Mercoledì , 26 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Patrizia Garofalo. “Della fine” di Flavio Ermini 
L'alba si acceca nel buio mentre il male ci destina alla morte
01 Ottobre 2016
 

Flavio Ermini

Della fine

La notte senza mattino

Formebrevi Edizioni, pp. 48, € 6,00

 

 

Un libretto” l'avrebbero nominato Caproni, Raboni, Spagnoletti, Minore. Così chiamavano i grandi contenuti racchiusi in poche parole. Per comprendere l'orrore che attraversa lo scritto di Flavio Ermini e inchioda il cuore alle pagine come a strapparlo nei violenti battiti dell'angoscia, bisogna accettare di guardare il buio senza cercarne la luce. È il nostro esistere di destinati alla morte che l'autore mostra senza paratie, consolazioni e possibili rinascite.

Se la morte, signor mio fosse come uno di quegli insetti strani, schifosi che qualcuno inopinatamente ci scopre addosso ...Lei passa per la via; un altro passante all'improvviso lo ferma e con due dita protese le dice: – scusi permette... e con due dita protese la piglia e la porta via… ma la morte non è come quegli insetti… tanti passeggiano portandosela addosso...” (L'uomo dal fiore in bocca di Luigi Pirandello). Siamo larve destinate a diventare insetti immondi ma, con termine “larva” l'autore non indica solo l'orrore del destino umano ma anche la maschera (anticamente, questa era l'accezione del termine) l'infingimento, l'indifferenza, il non voler sentire e proseguire così verso illusorie mete.

E negato è l'oblio.

io questo ciel, che sì benigno / appare in vista, a salutar m’affaccio, / e l’antica natura onnipossente, / che mi fece all’affanno. A te la speme / nego, mi disse, anche la speme; e d’altro / non brillin gli occhi tuoi se non di pianto” (La sera del dì di festa, 1820, Leopardi).

Tra quegli alberi spogli, nel dilagare dell'angoscia e della disperazione, della frantumazione e della dissociazione, si spegne il grido di guerra della nostra infanzia” scrive Ermini nel suo ultimo lavoro nel quale disperazione e solitudine si sovrappongono in un silenzio urlato; la parola rimanda violenta al dipinto di Munch e al riaffacciarsi oggi del pericolo di quei tempi che rende lo scritto un grande poemetto civile e accorato. Il mondo è il pericolo che ha preso forma” e “la bambola” che chiude le palpebre senza risposta segue l'uomo da allora, dalla soglia dei padri, dalla nascita e sarà incubo al suo percorso “Oltre il cielo stellato ci sono alberi spogli e un muro di pietra”. La natura è indifferente ad uomini e cose ma il pensiero di cui egli è pur dotato non guarda l'infelicità e la pagina che Flavio Ermini titola povertà è tra le più significative del poemetto. Breve, essenziale, denudata, spoglia indica nell'uomo l'incapacità di fronteggiare il male nel non volerlo vedere, dirigere, guardarne alle radici e averne pietà “cerca di sfuggirlo, volgendo il capo altrove”... “la vita è una traversata dal nero al nero”... “Anche carezzare l'illusione dell'oblio decreta un fallimento”. Flavio Ermini userà per due volte il termine carezzare, come inutile consolazione ma, e, a mio avviso più toccante, come momentaneo sollievo al male; una carezza, una stretta di mano, una fisicità di vicinanza, di condivisione anche nella cecità degli occhi della bambola che si chiudono senza risposta. Davanti al male ritrovare la fratellanza forse, auspicare la fine delle atrocità che ci assediano, la morte e le stragi di innocenti? Non stiamo forse ritornando, sembra dirci il poeta ai periodi bui del novecento?

Oltre alle parole incise nei fogli e che sembrano fuoriuscire sangue, forse la risposta potrebbe essere suggerita dall'immagine di copertina. Un fotogramma dal Faust di Murnau.

Ambientato in Germania il film è del 1926. Faust si trascina attraverso il buio, curvo, bianco, vecchissimo, l'albero è minaccioso e spoglio e il patto con Mefistofele ha aperto al protagonista la strada non al fallimento ma alla dimensione umana.

Il sogno di gloria e bellezza eterne schiudono il cuore alla coscienza del dolore così come scrive Flavio Ermini in Povertà.

E sembra di vedere una pietà scolpita dall'amore e dal dolore.

 

Patrizia Garofalo


Articoli correlati

  La verità dell’ombra, l’ombra del dire
  Patrizia Garofalo. “Essere il nemico” di Flavio Ermini
  L'esperienza poetica del pensiero. Il numero 80 di “Anterem”
  Spot/ Cierre Grafica con Anterem Edizioni e Poesia2.0: Opera prima
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Eventi/ Roma: Ritratti di Poesia
  Patrizia Garofalo: Flavio Ermini. Rilke e la natura dell’oscurità
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  Sulla danza
  Della spiritualità della terra e del seme della parola. Duccio Demetrio e Flavio Ermini
  Flavio Ermini. L’ascolto del testo
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Riviste/ Anterem 82. La responsabilità della parola poetica
  Spot/ Flavio Ermini: L'esperienza poetica del pensiero
  Vetrina/ Flavio Ermini. Il totem che cade e cade
  Biennale Anterem di Poesia. Motivazioni e finalità.
  Milano: Le riviste letterarie. Un incontro
  Giuseppina Rando. Dove persiste oscurità
  In libreria/ Aurelia Delfino. Danze
  L’Albero della filosofia. Rainer Maria Rilke
  In libreria/ Flavio Ermini, Il compito terreno dei mortali
  Giuseppina Rando. Impensato
  “La parola poetica, vicina alla verità”. Incontro con Flavio Ermini
  Flavio Ermini. La poesia non è un genere letterario
  Patrizia Garofalo. Su “Karlsár” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. La persistenza dell’aurora
  Franc Ducros: Prefazione a Flavio Ermini, Plis de pensée.
  La tâche terrestre des mortels. Poésies 2002-2009
  Giulio Marzaioli: Sul libro “Plis de pensée” di Flavio Ermini recensito da Alessandro De Francesco
  Giuseppina Rando. “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Rosa Pierno. “Il matrimonio del Cielo con la Terra” di Flavio Ermini
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  In libreria/ Patrizia Garofalo. L’abbaglio ideale delle rose
  Lorenzo Montano: Viaggio attraverso la gioventù. Postfazione di Flavio Ermini. Moretti & Vitali editori
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Patrizia Garofalo. La parola numerosa di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Patrizia Garofalo. Breve nota alla parte sesta de “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  Flavio Ermini, Plis de pensée. Recensione di Alessandro De Francesco
  Galleria Peccolo. “Action Poetry”: Conversazione con Flavio Ermini
  Flavio Ermini, Il moto apparente del sole. Storia dell’infelicità.
  Flavio Ermini. L’altare dei sacrifici e il giardino destinato alla vita
  Flavio Ermini. Il giardino conteso
  Riviste/ Anterem 81. Poetiche del pensiero
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy