Lunedì , 08 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cordì. Mattia Milea racconta il partigiano “Malerba”
27 Aprile 2016
 

Dalla Calabria alle Langhe. Il combattente Malerba racconta la sua lotta partigiana (Disoblio Edizioni, 2016) di Mattia Milea è un libro da leggersi tutto in un fiato. La storia di Pasquale Brancatisano, nome di battaglia “Malerba”, infatti è di quelle che non lasciano mai che l’attenzione del lettore si disperda o perda di vista quello che si sta narrando. Pasquale, dalla natia Samo di Calabria, si trova, chiamato alle armi, agli ordini dell’esercito di Mussolini, quindi diventa, dopo l’8 settembre, fuoriuscito e, poi, subito dopo il suo arrivo nelle Langhe piemontesi, partigiano della “Brigata Garibaldi”, la stessa, tanto per intenderci, di Pompeo Colajanni. Pasquale è un umile contadino, è cresciuto in un universo preciso e fatto di valori indiscutibili e di tradizioni che si tramandano da padre in figlio, ma adesso si trova, come amerebbe dire Aldus Huxley, in un «mondo nuovo». Un mondo fatto di persone che decidono insieme il da farsi – come tutto questo è lontano dall’individualismo che connotava la società calabrese di quegli anni! –, un mondo dove vige un rispetto esclusivo dell’uno rispetto agli altri, un mondo dove si portano avanti valori come la libertà e l’eguaglianza che sono del tutto desueti nell’orizzonte culturale del partigiano calabrese.

Pasquale – raccontato magistralmente dalla penna di Mattia Milea – si trova allo stesso tempo dentro un sogno di rigenerazione e dentro un presente politico del quale nella sua lontana terra non poteva avere neppure alcun sentore. Pasquale adesso è un partigiano e nel lento fluire delle pagine della Milea – che da biografa è divenuta anche attenta e partecipe protagonista delle avventure del suo personaggio – egli si trasforma anche in un simbolo. Il simbolo nella speranza della redenzione e dell’emancipazione: dopo la guerra Pasquale – da umile semianalfabeta (egli possiede solo la licenza di terza media) – inizia anche a scrivere poesie. Mattia Milea insomma ci restituisce con questo libro il percorso umano di un partigiano che non si è mai risparmiato, che è stato capace anche di donare la propria vita in soccorso e per salvare quella altrui, che è stato capace di riorganizzare la propria stessa psiche trascendendo riti, miti, usanze e condizionamenti culturali – della Calabria degli anni del fascismo – per raggiungere un certo grado di emancipazione e la convinzione profonda di alcune idee che lo avrebbero accompagnato, dalla sua esperienza di partigiano in poi, per tutto il resto della sua vita.

Pasquale dice: «Si può parlare con tutti. Non importa quanto sia alta la posizione che occupa il nostro interlocutore. Si può parlare con tutti allo stesso livello. Con educazione. Con rispetto».

Corredano il volume numerose fotografie d’epoca e una ricca bibliografia, oltre che una sitografia altrettanto ben curata, che forniscono a questo lavoro editoriale il pregio di un volume che restituisce una testimonianza diretta di alcuni fatti storici cruciali e la storia di un uomo che – oggi Pasquale ha 95 anni e vive ancora nella sua Samo – ha messo la propria vita in gioco per il futuro stesso dell’Italia.

 

Gianfranco Cordì


Foto allegate

Pasquale Brancatisano con la sua nipotina
Articoli correlati

  Gianfranco Cordì. «Più montagne vedo e più forte vado»
  Stefano Valenti. Rosso nella notte bianca
  Guido Monti. È di nuovo l'ora di una Resistenza europea
  Vetrina/ 25 Aprile Tellusfolio
  Mauro Raimondi. La lezione del partigiano Alfa
  Renzo Fallati. Viaggio a Monaco e Dachau
  Carlo Forin. Il doppio circolo della Resistenza
  I giovani e i valori della Resistenza
  Lidia Menapace. Questo 25 aprile/2
  Piero Calamandrei. Resistenza
  25 aprile. Festa della Liberazione
  Mauro Biani. La Liberazione offerta dall'Europa
  Gordiano Lupi. Due letture da qui al 25 Aprile
  25 aprile/ Santino Spinelli ricorda con una poesia gli eroi e i martiri Rom e Sinti
  Vetrina/ Roberto Malini. I nuovi partigiani
  Annagloria Del Piano. 25 Aprile: Festa della Liberazione
  Lidia Menapace. Questo 25 aprile
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.4%
NO
 25.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy