesca Martino) 
02 Ottobre 2020
 

L’uomo deve non tanto costruire la sua vita, quanto proseguire la sua incompiuta nascita; deve nascere via via lungo la propria esistenza, ma non in solitudine, bensì con la responsabilità di vedere e di essere visto, di giudicare e di essere giudicato, di dover edificare un mondo in cui possa venir racchiuso questo essere prematuramente nato.

Maria Zambano

 

Luciano Manicardi

Fragilità

Qiqajon, pp. 90, € 10,00

 

Credo che la più grande lezione di umanità oggi io l’abbia avuta dall’uomo di Neanderthal.

Da una scoperta negli anni cinquanta in Iraq, avvenuta ad opera dell’archeologo Ralph Solecki, leggevo di uno scheletro di uomo della paleoantropologia, appartenente ad un uomo gravemente ferito, e che aveva potuto sopravvivere con la sua menomazione grazie alla collaborazione, all’aiuto, del suo gruppo di appartenenza. «Il fragile, con la sua sola esistenza, mi chiama alla responsabilità. E se è vero che le nostre capacità, per essere messe in funzione, abbisognano di essere svegliate, ecco che il fragile svolge questa funzione di svegliarci alla responsabilità: ci crea come responsabili e ci rende più umani».

Questa è una lezione che nel saggio Fragilità, Luciano Manicardi, indica come la possibilità ed opportunità che l’essere umano possa avere, e cogliere, per definirsi essere umano, nel rapporto con l’altro. «Chi è fragile, come il neonato, come la persona sofferente o disabile, o vittima del male inflitto dagli umani, è appello alla responabilità, a prendersere cura. Il fragile chiama, senza parole, all’azione. Innanzitutto esso invita alla prossimità, a farsi prossimo. Il fragile attiva quello che è stato chiamato “principio responsabilità”, principio perché si esprime come appello, anzi, imperativo, da niente preceduto. Imperativo che ci raggiunge in forma di sentimento per cui la fragilità del fragile risuona in noi, ci colpisce, ci riguarda e non può lasciarci indifferenti. Questo imperativo non è riducibile a un sentimento compassionevole, ma porta in sé l’istanza della giustizia e della misericordia: induce a portare aiuto, a farsi prossimo perché sentiamo di essere di fronte a una situazione che è ma che non dovrebbe essere la nostra».

Una lettura in cui non si esalta l’essere fragile, non viene ‘augurato’ d’essere fragili ma viene evidenziata la possibilità del camminare nella propria vita con la possibilità di inciampare, ed essere ANTIFRAGILE (neologismo di Nassim Nicholas Taleb) indica la capacià di migliorare e trarre vantaggi dalle situazioni di caos, disordine, instabilità, variabilità... ciò che è resiliente, aggiunge, resiste agli shock e rimane identico a se stesso; l’antifragile migliora. Una strenna per ogni giorno dell’anno questo libro.

In copertina la frammentazione o la frantumazione di un pavimento, di un appoggio alla cura: Scultura di Alberto Burri.

 

Barbarah Guglielmana


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy